Canada: Benvenuto a Casa

0
271

C’era una volta una casa. Visto dall’esterno sembrava abbastanza ordinario. Costruita come molti altre, con finestre, porte e solidi muri per proteggere chiunque dentro dal vento e dal freddo. C’era una volta una casa a Winnipeg, in Canada.

Questa casa è stata sognata da un gruppo di religiosi e laici redentoristi della regione di Yorkton. Cominciò a essere sognato come un luogo di vita comunitaria, una casa aperta alle sfide e alle sofferenze del mondo. Non come una casa estiva dove pochi si riuniscono per fare volontariato, ma una casa con una vita permanente. Una casa dove la vita potrebbe entrare permanentemente con i suoi molti volti, molti nomi e molte storie. L’incontro tra il sogno e la casa è avvenuto più di 25 anni fa e da allora sta dando i suoi frutti.

Questa casa è molto simile ad altre case. Ha un soggiorno, cucina e camere da letto. Alcune persone vivono permanentemente lì: i nostri confratelli Larry, Edward e Gabriel. Liz e Delores. Anche noi abbiamo vissuto lì per tre settimane. Inoltre Mary, Marian, Mike, Bonnie, David, Mene, Christopher, Maxine, Lesia, Maryann e una manciata di nomi di altre persone. Perché questa casa, nonostante assomigli alle altre, ha una grande differenza: è una casa. Una casa con porte aperte e fondazioni speciali: comunità e missione.

Qui, ogni settimana, ci sono corsi di cucina per donne e giovani, serate con programmi di intrattenimento rivolti agli adulti, mattine di formazione della fede, incontri di sostegno e di follow-up nel difficile processo di smettere di dipendenze diverse, aiuto con cibo e beni di base per famiglie e persone con difficoltà finanziarie e un programma giornaliero completo di porte aperte. A tutti. A tutti coloro che trovano casa qui. Questa è una casa di famiglia.

Perché è una casa di famiglia, ogni giovedì c’è Family Night. Alle 16:30 le persone iniziano a presentarsi. E quelli che arrivano sono la famiglia! Tutti i nomi di prima ed altri non detti. Tutti fanno parte di questa casa. Tutti fanno parte della famiglia. Storia, cultura, punti deboli o punti di forza non contano. Nemmeno i motivi. Questa casa non chiede i motivi. Questa casa accoglie. E in questa casa, giovedì è il giorno in cui tutti si riuniscono. Tutti coloro che, per qualsiasi motivo, sono stati in casa gli altri giorni della settimana, si riuniscono il giovedì.

La prima ora è trascorsa a prendere un caffè e recuperare. Parlare del freddo esterno o di come i cambiamenti climatici abbiano anche causato fluttuazioni di temperatura, rendendo gli inverni meno rigidi (nota: a Winnipeg, “inverni meno rigidi” significa che non tutti i giorni saranno -30 ° C!) In cucina, un team permanente dei volontari si assicura che il servizio sia impeccabile. “C’è ancora del caffè nella caffettiera? Abbiamo più tazze lavate qui! ”

Dopo che il calore si è diffuso, passiamo alla stanza successiva, dove viene preparato lo spazio di preghiera in modo che l’ora prima dei vespri possa essere usata come lode e offerta dei nostri dolori, difficoltà e debolezze. Tutti sono presenti, anche quelli che hanno perso una delle altre notti. E anche il corpo si prepara alla preghiera. Siamo di fronte ad est, quindi a sud, a ovest e infine a nord. Per assicurarsi che nessuno dimentichi di far parte di un mondo più grande, “con quattro angoli”, ogni angolo rappresentato da un colore: nero, bianco, rosso e giallo, che rappresenta tutte le culture e i colori della pelle.

Alla fine è tempo di posizionare un altro tavolo. I volontari si fanno avanti e in dieci minuti le sedie vengono rimosse, i tavoli vengono sistemati e i piatti vengono sistemati. La cena è pronta. Ogni settimana viene preparato volontariamente da diverse parrocchie del quartiere. Tutti collaborano e nessuno si stanca. La fame di alcuni è grande. O la fretta. Ma tutto trova il suo equilibrio, alla fine. Siamo stati in tre Family Nights e in tutte la cena era deliziosa e il dessert … chiamiamolo festivo! Ogni fine del mese, un felice compleanno a te è cantato a coloro che hanno festeggiato il loro compleanno nelle settimane precedenti. E, già a pancia piena, ci rendiamo conto che rimangono sempre dodici cestini. Dodici cestini è lo stesso per dire che ci sarà sicuramente almeno un pasto in più per molti.

Quindi tutti iniziano a mettersi i cappotti e iniziano a dire addio. Piatti asciutti e ordinati. Cucina come nuova. Mani asciutte e borsa in mano. Per Delores e padre Larry la notte non è ancora finita. È ora di prendere i furgoni e riportare la famiglia a casa. Partono in piccoli gruppi di 5 o 7. E il silenzio inizia a prendere il controllo della casa.

Domani è un altro giorno e le porte rimarranno aperte.
Tra una settimana, tutto e tutti si riuniranno di nuovo.
Questa è la storia di una casa.
Chiunque lo guardi, dall’esterno, pensa che sia una casa come tutte le altre.
Ma non è.

C’era una volta una casa. Si chiama Welcome Home.

Questa è la Chiesa in cui crediamo. Una chiesa chiamata Welcome Home.

A presto,

Teresa Ascensão & José Silva Oliveira
Laici Missionari del Santissimo Redentore

(puoi seguire il nostro blog in: http://www.cssr.news/italian/cssr-intorno-al-mondo/)

Print Friendly, PDF & Email