Redentoristi del Divino Amore a Batanga aiutano i sanitari e le comunità povere

0
204

Sacerdoti redentoristi e missionari laici della chiesa redentorista del Divino Amor nella provincia di Batangas, nelle Filippine, hanno creato una cucina comunitaria per operatori sanitari e comunità povere. (Foto per gentile concessione del Fratello Ciriaco Santiago)

Pasti caldi consegnati agli operatori sanitari nelle Filippine

Un gruppo della chiesa nelle Filippine ha avviato un programma per fornire pasti caldi agli operatori sanitari che sono in prima linea nella lotta contro la diffusione del nuovo coronavirus.

Nella provincia di Batangas, a sud di Manila, la Chiesa Redentorista del Divino Amor ha istituito una cucina comunitaria per preparare cibo per operatori sanitari e comunità povere.

“In tempi di crisi, le persone sentono la presenza della Chiesa”, ha detto il sacerdote redentorista Leo Mar Arenillo, rettore della comunità missionaria nella provincia.

“Siamo una comunità e la malattia che i poveri sentono è la stessa malattia che anche la Chiesa sente”, ha detto il sacerdote. Ha riconosciuto che il “blocco” del governo volto a prevenire la diffusione del nuovo coronavirus ha limitato le attività della chiesa e ha posto una sfida ai suoi sforzi per servire la comunità. Ma il sacerdote disse che la Chiesa non doveva essere paralizzata. “Finché ce n’è bisogno, dobbiamo continuare ad essere strumenti dell’amore di Dio”, ha detto.

Dal 19 marzo, la missione redentorista ha fornito una media di 1.500 pasti caldi al giorno, che è stato descritto dal prete come un “miracolo” reso possibile da un gruppo di volontari che si definiscono la cucina mobile Art Relief ( ARMK).

Fondata nel 2013 dal fotografo documentarista Alex Baluyut e dall’artista Precious Leano, la missione di ARMK si è proposta di nutrire gli affamati e gli sfollati a seguito di calamità naturali e provocate dall’uomo.

Il gruppo ha già istituito una cucina di campagna nel complesso redentorista di Batangas.

A Manila, il gruppo ha collaborato con altre organizzazioni non governative e religiose per aiutare a nutrire gli operatori sanitari in vari ospedali.

“Ogni missione è diversa”, ha detto Leano. “Siamo stati in guerre, terremoti ed eruzioni vulcaniche … Il minimo che possiamo fare è cucinare un pasto per il nostro popolo”, ha detto. “Sono contento di avere l’opportunità di vedere un sorriso da una persona che mangia un pasto caldo”, ha detto. “Ne hai bisogno di più?”

Leano ha espresso la speranza di vedere un giorno una comunità in cui le persone si aiutano a vicenda. Ha detto che è la ragione per cui continua a fare quello che fa. “Ama il tuo prossimo. Questo è tutto ciò che serve “, ha detto.

Padre Arenillo ha affermato che “tutti condividono e tutti servono con sorrisi”.

“La paura e la tristezza si fermano quando c’è un delizioso pasto caldo davanti a una persona”, ha detto il sacerdote.

Oltre a distribuire cibo, il progetto offre anche spazio agli agricoltori per vendere i loro prodotti. “I filippini sono sempre lì l’uno per l’altro”, ha detto il sacerdote, aggiungendo che un filippino “non si stancherà mai di aiutare un altro filippino”.

(da www.licas.news)

Print Friendly, PDF & Email