1/6.000.000: Etty Hillesum (Middelburg 1914 – Auschwitz 1943)

0
54

(dal Blog dell’Accademia Alfonsiana)

Gli scienziati ci dicono che la mente umana è in grado di immaginare un numero piuttosto piccolo di singole entità: tra i 6.000, i 60.000, i 600.000 e i 6.000.000 possiamo distinguere razionalmente ma a livello di immaginare tali numeri le nostre forze si esauriscono a 6.000 (o intorno a questa cifra). Non è un grave handicap quando si parla di sigarette o moscerini della frutta, ma diventa molto serio quando si parla di persone, in particolare di vittime di violenza. Lo scopo di questo blog è di presentare a coloro che non la conoscono, questa persona meravigliosa, Etty Hillesum e di suggerire un modo per combattere la pericolosa tendenza a sottovalutare in modo massiccio la differenza tra 6.000 e 6.000.000.

Etty (Esther) era nata in una famiglia ebrea “liberale” (cioè non praticante) in Olanda all’inizio della Prima Guerra Mondiale. Sua madre era di origine russa e trasmise gran parte di questa cultura a Etty. Suo padre era un professore di materie classiche e un po’ introverso. C’erano due ragazzi in famiglia, Jaap e Mischa, il primo un medico, il secondo un musicista di talento ma afflitto da problemi psichiatrici.

Tutto cambiò per questa famiglia quando l’esercito tedesco invase l’Olanda nel maggio del 1940. Dal periodo tra il 1940 e il 1943 abbiamo accesso ad un diario molto lungo e circa 70 lettere scritte da Etty. Il Diario è per lo più scritto ad Amsterdam e descrive intensamente l’esperienza dell’occupazione militare.

Le lettere sono scritte in un campo di transito chiamato Westerbork e descrivono ancor più intensamente le immense sofferenze dei detenuti mentre attendono la deportazione. Etty ha avuto l’opportunità di sfuggire alla deportazione, ma decise di condividere il destino della sua gente.

Da quando questo materiale è stato pubblicato in una forma completa nel 1984, ha suscitato stupore e meraviglia in tutto il mondo a causa della sua profondità spirituale (vedi qui per i dettagli). Etty, che non era una cristiana, iniziò una relazione con Dio che le consentì non solo di affrontare gli orrori del suo destino, ma di dedicarsi ad aiutare i più vulnerabili dei suoi compagni.

È importante vedere film e documentari sulla Shoah, ma nessuno che io abbia mai visto mi ha fatto capire l’orrore di questo evento come il Diario e le Lettere. Questi documenti traggono la loro forza dal netto contrasto tra la bellezza della relazione di Etty con Dio e gli orrori della persecuzione nazista. Commentando la sua vita, Benedetto XVI ha detto:

«Nella sua vita sparsa e irrequieta, trova Dio nel mezzo della grande tragedia del 20 ° secolo, la Shoah. Questa ragazza, fragile e scontenta, trasfigurata dalla fede, si trasforma in una donna piena di amore e pace interiore, capace di dire: “Vivo continuamente in intimità con Dio” ».

Tornando a Etty come 1 di 6.000.000, voglio finire con un suggerimento. Ognuno dei 6.000.000 era un individuo, ma per la stragrande maggioranza non abbiamo nessun accesso personale e quindi rischiano di diventare statistiche. Il mio suggerimento per il lettore è di “adottare” Etty come rappresentante di questi 6.000.000 di esseri umani. Con “adozione” intendo leggere il materiale disponibile ed entrare in comunione con Etty e, attraverso di lei, con le altre vittime. Farlo per me è stato e rimane una delle più grandi grazie della mia vita, soprattutto da quando ho capito che si tratta più del fatto che Etty adotta me piuttosto che io adotto Etty.

p. Martin McKeever, CSsR

Print Friendly, PDF & Email