Ansia e nostra risposta nella spiritualità redentorista

0
398

Ci sono molti indicatori che viviamo in tempi che causano molta ansia per la vita consacrata religiosa e consacrata. Questo è vero non solo nel mondo occidentale, ma in tutti gli 82 paesi in cui siamo presenti come famiglia redentorista ed esercitiamo il nostro ministero nell’offrire l’Abbondante Redenzione.

Il Padre Generale, Michael Brehl, nell’introduzione ai documenti finali del XXV Capitolo Generale scrisse: “È vero che è un momento di cambiamento epocale, di uno scontro di civiltà, incertezza e paura …” I Capitolari di questo stesso capitolo nel loro messaggio alla Congregazione hanno scritto: “… anche la vita consacrata sta attraversando una crisi importante …”

Quali sono alcuni degli elementi che dopo 50 anni dal Concilio Vaticano II, il cui obiettivo era il rinnovamento della vita della Chiesa, inclusa la vita religiosa, sembrano causare questa ansia tra di noi? Ecco alcuni:

  • La realtà dell’invecchiamento dei nostri membri.
  • C’è stata una drastica riduzione delle vocazioni e l’abbandono della vita religiosa consacrata da parte di molti, non solo dei Redentoristi.
  • La difficoltà nel mantenere le opere tradizionali (college e università, ospedali, case, parrocchie, centri pastorali e sociali, missioni) a causa della mancanza di personale e della mancanza di risorse economiche.
  • A livello personale e interno, mentre iniziamo un nuovo periodo quadriennale, potremmo sentirci ansiosi di pensare ai nuovi appuntamenti quadriennali e allo stesso tempo sentirci sopraffatti dall’ambizioso programma di ristrutturazione e riconfigurazione.

Potremmo pensare: “I miei superiori (intelligenti, saggi, prudenti, ispirati, santi), cosa faranno con me adesso?” Nella mia esperienza personale, a volte li ho ritenuti molto saggi e ispirati, ma devo ammetterlo, in altri momenti , (invecchiando) mi sono sentito molto confuso dalle loro decisioni !!! “Da dove vengono?” “Come osano sfidare la mia zona di comfort !!!”

  • Allo stesso tempo, stanno emergendo nuovi movimenti ecclesiali laici che hanno un sostegno gerarchico, mentre la vita religiosa sembra morire.
  • Degno di menzione come causa di ansia è tutto ciò che è accaduto per quanto riguarda la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili, che è una questione che è ancora lontana e continuerà a influenzarci nel futuro.
  • Forse un’altra fonte di ansia è il ritorno alle missioni diocesane che si conformavano autenticamente al nostro carisma redentorista e persino alla vendita di proprietà che sono state parte della nostra identità e del nostro patrimonio redentorista per molti anni. (vedere i commenti aggiunti alla fine come nota a questo articolo)

Tutto ciò ha portato alla domanda che si pone, il tempo della vita religiosa è già passato nella Chiesa?

Cause:

Giustamente possiamo chiedere, quali sono le cause fondamentali di ciò che può essere considerato una crisi (cfr XXV Capitolo Generale)? Propongo di ricorrere troppo facilmente a ragioni semplicistiche e superficiali, ad esempio, una mancanza percepita di zelo missionario, disponibilità, impegno, autentica e gioiosa testimonianza dei suoi membri.

Senza che questo può sia totalmente falso, questa non è la spiegazione definitiva dell’attuale crisi.

Dobbiamo riconoscere che esistono radici storiche e strutturali dell’attuale crisi della Chiesa, ad esempio il cambiamento di epoca (non un’epoca di cambiamento come spiegato da Giovanni Paolo II), accompagnato da nuovi paradigmi e dai profondi cambiamenti nel sociale, economico, cambiamenti tecnici, culturali e religiosi che la società ha subito negli ultimi decenni e che naturalmente influenzano la vita religiosa.

Mentre facciamo qualche introspezione, un’altra dimensione della causa della crisi odierna nella Chiesa è quella che è stata segnalata da diversi scrittori teologici e spirituali e che ci tocca direttamente come Congregazione clericale, cioè il superamento di modelli che sono stati chiamati come “esagerare il centrare tutto nel sacerdote, il tempio e l’altare”.

La nostra risposta fondata sulla nostra fede e sul nostro Carisma Redentorista e spiritualità:

Come religiosi, non possiamo essere sopraffatti da questi profondi cambiamenti; non possiamo usare l’espressione di Papa Benedetto XVI sulla rinuncia al pontificato, che può essere un riassunto di ciò che viene vissuto da molti durante questi cambiamenti globali: “Non ho più forza”.

Quando riflettiamo con fede sulla storia della salvezza, sulla storia della nostra Congregazione e sulle nostre storie personali, scopriamo che Dio ci ha costantemente sorpresi.

Le Scritture che abbiamo pregato e riflettuto su questo passato Avvento e periodo natalizio ci hanno parlato di molte delle sorprese di Dio. Quando il nostro Salvatore divenne uomo e arrivò tra noi duemila anni fa, gli unici che lo sapevano erano Maria, Giuseppe, alcuni pastori e re dell’Oriente. Dio, nostro Padre, ha sorpreso l’umanità con il dono speciale della nascita del suo unico Figlio.

Dio ha sorpreso Sant’Alfonso facendolo diventare il fondatore di una congregazione religiosa missionaria. Dio ha sorpreso la Congregazione che ha ispirato San Clemente a portare la Congregazione oltre le Alpi e da lì si è diffusa in tutti i continenti del mondo.

Se guardiamo onestamente la nostra storia personale, troviamo Dio, nostro Padre, costantemente ci sorprende e interviene nelle nostre vite, nella nostra vocazione e nella nostra missione.

Dio continua a sorprenderci, ma ha bisogno che ci mettiamo nelle sue mani e PERMETTIAMO LUI DI SORPRENDERCI, personalmente e collettivamente.

Le cause dell’ansia per noi come famiglia religiosa sono molte e giustificate. Tuttavia, l’ansia e le preoccupazioni malsane sono certamente contrarie a ciò che Dio vuole per noi, cioè, ci ha creati e ci vuole liberi e gioiosi. Non possiamo e non dobbiamo lasciare che l’ansia e le emozioni negative definiscano questi tempi che stiamo vivendo e permettiamo loro di intimidirci, ma piuttosto noi che stiamo vivendo questi tempi presenti con tutta la sua confusione e ansia abbiamo una responsabilità per le generazioni future, passando a loro la nostra definizione di uomini e donne fedeli, fiduciosi, gioiosi e pieni di pace interiore e sempre aperti a permettere al Signore di sorprenderci.

La fede viva e l’atteggiamento pieno di speranza del BISOGNO DI LASCIARSI SORPRENDERE da Dio, oltre ad essere una potente testimonianza per le persone a cui ministriamo, ci danno molta pace e libertà.

Papa Francesco nell’Angelus della terza domenica di Avvento (16 dicembre 2018) ha condiviso questo stesso messaggio fondato sulla lettera di san Paolo ai Filippesi (4,6), “Oggi San Paolo ci esorta a non preoccuparsi di nulla, ma in ogni circostanza porre davanti a Dio le nostre richieste, i nostri bisogni e le nostre preoccupazioni. Siamo consapevoli che nelle difficoltà possiamo sempre rivolgerci al Signore e che Egli non rifiuta mai le nostre suppliche. Questa è una grande fonte di gioia per noi.

Non esiste alcuna preoccupazione, paura o ansia che possa mai portarci via la serenità che viene, non dalle cose umane e dalle consolazioni umane, no, la serenità che viene da Dio nel sapere che Dio guida sempre con amore la nostra vita, anche durante i problemi e le sofferenze. Questa certezza alimenta speranza e coraggio. Per ricevere l’invito del Signore alla gioia, dobbiamo essere persone disposte a interrogarci. Ma cosa significa? Come quelli che, dopo aver ascoltato la predicazione di Giovanni il Battista, gli hanno chiesto: Tu predica così, ma “Cosa dovremmo fare?” “Cosa dovrei fare?” (Lc 3, 10). Questa domanda è il primo passo nella conversione a cui siamo invitati in questo tempo di Avvento. Ognuno di noi si domanda: cosa posso fare? Cosa dovrei fare? Possa la Vergine Maria aiutarci ad aprire i nostri cuori al Dio che viene, affinché possa inondare tutta la nostra vita con gioia. E allora non avrai paura di nulla. Alla presenza del Signore, i nostri cuori sono sempre gioiosi.”

Per completare e applicare queste riflessioni alle nostre vite, possiamo riflettere sulle seguenti domande:

Quali realtà (personale, comunitaria, religiosa, sociale, ecc.) Causano in te una certa dose di ANSIA?
Il pensiero “Il Signore ti sorprende” è in sintonia con le tue esperienze personali e comunitarie?
Nota: vorrei menzionare un recente Congresso (novembre 2018) sponsorizzato dal Pontificio Consiglio della Cultura intitolato “DIO NON ABITA PIÙ QUI?”. Il Congresso si è incentrato sul tema delle Chiese dismesse e del loro uso futuro. Papa Francesco si è rivolto al Congresso dicendo che il fatto che alcune chiese non sono più necessarie “dovrebbe essere accolto nella Chiesa non con ansia ma come un segno dei tempi che ci invita a riflettere e ci costringe ad adattarci”. Il Papa ha continuato i suoi commenti aggiungendo che c’è un costante insegnamento della Chiesa che i beni della Chiesa non hanno un valore assoluto e che le Chiese e le proprietà dismesse dovrebbero essere destinate ai poveri piuttosto che al commercio.

È interessante notare che in Germania più di 500 chiese sono state chiuse nel paese tra il 2000 e il 2017. Un terzo è stato demolito e il resto venduto o destinato ad altri usi, purtroppo tra gli altri usi ci sono garage, discoteche, gelaterie, ecc.

In Olanda, la Chiesa perde 267 seguaci ogni giorno, 100.000 ogni anno. In Olanda, si stima che i due terzi delle 1600 chiese cattoliche saranno chiuse nei prossimi 10 anni. Ogni settimana si chiude un’altra parrocchia. Molti edifici sono stati utilizzati per biblioteche, discoteche e centri ricreativi.

Manuel Rodríguez Delgado, C.Ss.R.
Segretariato Generale della Formazione, Roma

Print Friendly, PDF & Email