I Confratelli Redentoristi dell’ Asia-Oceania si riuniscono ad Hanoi, in Vietnam

0
463

(Hanoi, Vietnam) – Dal 10 al 14 luglio 2018, 32 Confratelli Redentoristi provenienti da tutta la Conferenza di Asia-Oceania si sono riuniti per cinque giorni di comunione, preghiera, riflessione, studio e discussione. E’ stato tutto programmato in modo che i Confratelli avrebbero avuto la possibilità di sapere quali fossero le proposte sui Confratelli approvate nel XXV Capitolo Generale, per discutere le implicazioni di queste proposte per le rispettive unità e per dare un feedback alla Commissione dei Confratelli sulle loro discussioni in corso riguardo al modo migliore di attuare la promozione e la formazione dei Confratelli nel periodo contemporaneo.

Il raduno dei Confratelli ha avuto luogo presso la casa vietnamita redentorista, situata al 18012  Nguyen Luong Bang Dong Da ad Hanoi, in Vietnam. La maggior parte delle sessioni si sono svolte nell’edificio di 8 piani attraverso la chiesa di Joseph Nguyen Ngoc Bich. Alcuni dei 32 Confratelli delegati  erano alloggiati nello stesso edificio, mentre altri avevano prenotato nel vicino Ngoc Lan Hotel.

A partire dal 2018, ci sono 59 Confratelli in tutte le 13 unità dell’Asia-Oceania. Le unità con il maggior numero  dei Confratelli sono Vietnam, Indonesia, Tailandia, Cebu, Manila, Singapore. Le altre unità hanno solo uno o due Confratelli che sono per lo più in età avanzata e che non sono stati in grado di partecipare a questo incontro. Anche Fratello Jeffrey Rolle CSsR, un membro del Consiglio Generale, ha potuto partecipare a questa conferenza poiché era una delle risorse. Erano presenti anche quattro sacerdoti redentoristi. Due di loro – p. Daminh Nguyen Duc Thong CSsR Vietnam e p. Tomas Wungo CSsR Indonesia, hanno lavorato come traduttori. P. Ben Ma, coordinatore della conferenza Asia-Oceania e anche p.  Jong Hoon Lee CSsR, Corea, si sono uniti ai Confratelli in questo incontro. Il terzo giorno, p. Joseph Bich CSsR, Provinciale del Vietnam, si è rivolto al gruppo che ha espresso il suo profondo apprezzamento a lui e alla Provincia per aver ospitato questo evento.

Il primo giorno, Fratello Rolle ha guidato i Confratelli in un ricordo che è iniziato con la sua relazione sull’attuale situazione dei Confratelli in tutta la congregazione (comprese le statistiche che mostravano le cifre critiche dei Confratelli oggi) e un sommario sui risultati del sondaggio condotto dalla Commissione dei Confratelli. Questa sintesi ha incluso informazioni sui vari modi in cui la vocazione dei Confratelli è promossa e sui problemi implicati, la formazione iniziale e i suoi limiti, i compiti missionari attuali dei Confratelli (che mostrano una vasta gamma di ministeri), l’identità dei Confratelli (o mancanza di essa e quindi la necessità di definirla) e le sfide che affronteremo nel futuro.

La condivisione di piccoli gruppi ha avuto luogo per unità dopo l’input e la riflessione silenziosa centrata su come i Confratelli hanno visto il ruolo del Fratello, i loro pensieri sulla loro identità, quali sarebbero le loro proposte nel campo della formazione e come possiamo affrontare la sfida di cambiare la mentalità dentro e fuori la Congregazione riguardo al modo in cui il Fratello viene percepito. Vi è stata  anche la possibilità per i Confratelli di condividere quello che era stato il momento più felice della loro vita come Confratelli e le storie raccontate sono state molto emotive e sentite, veramente dal profondo del cuore.

Dopo la sessione del mattino è stato inserito l’input del Fratello Karl Gaspar CSsR, membro dell’Asia-Oceania nella Commissione dei Confratelli. Ha condiviso ciò che è accaduto in termini di proposte discusse e approvate nel XXV Capitolo Generale, che la Commissione dei Confratelli ha fatto finora, un’analisi storica su come è nata la crisi della vocazione dei Confratelli e su come questa crisi può essere evitata. Fratello. Rolle ha aggiunto le raccomandazioni che vengono proposte dalla Commissione dei Confratelli per raccogliere il feedback dei delegati.

La preghiera del mattino iniziata con le sessioni dei giorni è stata preparata dalle varie unità. La celebrazione eucaristica vi è stata ogni giorno del raduno e i Confratelli vietnamiti hanno fornito le canzoni e gli inni vietnamiti. L’ultimo giorno, nella Messa si è celebrata la festa del Santissimo Redentore.

Questo incontro, tuttavia, non era solo caratterizzato dalla preghiera, riflessione, studio e discussioni. Vi è stato tempo per essere turisti redentoristi e avere un legame divertente e felice l’uno con l’altro. Grazie all’aiuto di postulanti e di altri formandi residenti ad Hanoi, abbiamo potuto visitare alcuni dei bellissimi luoghi turistici di Hanoi: la Cattedrale di St. Joseph, il lago Hoan Kiem e le attrazioni intorno al lago, l’Opera House e il centro di Hanoi frequentati dai turisti. Abbiamo anche trascorso un’intera giornata a Ha Long Bay, una splendida località turistica in Vietnam che attrae migliaia di turisti per la maestosa bellezza delle montagne, delle grotte e delle isole.

La maggior parte di noi ha lasciato Hanoi per le nostre rispettive case tra sabato 14 luglio e domenica 15 luglio. Tutti hanno lasciato bei ricordi di questo incontro grazie all’ospitalità dei 40 Redentoristi assegnati nella casa di Hanoi, così come i 15 postulanti che ci hanno servito delizioso cibo vietnamita. Grazie a p. Joseph Nguyen Ngoc Bich CSsR, il cordiale Superiore della comunità che si è assicurato che ci fosse servito il meglio. Grazie anche al Comitato che si è occupato dell’organizzazione dell’evento, in particolare: i Confratelli Celestine Toh CSsR, Allan Manzano CSsR, Regan Gatdula CSsR e Anton Nguyen Duc Huynh CSsR. Regan, Anton e Boonmaneeprasert Athikhom CSsR sono i membri attuali della Commissione dei Confratelli per l’Asia-Oceania e saranno incaricati di fare tutto il necessario per il futuro.

Con profonda fiducia nella compassione di Dio, l’ispirazione della Madonna del  Perpetuo Soccorso e la guida di Sant’Alfonso e San Gerardo, i Confratelli in Asia-Oceania guardano al futuro con fiducia che il loro ruolo nella Congregazione continuerà a prosperare e che continueranno a testimoniare l’abbondante redenzione in qualunque ministero essi siano coinvolti.

Print Friendly, PDF & Email