Un solo corpo: La vita interiore di San Clemente Hofbauer

0
114

Nel mio ultimo anno (1964-1965) nel seminario minore redentorista nell’allora provincia di Edmonton, la nostra classe scelse San Clemente Hofbauer come suo patrono. Avevamo letto le biografie dei tre Redentoristi già  canonizzati a quel tempo (Alfonso, Gerardo e Clemente). Tutti noi abbiamo trovato Clemente il più simpatico dei tre, principalmente perché ci sembrava il più ordinario e pratico. Lo zelo apostolico e la creatività di San Clemente erano in consonanza con noi potenziali Redentoristi di diciotto e diciannove anni.

Nel corso degli anni della mia vita apostolica redentorista, ho imparato a riconoscere la fonte dello zelo apostolico di Hofbauer: la sua profonda e forte fede cattolica,  radicata nella sua profonda comunione con Dio, sempre presente e attiva. In un saggio  ho letto che per Clemente il mondo della fede è semplicemente naturale e necessario per vivere. Tutto ciò che Clemente fece fu basato sull’accettazione della volontà di Dio.

Ci vollero 34 anni perché  la vita interiore di San Clemente, il suo desiderio di servire Dio e la Chiesa, e le circostanze esterne si fondessero e lui potesse iniziare a vivere la vocazione di sacerdote redentorista. Molto è stato scritto sul tempo in cui visse San Clemente, sulla sua vita e sulla sua opera e attività missionaria; tuttavia, vorrei concentrarmi maggiormente sulla vita interiore di Hofbauer. Sono stato colpito dal desiderio di solitudine che troviamo nella vita di questo santo apostolo molto attivo.

Ci sembra opportuno prendere in considerazione, oggi, la vita interiore di Clemente Hofbauer. Papa Francesco ha chiamato tutti noi a essere discepoli missionari e San Clemente ne è un vivido esempio con i suoi straordinari successi pastorali. Ma facciamo bene a ricordare che la vita apostolica di San Clemente era anche piena di insuccessi e delusioni. Ciò che lo ha sostenuto in tutto è stata la sua vita interiore.

C’é tutta una serie di suggerimenti e aperture nel viaggio di vita di San Clemente che offrono tratti della sua vita interiore.

Morte di suo padre

Clemente – il nono di dodici figli – aveva sette anni nel 1758  quando suo padre morì. Un episodio che ebbe un profondo effetto su Clemente è registrato in tutte le biografie. Perché è stato un momento intimo tra madre e figlio: lo conosciamo solo perché lo stesso Clemente ne parlava; e ne parlò perché era per lui una profonda esperienza interiore e spirituale. Il giorno in cui suo padre morì, la madre  portò Clemente davanti a un crocifisso, gli indicò l’immagine del Salvatore e disse: “Figlio mio, da ora in poi, questo è tuo padre. Fai attenzione a seguire il percorso che gli piace.”

L’intero viaggio della vita di Clemente è stato infatti contrassegnato da una incrollabile fiducia in Dio e dall’impegno a fare la volontà di Dio. Il suo rapporto personale con Dio era al centro di tutto ciò che diceva e faceva, specialmente di fronte ai suoi numerosi fallimenti personali e apostolici. Uno dei detti di Clemente che mi è rimasto impresso fin dalla prima volta che ho letto una biografia di San Clemente è: “Nur Mut! Gott lenkt alles!” (Coraggio! Dio guida tutto!)

La vita da eremita

Mi sembra che, il segno più rivelatore della vita interiore di Hofbauer, sia gli otto anni (dai 25 ai 32 anni) che visse da eremita. Fabriciano Ferrero lo conferma, quando scrive: “Tra i fattori importanti che hanno influenzato la formazione spirituale di Clemente, il segno della vita dell’eremita sembra il più chiaro.” (Fabriciano Ferrero, “The Significance of Hermitism in the Life and Spirituality of Saint Clement” in Saint Clement Hofbauer: His Writings and Spirituality. Edited by Raymond Corriveau.  Liguori Publications, 2008, p 124)

Va notato che “la vita di eremita” ai tempi di Clemente non era così austera come quella dei padri e delle madri del deserto. Tuttavia, lo spirito di solitudine era ancora centrale. Ferrero osserva che “l’eremita ha assistito alla trascendenza di Dio in mezzo a una società in profonda trasformazione ideologica e culturale”. (Ferrero, Ibid, p 125)

La vita di Clemente come eremita ebbe due fasi. La prima dal 1775-1777 a Mühlfrauen nel suo paese natale; la seconda dal 1782-1783 a Tivoli, vicino Roma. (Quello intermedio è stato un periodo molto importante di discernimento continuo sulla sua vocazione; nel frattempo ha lavorato come fornaio e ha fatto molti pellegrinaggi, specialmente a Roma.)

I testimoni del processo di beatificazione di Hofbauer citano il suo amore per la solitudine e le difficoltà nel continuare i suoi studi per il sacerdozio come fattori nella sua decisione di “vivere in isolamento completamente unito a Dio e  servirlo”.

Il tempo di Clemente eremita a Tivoli sembra essere stato particolarmente importante nello sviluppo della sua spiritualità. Durante tutta la sua vita di Redentorista, provò una certa nostalgia per il suo tempo lì. Quando parlava di Tivoli, ripeteva spesso: “Lì si potrebbe davvero pregare.”

A Tivoli, Clemente arrivò alla conclusione che essere  eremita non era la sua vocazione, e tornò a Vienna per continuare gli studi, in vista dell’ordinazione sacerdotale. Insoddisfatto della teologia insegnata lì, Clemente e il suo caro amico Thaddäus Hübl lasciarono Vienna e partirono per Roma, dove entrambi si unirono alla Congregazione del Santissimo Redentore.

Di nuovo in Europa centrale

Dopo essere stati ordinati sacerdoti redentoristi, Clemente e Thaddäus furono incaricati di riattraversare le Alpi per fondare la Congregazione fuori dall’Italia. Prima a Varsavia (San Bennone) e poi a Vienna vediamo il frutto del tempo di solitudine, preghiera e riflessione di Hofbauer come un eremita. Il modo in cui Clemente adattò il carisma redentorista alle diverse circostanze in ciascuna di quelle due città è a dir poco sorprendente. La sua profonda fede cattolica, la sua creatività e la sua ostinata perseveranza crearono una vita straordinaria di lavoro pastorale e apostolico.

Ferrero commenta che il tempo di Clemente come eremita lo ha aiutato a compiere il passaggio “da un mondo del passato … a poco a poco inculturato e con tutta semplicità, nel nuovo mondo dell’Illuminismo, del Romanticismo e delle Rivoluzioni. Questo passaggio è stato tale da essere uno dei ruoli guida nel rinnovamento cristiano dell’Europa centrale.” (Ferrero, Ibid, p 119) E Ferrero conclude: “San Clemente non ha mai dimenticato la luce di Tivoli. Per questo motivo, divenne il profeta-missionario in un modo che era quasi connaturale per lui.” (Ferrero, Ibid, p 125)

Uno degli amici intimi di Clemente a Vienna conferma la conclusione di Ferrero:

“Padre Hofbauer ha condotto una vita molto attiva a Vienna … Aveva solo una stanza che era aperta a tutti … Qui ha creato nel suo cuore un deserto, una cella solitaria, un piccolo oratorio. In questa solitudine del cuore … si ritirava quando voleva, in qualsiasi momento, ovunque si trovasse, anche quando vagava per le strade più affollate, si immergeva in se stesso.”

Padre Srna conosceva bene Clemente, perché per anni ha vissuto con lui in spazi molto vicini. Sosteneva che Hofbauer era un grande uomo di preghiera “perché la preghiera era il nutrimento e il ristoro del suo cuore”. (Josef Heinzmann, Preaching the Gospel Anew: Saint Clement Maria Hofbauer.  Liguori Publications, 1998, p 178)

Conclusione

Una massima attribuita a San Clemente Maria Hofbauer potrebbe riassumere la sua vita interiore: “Il mezzo migliore per diventare santo è di immergersi nella volontà divina come una pietra nel mare e lasciarsi rotolare e rigirarsi a piacimento.” Questa è ancora una sfida per i membri contemporanei della Famiglia Redentorista. Affondiamo nella volontà divina!

Domande per la riflessione:

1. Con in mente la scena di Clemente bambino di sette anni e di sua madre davanti al crocifisso: hai mai avuto un’esperienza simile?

2. “Tra i fattori importanti che hanno influenzato la formazione spirituale di Clemente la vita eremitica sembra il più chiaro.” Che ruolo ha avuto la solitudine nella tua formazione e nella tua vita?

Preghiera di San Clemente Hofbauer 

Basta avere coraggio.
O Dio, tu sei il maestro.
Guidi tutto per il bene della tua gloria
e per ciò che è meglio per noi,
e nessuno può resisterti.
Tutti i nostri piani, per quanto ben ponderati,
servono solo per adempiere alla tua volontà. Amen.

—————————————————————————————————-

ONE BODY è un testo di preghiera proposto dal Centro di Spiritualità Redentorista.

Questo testo è stato scritto in da David LouchCSsR

Per maggiori informazioni: Piotr Chyla CSsR (Direttore del Centro di Spiritualità –  fr.chyla@gmail.com).

File PDF: Un solo corpo – Luglio ITA

Print Friendly, PDF & Email