Assemblea della COREAM a Nairobi, in Kenya

0
90

(Nairobi, Kenya) – L’assemblea della COREAM (Conferenza dell’Africa-Madagascar) di 3 giorni è iniziata lunedì 8 agosto e si è conclusa il 10 agosto al Donum Dei Center, Nairobi. Complessivamente ventitré rappresentanti delle Unità Africa-Madagascar hanno partecipato all’Assemblea insieme a Rev.mo P. Michael Brehl, Superiore Generale e il Rev. P. Nicolas Ayuba, consultore generale.

La prima metà del primo giorno è stata dedicata al ricordo. P. Bafana Hlatshwayo del Sudafrica ha portato il gruppo ad avere un’introspettiva personale della nostra vocazione e missione redentorista.

Nel pomeriggio, abbiamo esaminato il Piano Apostolico della COREAM e discusso in gruppi su come implementare queste decisioni in modo concreto nelle nostre unità e zone. Le diverse zone hanno deciso di tenere un incontro con i membri dei capi unità all’inizio del 2020. Hanno anche deciso di avere alcuni progetti comuni come missioni parrocchiali e formazione della leadership nel prossimo futuro.

Il secondo giorno P. Noel Sottima, membro del Segretariato per la Formazione / Promozione vocazionale, ha presentato la Ratio Formationis per la COREAM. È stato approvato come documento di lavoro con 20 voti (3 astensioni).

P. Zephirin ha presentato i progetti missionari comuni per il Quadriennio. Dal 2012 stiamo parlando della missione comune nel Sudan del Sud, Tanzania e Zambia. Abbiamo confratelli dello Zambia e un vescovo in Zambia ha già invitato i Redentoristi ad andare a lavorare lì. Abbiamo richieste anche dal Congo e dal Brazzaville.

L’anno scorso l’assemblea ha dato la possibilità al segretario della COREAM di contattare i membri coinvolti in quei luoghi per l’apostolato comune. La decisione dell’ultimo capitolo generale ci chiede di avere progetti comuni. Possiamo avere progetti comuni all’interno delle unità. Ci sono anche molte unità che stanno inviando aiuto alle loro province madri.

Per quanto riguarda i progetti di missione comuni in Africa e Madagascar, il P. Generale ha detto che condividiamo la missione con diverse unità. Non è necessario avere una missione per la COREAM, ma una missione condivisa all’interno delle unità in questo momento. Forse in futuro lavoreremo per una missione comune nella COREAM.

Successivamente, abbiamo avuto una discussione di gruppo sulle Case di formazione comuni e progetti missionari comuni. Molti hanno proposto due noviziati e due teologati, uno in inglese e uno in francese. Il Padre generale ha chiesto all’assemblea di esaminare la questione dei formatori prima di recarsi sul posto. Ogni programma di formazione deve avere una squadra di formatori il cui compito principale è la formazione. Dobbiamo disporre di un inventario ben fatto di formazione in Africa e Madagascar.

 

Più tardi p. Gerry ha presentato il piano strategico della COREAM 2019-2022. A partire dalla storia dei precedenti piani strategici, ha spiegato i vari programmi previsti nel 2020-2022 nella Formazione, Vita Apostolica e Partnership con i laici, formazione della leadership.

Durante la discussione in gruppo, i membri hanno dichiarato di essere molto soddisfatti delle priorità. Il modello per l’assemblea della COREAM sarà utile. Le linee guida aiutano sempre a pianificare la missione.

Successivamente, il piano strategico è stato messo ai voti ed è stato approvato all’unanimità.

P. Tryvis ha presentato il messaggio della riunione della COREAM di metà-sessennio da inviare a diverse unità e superiori delle Unità madri. Anche quello è stato approvato all’unanimità.

Fr. Gerry ci ha chiesto di ampliare la nostra situazione finanziaria in Africa. Quando gli è stato chiesto della formazione dei leader, ha detto che la leadership deve fare una richiesta formale per la formazione dei membri nelle proprie unità. Pochi membri hanno anche chiesto se fosse possibile per le Province Madri avvalersi delle informazioni sul patrimonio per le unità. P. Gerry ha detto che è possibile.

Successivamente, abbiamo avuto l’elezione del Secondo Consultore per la COREAM. P. Zephirin ha affermato che, poiché abbiamo già una persona di lingua francese, dobbiamo scegliere qualcuno del paese di lingua inglese. La votazione sarà segreta. È richiesto i due terzi dei voto. Quindi Gerard McCabe è stato scelto dalla maggioranza dei due terzi come secondo consultore. Abbiamo anche votato alcuni passi concreti da seguire nell’attuazione del piano di riconfigurazione.

La signora Judith, rappresentante laica, ha apprezzato la congregazione per aver invitato un laico a partecipare all’assemblea. Ha detto che sarebbe stato più pratico se tutte le unità avessero presentato qualcosa sulla loro collaborazione con i laici. Sarà utile identificare i laici con i quali pensiamo di poter collaborare mentre aspettiamo il documento sulla formazione.

Data e luogo della prossima assemblea della COREAM:

P. Gerrard ha dato il benvenuto alla prossima assemblea in Sudafrica a Città del Capo o Johannesburg. Ha dato diverse sfide in termini di visto, condizioni meteorologiche e costi. I membri decidono di andare in Sudafrica per la prossima Assemblea.

Conclusioni:

P. Paolo ha ringraziato Dio per averci donato una buona salute del corpo e della mente durante queste due settimane. Ha ringraziato P. Zephirin per il duro lavoro che ha svolto, il Padre Generale e il Consultore per essere con noi durante l’assemblea. Ha apprezzato la presenza di Judith. Ha anche ringraziato i moderatori, i redattori, notai, coloro che hanno presentato documenti e le sorelle per la loro generosità. Ha detto che tutti i confratelli sono sempre i benvenuti in Kenya.

 P. Zephirin nelle sue osservazioni conclusive ha ringraziato tutti per la loro partecipazione e in particolare il P. Generale per la sua presenza che ci ha davvero incoraggiato. Ha ringraziato P. Nicolas per il suo continuo supporto. Ha espresso il desiderio che la decisione che abbiamo preso qui possa mettere radici nelle nostre unità. Dovremmo essere uomini di speranza. Grazie a tutti.

Il Padre Generale ha anche ringraziato tutti per l’ottimo lavoro svolto durante questa assemblea. “Voglio incoraggiarvi ed sarò con voi nella preghiera e in ogni tipo di supporto. Apprezziamo il buon lavoro svolto da P. Gerry. Ufficialmente, l’assemblea è finita ma il lavoro e i compiti iniziano domani mentre tornate a casa. Ringrazio tutti e che Dio vi benedica ”.

L’Assemblea si è conclusa con un’Eucaristia di ringraziamento, seguita da una cena e un Gaudeamus.

P. Paul Pazhangattu, C.Ss.R.
Superiore della Mission, Kenya.

Print Friendly, PDF & Email