Valori delle comunità redentoriste sane e vibranti e della Vita Apostolica

0
106

Tra i valori essenziali delle nostre Costituzioni redentoriste vi è quello della vita fraterna e apostolica. Cristo, il Redentore, è al centro della nostra Vita Apostolica (Cost 1 e 21), cioè delle nostre vite comunitarie e ministeriali. Siamo invitati a un processo di conversione continua.

Le nostre Costituzioni esprimono che, oltre ad essere valori evangelici e teologici, la nostra vita comunitaria, è essenziale per noi quando rispondiamo alla nostra specifica missione nella Chiesa, cioè l’annuncio della Redenzione Abbondante in Gesù. Per questa riflessione, invece di ripetere i valori delle nostre comunità redentoriste come espressi nelle nostre Costituzioni, e per offrirci alcuni criteri diversi, poniamo i nostri valori della comunità redentorista in una prospettiva più ampia dei valori, delle caratteristiche e dell’attrattiva delle Comunità religiose vibranti. Questo è presentato nello spirito delle riflessioni offerte da Papa Francesco che ha indicato alle comunità religiose che per la promozione vocazionale l’attrattiva delle nostre vite, che è un riflesso della fedeltà al nostro carisma particolare, è il modo più efficace di fare ministero vocazionale.

Tra le varie fonti di questa presentazione ci sono le riflessioni della Conferenza dei Religiosi di Portorico, le riflessioni che sono giunte dalla Conferenza dei Religiosi dell’America Latina (CLAR) e il suo ex presidente, Suor Mercedes Casas, F.Sp.S., e riflessioni offerte da padre John Fullenbach, un missionario del Verbo Divino che insegna presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma.

Mentre passiamo attraverso questi valori e caratteristiche di comunità religiose sane e vibranti, si potrebbe  riflettere su S. Alfonso e gli inizi della nostra stessa Congregazione. Questa riflessione può dare luce sulla conversione che tutti noi dobbiamo intraprendere in fedeltà al nostro originale carisma di fondazione.

Comunità religiose sane e vibranti:

1. Grande fiducia nello Spirito Santo:

 Un esempio che è addirittura fondamentale per noi Redentoristi è, quando siamo di fronte a nuove iniziative missionarie, la prima domanda che dovremmo porci non è se abbiamo i soldi o il personale, ma piuttosto è lo Spirito Santo che ci chiama a fare questo lavoro considerando che i nostri fedeli leggono i segni dei tempi e il nostro carisma?

2. Preoccupazione per la crescita spirituale di ciascun membro, di ogni comunità e dell’Istituto nel suo complesso:

Più volte i membri della nostra comunità sono stati in crisi, e gli ultimi a riconoscere e ad accompagnare i nostri fratelli sono i membri della stessa comunità. Si può ipotizzare che forse così tanti non avrebbero abbandonato la vita religiosa redentorista se ci fosse più interesse e preoccupazione nelle comunità.

3. Condividere le esperienze della vita spirituale:

Le comunità religiose vibranti condividono le loro esperienze di vita spirituale almeno una volta alla settimana. Condividono quella che viene chiamata la loro seconda conversione (“Vino nuovo in otri nuovi, # 35 a). La prima conversione è i momenti speciali, ad esempio le professioni, l’ordinazione al sacerdozio, ecc., Quando la persona consacrata dichiara pubblicamente la sua radicale sequela del Signore. È un’occasione speciale in cui i religiosi sono sostenuti e ammirati dalla famiglia, dai compagni di fede e dagli amici. Le seconde conversioni sono la riconferma di questo impegno dopo lotte, confusione, delusioni, disillusioni, disaccordi con superiori, confratelli, associati, salute, emotività e altri problemi personali. Sono sessioni di sostegno reciproco, edificazione, comprensione e fratellanza autentica. Queste seconde esperienze di conversione e condivisione non sono basate sulla conoscenza teorica, ma piuttosto sulla conversione personale e comunitaria.

4. “APPASSIONANO” su Gesù e sul suo Regno:

Queste comunità ispirano ed edificano gli altri con il loro “cuore in fiamme”.

5. Non “collassare” di fronte a dure realtà:

Queste comunità generano sogni di speranza. Comunicano che la presenza della vita consacrata è necessaria, preziosa e possibile, anche nelle società occidentali più secolarizzate.

6. Generano in altri il desiderio di seguire il Signore in questo stile di vita:

Con la loro gioia, la loro freschezza, entusiasmo e generosità, i religiosi comunicano che la loro vocazione e la loro opzione per la vita consacrata è quanto di meglio possa essere accaduto nelle loro vita.

7. Sono “vino nuovo in otri nuovi”:

Le comunità religiose vibranti sono il “vino nuovo” che lo Spirito produce nella vita consacrata e generano la possibilità di nuovi “otri” (contenitori) più trasparenti, tolleranti, umani e umanizzanti.

8. Una raffinata sensibilità:

Queste comunità godono di una raffinata sensibilità per sperimentare le gioie e le grida dell’umanità. Generano un nuovo mistico orientato all’azione. (Karl Rahner).

9. Dire la verità con l’amore:

Perché non si conformano con quanto stabilito, generano una profezia più autentica e impegnata attraverso la Vita Consacrata che è più leggera nelle strutture e più audace.

10. Riconoscono i loro limiti, la loro piccolezza, la loro fragilità:

Essi testimoniano un modo più evangelico di essere nel mondo, dal potere del non importante e dell’ordinario, dove il protagonista è lo Spirito (Cfr. L’esperienza di San Paolo, II Cor. 12, 7-10).

11. Il loro costante punto di riferimento è la Parola di Dio:

Le comunità vibranti rileggono fedelmente la Parola di Dio dalla prospettiva della loro eredità carismatica e degli abbandonati.

12. Preservano la loro attenzione sulle grida nella creazione:

Queste comunità si prendono cura della vita e della nostra “casa comune”. Curano ed incoraggiano un mondo che sia più abitabile fisicamente e fraternamente, dove tutti sentono di essere fratelli e sorelle.

13. Generano nuovi modi di pensare e di essere presenti nel mondo di oggi:

Le comunità viventi sanno come usare socialmente e abilmente i social network, senza perdere la loro capacità per la solitudine, il silenzio, l’intimità e l’attenzione concreta con coloro con cui condividono quotidianamente la loro vita e missione.

14. Promuovono la formazione continua:

Oltre a promuovere la formazione permanente attraverso workshop, corsi e studi superiori, le comunità vibranti e salutari enfatizzano e strutturano la formazione permanente nelle loro comunità locali. (Papa Francesco ha commentato che la formazione permanente non è solo una questione di partecipazione a workshop e corsi, ad esempio a livello comunale più ampio, ma deve anche essere fatta a livello di comunità locale. Prosegue dicendo che le comunità che non hanno la formazione permanente a livello di comunità non hanno il diritto di promuovere le vocazioni ai loro Istituti!)

Oltre a queste quattordici considerazioni sulle comunità religiose vibranti, si dovrebbe dire qualcosa sulla leadership in questo modello di comunità religiose salutari e vibranti.

Sappiamo che comunità vivaci e salutari hanno bisogno di una leadership di qualità, fedele e credibile. Inoltre, la leadership di qualità, fedele e credibile ha bisogno di comunità vibranti e salutari. Le due sono una di fronte all’altra e offrono al nostro carisma il dinamismo e l’efficacia per l’edificazione del Regno di Dio.

I leader delle comunità religiose salutari e vibranti sono caratterizzati dalla loro semplicità e umiltà. Personalmente e in comune, esercitano la loro autorità come ha fatto Gesù! Persino le aziende hanno capito quanto siano più efficaci e produttivi e possono diventare leader umili e incoraggianti. Questo perché il leader umile ascolta e promuove i talenti dei dipendenti e la responsabilità condivisa per la società e la sua crescita nel futuro. I membri di queste società cominciano persino a imitare i loro leader.

Inoltre, essenziale per la leadership è una VISIONE.

Noi, Redentoristi, ricordiamo il ritiro dato ai Capitolari dell’ultimo Capitolo Generale dal Cardinale di Manila, Cardinale Tagle. Il Cardinale ha descritto una visione salutare ed evangelica quella che:

–  solleva la nostra attenzione (guardiamo verso l’alto e ci concentriamo su ciò che importante e  significativo)

–    orienta una direzione (ci sono obiettivi e obiettivi da raggiungere), e

– si accende, eccita il cuore. Su quest’ultimo punto egli, scherzosamente ma significativamente ha commentato, che la visione non deve solo toccare molto il cuore e le nostre emozioni, ma provoca anche lacrime nei nostri occhi. Ha menzionato quante visioni provocano le lacrime, ma non per le emozioni, piuttosto per la delusione!

–   Alcune possibili domande che potrebbero arricchire la nostra riflessione sono:

1. Cosa pensi della qualità della tua esperienza personale nella vita di comunità?

2. Definiresti la tua comunità religiosa locale e provinciale come “vibrante”?

3. Che cosa puoi fare per migliorare la tua vita di comunità e la sua missione?

P.  Manuel Rodríguez Delgado, C.Ss.R.
Segretariato generale della formazione

Print Friendly, PDF & Email