La campana della chiesa di 65 anni torna a casa a Dumaguete

0
173

(Dumaguete, Filippine) – Una campana da chiesa in ottone vecchia di decenni ha trovato la sua strada per tornare alla sua parrocchia originaria della Chiesa Cattolica, dopo essere stata “assente” per 65 anni. Con un semplice rito di consacrazione nella chiesa di Nostra Madre del Perpetuo Soccorso, domenica 3 marzo, i responsabili della Parrocchia di Motong, che hanno suonato la campana nella loro cappella per molti anni, hanno ufficialmente restituito alla Congregazione del Santissimo Redentore. (C.Ss.R.), comunemente noti come Redentoristi.

Padre Sean Purcell, un sacerdote redentorista assegnato in questa città per molti anni, ha sottolineato l’importanza del ritorno della campana nella sua parrocchia originale. “Sembra che siamo nella stagione per il ritorno delle campane, a partire dal ritorno delle campane di Balangiga”, ha detto Purcell, riferendosi alle campane di Balangiga, Samar orientale che l’esercito americano ha preso dalla chiesa di San Lorenzo de Martir durante la guerra filippino-americana. “Certo, la nostra campana non è famosa come quella di Balangiga, ma per noi, la campana è una parte importante della storia dei Redentoristi a Dumaguete”, ha detto.

Notò che la campana, con le iscrizioni “Madonna del Perpetuo Soccorso”, “Città di Dumaguete”, “13 ottobre 1954”, suonava per “chiamare i Redentoristi e il popolo alla preghiera e al culto, alla liturgia e alle messe. “Fu innalzato per la prima volta in una torre di acciaio vicino all’allora cappella della Madonna del Perpetuo Soccorso presso il complesso del Memorial Hospital di Manuel L. Teves nel 1958, quando i missionari redentoristi iniziarono la loro fondazione a Dumaguete, ha detto Purcell. Nel 1970, la nuova chiesa parrocchiale dei Redentoristi fu inaugurata e i Redentoristi acquistarono una nuova campana dall’Olanda, ha aggiunto.

Successivamente, la vecchia campana fu trasferita nella cappella parrocchiale di Motong. Padre Purcell ha ringraziato il popolo di Motong per aver restituito la campana alla comunità redentorista. Nel frattempo, mons. Julius Perpetuo S. Heruela, che dirige la Commissione per i beni culturali della Chiesa della diocesi di Dumaguete, ha sottolineato il significato e l’importanza delle campane per le diverse chiese. Mons. Heruela è stata invitato a guidare il rito del ritorno e la consacrazione della campana.

È essenziale che le campane rimangano o siano restituite alle loro parrocchie originali, ha detto nel dialetto di Cebuano. In questo caso, la campana dirà alla gente la storia e la storia dei Redentoristi quando sono venuti qui per la prima volta al Negros Oriental, ha aggiunto. Il suono di una campana o di un gruppo di campane funge da “annuncio” per varie occasioni, come messe, funerali, matrimoni e altre importanti cerimonie religiose, mons. Disse Heruela. Ai vecchi tempi, in assenza di comunicazioni moderne, le campane servivano anche da avvertimento quando si avvicinavano i “marauders” o “pirati”, ha detto. Alcune parrocchie hanno, purtroppo, perso le loro vecchie campane per una serie di motivi, come l’essere presi in prestito da un’altra parrocchia, o ancora peggio, rubate.

Mons. Heruela sperava che le persone diventassero consapevoli dell’importanza delle campane delle chiese nelle loro parrocchie e così aiuterebbero negli sforzi di restauro in quanto questi fanno parte del loro patrimonio. “Dovremo fare una ricerca approfondita su questo”, ha detto, notando che le campane della chiesa sono solitamente contrassegnate con i nomi della chiesa o parrocchia a cui appartiene, del suo donatore, della data in cui è stata fatta, e persino il nome del produttore. Tra i presenti durante il giro d’affari della vecchia campana ai Redentoristi c’era il vice governatore del Negros Oriental, Edward Mark Macias, la cui famiglia possiede l’ospedale commemorativo Manuel L. Teves dove si trovava la vecchia cappella.

Mary Judaline Partlow

www.pna.gov.ph

Print Friendly, PDF & Email