Riunirsi per comunicare il Suo messaggio

0
190

(Kerala, India) – Il primo incontro per la squadra di comunicazione congiunta di tutte le unità redentoriste indiane, si è tenuto nella provincia di Liguori nel Kerala. I membri del consiglio, p. Charles Vijay (Bangalore), Derreck da Cruz (Majella) e Sijo Thaliath (Liguori) vi presero parte con il presidente Rev. P. Biju Madathikunnel, Provinciale della Provincia di Liguori, Kerala, il 14 gennaio 2020.

L’incontro è iniziato con una condivisione della prospettiva per il ministero dei media sulla base delle decisioni del Capitolo generale e della proposta del Piano strategico per la comunicazione e i media. P. Biju ha quindi iniziato le discussioni condividendo i vari progetti mediatici intrapresi dalla Provincia di Liguori. Dopo la condivisione dei diversi progetti mediatici intrapresi dalle tre unità, abbiamo discusso i vantaggi della collaborazione.

La seconda sessione è iniziata con la pianificazione di come possiamo collaborare nel campo dei media. Padre Biju ha animato la sessione e messo in evidenza le quattro aree in cui può avvenire la collaborazione mediatica, ovvero: consapevolezza, formazione, collegamento in rete e ministero. Per facilitare la collaborazione, è stato deciso di formare una struttura per la collaborazione mediatica tra le tre unità. Si tratterebbe di un consiglio composto da un rappresentante di ciascuna delle unità, Sijo della provincia di Liguori, Charles della provincia di Bangalore e Derreck della Viceprovincia della Majella, con Biju come presidente. Lavorare con il consiglio sarebbe costituito da squadre mediatiche per ciascuna delle unità, composte da confratelli e laici coinvolti nel lavoro dei media. A disposizione dei team ci sarebbe un pool di risorse umane, vale a dire, professionisti nei rispettivi campi e sarebbero stati consultati o assunti per i vari progetti che i team avrebbero intrapreso. È stato deciso che questo gruppo di professionisti sarebbe stato scelto in tutto il paese, per darci la migliore qualità ed evitare la ridondanza.

Nella terza sessione, abbiamo deciso come iniziare la collaborazione, ovvero quali progetti avviare. È stato deciso che non dovremmo dedicare troppo tempo alla pianificazione e quindi contrassegnare durante l’implementazione effettiva. Invece, abbiamo deciso di rendere iterativo il processo, mettendo in evidenza risultati tangibili in breve tempo, in modo da poter condividere chiaramente i risultati con gli altri e metterli a disposizione. Due pagine di Facebook, una con contenuto secolare e l’altra con contenuto cattolico che verrebbero aggiornate regolarmente, saranno i primi obiettivi. Poiché questi progetti diventano realtà, pianificheremo anche altri progetti come produzione video, app mobili, design e stampa e altro ancora.

Padre Sijo Thaliath C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email