Prima metà del corso di spiritualità, da Roma al sud Italia

0
164

(Ciorani, Italia) – Il 10 giugno è iniziato, a Roma, il  corso redentorista di spiritualità in lingua inglese. Ventuno sacerdoti Redentoristi delle Unità di Manila, della Majella, Giappone / Indonesia, Bangalore, Burkina Faso, Varsavia, Asia-Oceania e Baltimora, insieme a due laici Redentoristi e ai nostri due istruttori, p. Piotr Chyla e p. George Puthenpura, si sono riuniti in un’aula della famosa Accademia Alfonsiana, dove c’è stata un’introduzione da parte nostro Superiore Generale, p. Michael Brehl. È stato un inizio meraviglioso per un’esperienza straordinaria.

Dopo un’introduzione sulle origini della Regola di p. Piotr (Abbiamo appreso che c’era un laico, Sylvester Tosquez, alla nostra messa di apertura il 9 novembre 1732), abbiamo ascoltato il  p. Alfonso Amarante, C.Ss.R., un esperto sul significato della nostra missione redentorista. Sant’Alfonso, ci è stato detto, distingueva tra gli abbandonati e i poveri. Alcuni poveri ricevono l’assistenza di cui hanno bisogno attraverso la Chiesa o le organizzazioni governative. Gli abbandonati, tuttavia, non hanno tali reti di sicurezza. Alfonso concepiva non solo la nostra predicazione della buona novella ai poveri e agli abbandonati, ma di vivere con loro. Le nostre comunità avrebbero dovuto essere molto vicine alle persone che servivamo in modo che potessero visitare regolarmente le nostre case. Potevamo istruirli e dare loro i sacramenti della Chiesa, ed essi avrebbero potuto aiutarci ad apprendere tutto ciò che ci avrebbero insegnato.

Nel nostro secondo giorno a Roma abbiamo visitato le catacombe di San Callisto, le più antiche di Roma. Abbiamo celebrato la messa ad un altare sotterraneo con le tombe dei martiri e dei santi intorno a noi. Siamo poi andati a San Giovanni in Laterano. Alcuni di noi hanno visitato la Chiesa altri la Scala Santa. Nel pomeriggio abbiamo avuto una lezione da parte del postulatore delle cause dei santi redentoristi, p. Antonio Marrazzo, C.Ss.R. Con nostra grande sorpresa abbiamo appreso che Alfonso non vide mai la nostra co-fondatrice, la Beata Maria Celeste Crostarosa. Suor Maria Celeste avrebbe incontrato Alfonso solo dietro la grata del convento.

Padre Manny Rodriguez, il Segretario alla formazione del Redentorista, invece, ci ha presentato le Costituzioni e gli Statuti. P. Manny ha sottolineato l’equilibrio richiesto tra lo zelo missionario e il nostro sviluppo personale verso l’integrità. Ogni fase della vita, ci ha ricordato, ci sfida a rimanere fedeli al nostro impegno vocazionale.

Il Segretario Generale, p. Brenden Kelly, C.Ss.R., dopo il P. Manny, ci ha dato delle informazioni sulla ristrutturazione per la missione. Mentre Alfonso iniziò l’Istituto per rispondere ai bisogni dei poveri e degli abbandonati, noi dobbiamo interpretare la Regola secondo il nostro contesto attuale. I nostri partner laici sono fondamentali per aiutarci ad affrontare il cambiamento di panorama del nostro mondo redentorista.

Il nostro apprendimento a Roma non si limitato alle lezioni in classe. In una delle mattinate abbiamo percorso a piedi circa 10,3 km (14000 passi!) Visitando i Redentoristi e i luoghi turistici della città. Abbiamo visto la chiesa dove Alfonso fu ordinato vescovo (Santa Caterina da Siena), la chiesa dei Gesuiti che fu offerta ai Redentoristi durante la soppressione dei Gesuiti (Chiesa del Gesù), la Fontana di Trevi, il Pantheon e, naturalmente, la nostra chiesa redentorista, Sant’Alfonso, dove l’icona originale della Madonna del Perpetuo Soccorso è venerata tutto il giorno.

Venerdì mattina alle 8:00 il nostro gruppo formato da 25 persone è partito con un pullman verso la nostra ex casa di formazione redentorista a Scifelli. Il viaggio è stato molto tranquillo. In questa nostra gita abbiamo avuto molta ospitalità e la possibilità di avere degli ottimi pranzi. Venerdì abbiamo pranzato a Scifelli, poi ci siamo diretti verso la nostra comunità redentorista di Frosinone, dove San Clemente lavorava e studiava prima di partire per le Alpi. La comunità internazionale dei Redentoristi è stata molto accogliente. I confratelli si sono uniti ai parrocchiani per servirci a tavola. Al nostro ritorno a Scifelli verso le dieci di sera, abbiamo trovato un tavolo pronto per noi nel cortile. Il nostro gruppo ha mostrato il nostro apprezzamento cantando canzoni native fino a tarda notte.

Al mattino abbiamo lasciato Scifelli per un’interessante visita al Monastero benedettino di Montecassino dove è seguita una messa ed un pranzo con le suore redentoriste a Sant’Agata. La loro vivace comunità ci ha accolto calorosamente e tutti noi abbiamo apprezzato i loro piacevoli canti  e il loro talento musicale nella celebrazione della messa. Poi è stata la volta di Materdomini.

Materdomini riceve un milione di pellegrini all’anno nel santuario e nel museo di San Gerardo. La comunità redentorista è molto impegnata, specialmente durante i mesi di autunno. Durante la nostra permanenza, è stato costruttivo vedere molte famiglie con bambini, molti dei quali erano probabilmente assistiti dalle preghiere di San Gerardo, il santo patrono delle madri e dei bambini.

Le lezioni sono continuate a Materdomini sulla spiritualità della Bibbia, una storia della spiritualità nella Chiesa e il panorama politico del Regno di Napoli durante il periodo di Alfonso. Poi abbiamo avuto le presentazioni dei Santi Clemente, Alfonso e Gerardo. Ogni sera le diverse Unità hanno offerto una presentazione del loro lavoro e delle comunità. È stato interessante apprendere come hanno risposto ai bisogni dei popoli che serviamo sottolineando i diversi aspetti della missione. La Provincia di Bangalore, ad esempio, normalmente trascorre due settimane in una missione parrocchiale. La prima settimana è dedicata alla visita di tutte le case del popolo e la seconda settimana è dedicata alla predicazione, consulenza, istruzioni e sacramenti.

Abbiamo lasciato le montagne di Materdomini per il tranquillo villaggio di Ciorani giovedì 20 giugno. Abbiamo potuto vedere la costiera amalfitana. Ci siamo fermati per una visita con i Redentoristi di Scala. Il piccolo confessionale dove Alfonso e Celeste si incontrarono per la prima volta hanno catturato la nostra immaginazione. La cappella, le alte mura del convento e gli splendidi giardini all’interno sono probabilmente oggi gli stessi di quando Sant’Alfonso bussò alla porta per la prima volta nel 1731.

Benedizioni,

Padre Kevin MacDonald, C.Ss.R.
Provincia di Baltimora

Print Friendly, PDF & Email