Un regalo dal cielo, padre Rudy Romano CSsR rimane vivo nei cuori dei poveri

0
76

Il sacerdote scomparso 35 anni fa vive nei cuori dei filippini

Tre decenni e mezzo fa, un grande insegnante, un fedele difensore dei diritti umani, un front-line nelle manifestazioni anti-Marcos, un uomo di stoffa, un umile servitore dei poveri, privato e oppresso scomparso involontariamente alla luce del giorno a Labangon, Cebu City. Padre Rudy Romano della Congregazione del Santissimo Redentore è stato forzatamente preso da presunti elementi del gruppo di intelligence militare a Labangon, nella città di Cebu. Da allora, non è mai tornato.

Dov’è padre Rudy Romano? La domanda è stata ripetutamente schizzata nei titoli dei quotidiani nazionali, dei giornali locali e della TV, trasmessa per radio e scritta su cartelli. Le pressioni nazionali e internazionali non sono riuscite a far emergere don Romano CSSR, la cui sparizione forzata è stata uno dei casi più visibili della pratica durante gli anni più bui della dittatura di Marcos.

In questo periodo di pandemia, se padre Romano fosse con noi, “sarebbe ancora impegnato con il suo lavoro di missionario per i più indigenti. Fu lui, visse e involontariamente scomparve nel farlo”, ha detto padre Ben Moraleda che ha lavorato con padre Romano nella stessa congregazione.

Riflettendo sull’anniversario del sacerdote scomparso, padre Ramon Fruto, CSSR, Vice Superiore Provinciale dei Redentoristi per i Visayas al culmine della campagna per la liberazione del missionario scomparso, rifletté: “Gli esperti medici continuano a cercare un antidoto efficace e duraturo contro la diffusione del coronavirus. I legislatori e gli avvocati continuano a mettere in discussione la saggezza della legge anti-terrorismo … Nel mezzo di tutte queste inquietanti preoccupazioni, traiamo ispirazione e forza dagli esempi di eroi poco conosciuti … Per perseguire questo sogno, hanno rischiato le proprie libertà e persino le loro vite … Hanno perseguito il loro sogno di costruire una società che è un riflesso del regno di Dio sulla terra, costruito sulle fondamenta di pietre di amore e preoccupazione per tutte le persone, specialmente gli emarginati e gli oppressi … “

Tra questi eroi poco ricordati del nostro recente passato c’è il sacerdote missionario redentorista filippino, padre Rudy Romano, CSSR, che secondo quanto riferito è stato rapito dagli agenti dell’intelligence militare del regime di Marcos … “

Conoscevo personalmente Padre Romano durante gli anni del liceo e del college. Giovani attivisti che eravamo, abbiamo marciato insieme in vari manifestazioni durante i momenti più oscuri della dittatura di Marcos. Come missionario, seguì le orme di Cristo. Aprì le sue porte a stanchi attivisti, ascoltò le ansie dei suoi parrocchiani, li confortò nelle loro paure e abbracciò i loro sogni per una società che valorizza la santità della vita e aspira alla realizzazione del “Nuovo Paradiso e Nuova Terra”.

Per aver accompagnato gli operai nella loro richiesta di migliori condizioni di lavoro, per la sua presenza incoraggiante durante le demolizioni di comunità povere urbane, per essersi immerso con i contadini senza terra nella loro lotta per la terra e la vita, p. Rudy ha guadagnato l’ira dei potenti. Essendo un vero seguace del Santissimo Redentore, in molte occasioni fu molestato, in lacrime, diffamato, imprigionato fino a quando non fu fatto scomparire.

Padre Romano è uno dei più di 2.000 desaparecidos nelle Filippine.

Per leggere ancora:
https://www.ucanews.com/news/priest-disappeared-35-years-ago-lives-in-filipino-minds/88749

(Mary Aileen D Bacalso, Manila. UcaNews, 13/07/2020)

Print Friendly, PDF & Email