Bolivia: Premio “Melchor Pinto Parada”, alla Congregazione del Santissimo Redentore

0
406

In sessione d’Onore per commemorare il 458 ° anniversario della fondazione di Santa Cruz de la Sierra, la Congregazione del Santissimo Redentore ha ricevuto il premio “Melchor Pinto Parada”, questo riconoscimento viene assegnato a personaggi e / o Istituzioni nel Dipartimento di Santa Cruz, che si distinguono per il loro lavoro sociale e le prestazioni a favore dei cittadini della zona.

Il premio, consegnato il 26 febbraio, è stato introdotto da una breve storia della Congregazione in Bolivia, ricordando il suo lavoro al servizio dei poveri e l’evangelizzazione in tutto il paese, lasciando un’eredità  sotto l’esempio di due cardinali della Chiesa boliviana, il cardinale José Clemente Maurer e il cardinale Julio Terrazas.

Sottolineando che i Redentoristi sono una congregazione che è in Bolivia dal 1910, arrivando a Santa Cruz nel 1929, e che ha fondato nel Vallegrande la parrocchia “Dolce Nome di Gesù.”

Padre Boris

Il premio è stato consegnato dal governatore di Santa Cruz, Ruben Costas e dal Presidente dell’Assemblea legislativa Ing. Antonio Hugo Salmón, al Padre Boris Calzadilla Arteaga, Superiore Provinciale dei Redentoristi in Bolivia, che a nome di tutta la Congregazione  ha ringraziato il merito ricevuto con le seguenti parole:

“Esprimo la mia sincera gratitudine all’Assemblea Legislativa dipartimentale, questa distinzione lo riceviamo a nome di tutti i Missionari Redentoristi che hanno dato la loro vita in questo paese, 110 anni di storia, il servizio per il bene degli altri.

Un saluto rispettoso al nostro governatore, Ruben Costas, il Presidente della Assemblea Legislativa Ing. Hugo, tutte le autorità, nazionali, dipartimentali, civica, comunali, provinciali, a tutti coloro che hanno la responsabilità di gestire e guidare il nostro paese e il nostro dipartimento.

Questa Congregazione è stata fondata da S. Alfonso Liguori a Napoli, Italia, ed ha un unico scopo: a seguire Gesù Cristo, come annunciare la Buona Novella ai poveri e ai bisognosi.

José Clemente Maurer

Quando i Redentoristi arrivano in Bolivia nel 1910, si trovarono di fronte a una realtà molto difficile, la povertà della nostra gente che non hanno accesso ai servizi di base, e loro, i giovani missionari si chiedono come per annunciare la Buona Novella ai nostri fratelli e sorelle che hanno fame di pane, sete di giustizia, un popolo in cui la povertà è diventata un attacco alla loro dignità di figlie e figli di Dio.

Quindi si impegnarono in un’evangelizzazione completa, alla ricerca di uno sviluppo integrale, che avesse come centro la vita e la dignità di ogni essere umano. Abbiamo lavorato per la salute, per l’educazione, per lo sviluppo, per la fondazione di cooperative, per la formazione tecnica, l’acqua potabile, l’organizzazione di quartiere, l’organizzazione civica delle comunità.

Julio Terrazas Sandoval

Come non ricordare oggi i due grandi Cardinali, di cui è stata fatta menzione, il primo Cardinale della Bolivia José Clemente Maurer; e il primo cardinale boliviano, Don Julio Terrazas Sandoval, e grazie a Dio per il suo carisma, la sua voce profetica, il suo abbandono totale a Dio, essendo uomini di fede e di impegno, uomini liberi difensori della libertà, profeti di speranza, per essere poi costruttori di unità, di pace, di giustizia sociale, e difensori dei poveri.

Oggi, in questo anniversario della fondazione di Santa Cruz, ricordate che questa città è stata fondata sotto il segno della croce, è il segno che Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito. È il segno che non c’è amore più grande che dare la vita per i tuoi fratelli e sorelle. Questa storia in cui siamo tutti chiamati a costruirla con dignità, per il nostro popolo, con una vita piena e abbondante per tutti.

Padre Boris Calzadilla Arteaga, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email