Un giorno presso il St. John Neumann Center, Philadelphia

0
233

(Philadelphia, USA) – Circa 450 studenti come rappresentanza delle scuole elementari, delle scuole superiori dell’arcidiocesi e delle scuole di educazione speciale si sono riuniti il ​​2 febbraio al St. John Neumann Center presso il Santuario Nazionale di St. John Neumann per partecipare ad una giornata di servizio “Di generazione in generazione, condividendo la nostra fede con il servizio agli altri”.

La location  aveva un significato speciale. Il centro si trova in quello che era uno degli edifici della Scuola di St. Peter the Apostle School, e il  St. John Neumann, in quanto vescovo di Filadelfia, è accreditato più di ogni altro con le scuole cattoliche che son ben stabilite nelle parrocchie della sua diocesi, ed aveva una  passione speciale per la parrocchia di St. Peter. La sua idea non era solo l’apprendimento della fede, ma la condivisione della fede; non solo tramite la parola, ma tramite azione, ed è ciò che tratta la settimana delle scuole cattoliche (27 gennaio-2 febbraio).

Nel corso della giornata i giovani si sono uniti per confezionare 3.000 borse con oggetti personali a beneficio delle persone servite dalla Catholic Housing and Community Services (CHCS). In quanto divisione del Segretariato arcidiocesano dei servizi umani cattolici, CHCS serve gli anziani attraverso programmi in tutta la regione di Filadelfia. A presiedere l’evento è stato il vescovo Michael Fitzgerald, che sovrintende all’educazione cattolica nell’arcidiocesi. A suo avviso, l’evento si riferisce a qualcosa di cui parla sempre Papa Francesco. “È il rapporto tra anziani e giovani”, ha detto il vescovo. “Unendo insieme le generazioni, tutti noi possiamo apprezzare la saggezza degli anziani, mentori dei giovani”.

Uno di quei giovani era Abigail Golemboski, una senior della Pope John Paul II High School in Royersford a Royersford. Questa era la terza volta che veniva all’evento annuale. “È meraviglioso vedere quanti dei nostri coetanei delle scuole superiori sono disposti a servire in questo modo”, ha detto. “Ci sono così tante diverse organizzazioni cattoliche. È incredibile vederli “. Jason Bozzone, il presidente della sua scuola, era anche pronto a collaborare con i suoi studenti. “Non è solo l’impatto che avranno sulle altre persone nella comunità, ma è anche l’impatto di dare”, ha detto. “Questo significa vivere il motto e la missione e i grandi valori cristiani che abbiamo da John Paul II “.

 Ma non erano solo i giovani dell’evento. Ad esempio, Bonnie Dos Santos, volontaria di St. Monica Eldercare a South Philadelphia, era una rappresentante degli anziani beneficiari dell’iniziativa. “Serviamo circa 90 anziani in casa”, ha detto. “È meraviglioso vedere tutto questo.” Hers è solo uno dei numeri crescenti di programmi basati sulle parrocchie e sulle comunità per gli anziani in tutta l’arcidiocesi.

L’intero evento faceva parte dell’identità cattolica, riunendo i servizi sociali cattolici e l’educazione cattolica, secondo John Wagner, vice segretario di Catholic Human Services e CEO di CHCS. “Questa è una lezione che gli studenti avranno per il resto della loro vita”, ha detto, “per essere parte della soluzione. Mostra cosa si può fare. Stiamo concentrando le nostre energie sul sostegno degli anziani nei quartieri in cui vivono “. Ma mentre la carità inizia a casa, non finisce qui. A questo evento, un altro gruppo stava facendo rosari per la Pontifical Mission Society, che diffonde la Buona Novella e svolge sia opere caritatevoli che spirituali in più di 120 paesi in tutto il mondo.

Sia a casa che all’estero, l’educazione cattolica svolge un ruolo vitale nella missione della chiesa.

 Lou Baldwin

Print Friendly, PDF & Email