Pandemia: i giovani assumono una missione di evangelizzazione e solidarietà

0
76

Accogliere e assistere. Azione Missionaria unisce i giovani al Santuario Redentorista di Nossa Senhora do Perpétuo Socorro a Campos dos Goytacazes (RJ), la domenica mattina il gruppo esce per le strade offrendo la colazione, oltre a nutrire il messaggio del Vangelo e ascoltare e condividere i loro dolori e desideri: solidarietà e costruzione di una società inclusiva che riveli il volto di una chiesa solidale con i poveri.

Il progetto Colazione Solidale è un momento di ascolto e di conforto ai senzatetto della città di Campos dos Goytacazes. I giovani missionari del Santuario di Nossa Senhora do Perpetuo Socorro, dei Padri Redentoristi si svegliano presto e preparano tutto per passare attraverso i punti di concentrazione dei senzatetto. Oltre al cibo, ascoltano alcune delle storie. Il Coordinatore della Gioventù Missionaria Redentorista, Igor de Oliveira Ferreira, evidenzia l’esperienza di prendersi cura di questo gruppo di persone vulnerabili.

“Colazione solidale nella mia vita non è solo una chiamata di Dio, ma un modo che Dio deve insegnarmi, correggermi, santificarmi. Quando ci prendiamo cura degli altri, Dio si prende cura di noi. Questa è l’esperienza di portare la colazione ai più bisognosi. Spesso, quando andiamo a portare il caffè, alcuni di loro chiedono: “puoi abbracciarmi” oppure “puoi pregare per me?” e questa è una grande benedizione di Dio: prendere non solo cibo materiale, ma anche la parola di Dio. La colazione solidale, quindi, è un momento del mio incontro con Dio, visto che possiamo vederlo nel fratello”, rivela Igor.

Lucas Dias parla dell’importanza che la Chiesa sia solidale e cerchi di raggiungere i poveri e i sofferenti e in questo momento di pandemia l’aumento delle famiglie in vulnerabilità sociale che si rifugiano nelle strade. Sono esposti a Covid-19 perché non possono sperimentare la distanza sociale. Lucas rivela che è importante prendersi cura di loro.

Quindi Colazione Solidale per me è stato un modo di vedere la necessità dell’altro, di vedere che la chiesa non può essere solo il tempio ma la chiesa deve essere ciascuno di noi e lì possiamo vedere quanto la misericordia di Dio opera nelle persone. Potevo anche vedere che non siamo niente, non abbiamo niente e che tutto ciò che abbiamo dobbiamo condividerlo. Spesso abbiamo tutto nelle nostre case, non ci manca mai il pane quotidiano eppure ci lamentiamo mentre gli altri non hanno nemmeno niente da indossare. Sono riuscito a vedere quanto dovrei tirarmi fuori dall’autocompiacimento, perché ci sono molte persone che aspettano il nostro sì. Quello che abbiamo da offrire, che sia cibo o la nostra stessa preghiera, perché i nostri fratelli di strada non solo hanno bisogno del pane, dell’abbigliamento, ma hanno anche bisogno delle nostre preghiere per avere il cibo più grande, che è Gesù Cristo stesso. Sono molto grato a Dio per aver potuto condividere un po’ di quello che ho”, sottolinea Lucas.

Il coordinatore Igor de Oliveira Ferreira informa che l’obiettivo di questa azione missionaria giovanile è portare il caffè ai senzatetto la domenica nelle prime ore del mattino, dove molti hanno fame a causa del difficile accesso al cibo. In questo senso, il progetto si è consolidato nel tempo grazie all’ausilio di altri membri della pastorale del Santuario di Nossa Senhora do Perpétuo Socorro e di alcuni collaboratori ed è diventato non solo uno strumento per assumere cibo materiale, ma anche la Parola di Dio, dal momento che molti fratelli di strada chiedono preghiere, un versetto biblico e persino un abbraccio.

www.vaticannews.va

Print Friendly, PDF & Email