Dichiarazione del Cardinale Tobin sul taglio di finanziamento proposto per il Triangolo del Nord

0
226

(Stati Uniti) – Con profondo senso di tristezza, ho letto della proposta di riduzione dell’aiuto umanitario ai paesi del Triangolo settentrionale dell’America centrale. Sono ancora sorpreso che alcuni ancora non capiscano cosa costringa le persone a lasciare il loro paese di origine. La maggior parte sta sfuggendo alla violenza estrema e alla povertà. La decisione di lasciare la propria casa non è facile o senza sacrificio.

Chi penserebbe che il modo migliore per risolvere il problema della povertà estrema sia quello di tagliare gli aiuti umanitari? Esorto caldamente il nostro governo a collaborare con i leader dei paesi del Triangolo Settentrionale per vedere quale sia il modo migliore per affrontare la povertà e la violenza che inducono uomini, donne e bambini a lasciare le loro case in un numero così grande.

Quando aiutiamo i poveri tra di noi, serviamo Dio stesso. Bisogna ricordare le parole di Gesù: “In verità ti dico, quello che non hai fatto per uno di questi piccoli, non l’hai fatto per me” (Mt 25,45)

(Arcidiocesi di Newark, www.rcan.org)

Il presidente Trump, nella sua più recente dichiarazione alle nazioni centroamericane, fa riferimento alla sua incapacità di affrontare la questione della migrazione e ha annunciato piani per tagliare gli aiuti a tre nazioni: Guatemala, Honduras e El Salvador, noto come il Triangolo di Nord.
I critici dei tagli dicono che si riferiscono a programmi volti a prevenire la violenza, ridurre la povertà estrema e la fame e rafforzare il sistema giudiziario, gli stessi problemi che i residenti di quei paesi pongono per poi lasciare le loro case e cercare un futuro più stabile in altri posti.

Sebbene l’amministrazione abbia offerto pochi dettagli su ciò che potrebbe essere questo taglio con precisione, il Dipartimento di Stato ha informato il Congresso che venerdì sera dirotterebbe circa $ 450 milioni di aiuti dalla regione. Il presidente Trump ha anche minacciato di chiudere il confine meridionale degli Stati Uniti con il Messico se quel paese “non ci riesce a farlo”.
Quindi, qual è la posta in gioco e che tipo di programmi potrebbero influenzare questi tagli in ogni nazione? L’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale descrive la strategia pluriennale per l’America centrale, che è responsabile della distribuzione di gran parte di questa assistenza, concentrandosi sulle riforme istituzionali e le sfide di sviluppo che guidano la migrazione. I programmi che supporta migliorano la sicurezza, migliorano la governance e promuovono la prosperità.

(The New York Times)

Print Friendly, PDF & Email