50 anni di “Breaking the Word”, un bollettino trimestrale delle omelie domenicali

0
624

(Bengaluru, India) – “Breaking the Word” sta al centro di ciò che siamo come Redentoristi, che sono chiamati a “seguire l’esempio di Gesù Cristo, il Redentore, predicando la Parola di Dio ai poveri, come ha dichiarato di se stesso: “Mi ha mandato a predicare la buona novella ai poveri (Lc 4, 18)” (Costituzione redentorista n. 1). La predicazione efficace comporta l’effettivo spezzare della Parola di Dio al popolo di Dio. Predicare la Parola di Dio ai poveri più abbandonati era molto centrale per la vita di Sant’Alfonso. Era conosciuto come instancabile predicatore della Parola di Dio. Ha dedicato più di trent’anni della sua vita alla Predicazione della Parola di Dio al semplice popolo rurale, ai ritiri per sacerdoti, seminaristi e suore. Predicava più di centocinquanta missioni parrocchiali o popolari (le missioni parrocchiali durante il tempo di Sant’Alfonso duravano da due a quattro settimane). La sua predicazione era assolutamente persuasiva, assolutamente convincente, nata dalla sua stessa convinzione. Il suo stile era sempre semplice che evitava l’astrazioni inutili. Insistette sulla rimozione di tutte le parole di fantasia dai sermoni e chiese l’uso del linguaggio normale e quotidiano. Disse di se stesso: “Forse dovrò rendere conto a Dio per ogni altro tipo di peccato, ma non per una predica scorretta. Perché ho sempre predicato in modo che tutti potessero capirmi. “Per assicurarsi che fosse compreso dai suoi ascoltatori, Alfonso fece spesso uso di metafore semplici e familiari. Ha dimostrato infatti di essere un maestro dell’immagine e dell’illustrazione adatta. L’obiettivo della sua predicazione era sempre quello di attirare l’ascoltatore verso un’esperienza di conversione e un amore e un’unione più profondi con il Redentore.

I Redentoristi che portano avanti l’eredità del loro fondatore, Sant’Alfonso, hanno proclamato nel corso dei secoli la Parola con semplicità e rinnovato entusiasmo. Un Redentorista nel suo sacerdozio è un servo della Parola e serve la comunità mentre spezza quella Parola per il suo popolo. Vale la pena citare la Costituzione 6, “Ogni Redentorista, sempre docile al magistero della Chiesa, deve essere in mezzo al mondo un servo umile e audace della buona novella di Cristo, Redentore e Signore, principio e modello dell’umanità rinnovata”. Questa buona novella ha per oggetto peculiare “l’abbondanza della Redenzione”, cioè l’amore di Dio Padre che “ci ha amati per primo e ha mandato il suo Figlio nel mondo come vittima di espiazione per i nostri peccati” (1Gv 4, 10) e che, per mezzo dello Spirito Santo, vivifica ognuno che crede in lui”.

L’efficace predicazione della Parola di Dio con semplicità e rinnovato entusiasmo non dovrebbe essere il carisma dei soli Redentoristi, ma di ogni sacerdote. I documenti del Vaticano II e del dopo Concilio sottolineano che la missione del sacerdote inizia con la predicazione della Parola di Dio. È con questa intenzione subito dopo il Concilio Vaticano II per aiutare i sacerdoti a preparare e predicare efficacemente la Parola di Dio ai fedeli, nel 1968 che p. Gino Henriques ha iniziato “Breaking the Word” come bollettino delle Omelie domenicali. Allora, che era 50 anni fa, p. Gino ha trovato sacerdoti nei villaggi che non hanno avuto il tempo di preparare le loro omelie poiché si sono presi cura di 30-40 parrocchie e chiese. È stato più o meno nello stesso periodo in cui alcuni dei suoi amici sacerdoti di Mumbai hanno inviato richieste per aiutarli a preparare una buona omelia mentre dovevano predicare nelle lingue locali, e questo è diventato il contesto per la genesi di “Breaking the Word” come bollettino delle Omelie domenicali.

Padre Joseph Royan, C.Ss.R.
Director/Editor/Publisher
Redemptorist Publications India

Print Friendly, PDF & Email