San Alfonso vince nella Lega ecumenica di Albania

0
385

(Kamëz, Albania) – L’Albania è un paese che si vanta di avere una buona convivenza tra le diverse religioni che occupano il suo territorio. Ma quella buona convivenza si trasforma anche in buoni rapporti quando parliamo di gruppi cristiani. Forse è il fatto di essere una minoranza di fronte a una percentuale schiacciante di musulmani, ma la realtà è che i cristiani dell’Albania vivono in un autentico ecumenismo.

Uno dei segni di quell’ecumenismo che ho dovuto vivere più da vicino è il campionato della “Parola Viva”. Questa è una lega di pallavolo, lo sport preferito dei giovani albanesi, organizzato in febbraio e marzo da una setta protestante e aperto a tutti i cristiani. In questo modo, e senza perdere un minuto, i giovani animatori di Kamëz si sono uniti al campionato e mi hanno invitato ad accompagnarli, anche se solo per dare loro un aiuto spirituale.

Questi giovani sono appassionati di pallavolo e hanno trascorso molte ore allenandosi e imparando bene lo sport, in questo modo sono riusciti a raggiungere le semifinali del campionato. La cosa più interessante è che sono gli unici cattolici in campionato ad aver raggiunto la semifinale, non solo con una squadra, ma con due. Dopo una stretta finale tra San Alfonso A e San Alfonso B, finalmente il nome del nostro Santo Fondatore è salito sul gradino più alto del podio (sport in questo caso, perché il podio della santità lo raggiunse già nel 1836) Dalla comunità redentorista di la missione di Albania celebriamo la vittoria dei nostri giovani animatori.

Fratello Álvaro Ortiz C.Ss.R
Missione dell’Albania

Print Friendly, PDF & Email