Gettare Un Fuoco : 20° Settimana Alfonsiana, Palermo

10
211

“Credete che sia venuto a mettere pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione” (Lc. 12:51). Parole come queste di Gesù – tema della 20ma. Settimana Alfonsiana – non sono poche nei Vangeli. Queste sono tra le più roventi. La porta infuocata del Vangelo. Non a caso disse: “Sono venuto a gettare un fuoco sulla terra e quanto desidero che sia già acceso” (Lc. 12:49). Certo, possono essere accolte o respinte. Se accettate, però, non tollerano compromessi o approssimazioni.

Il primo aspetto da cogliere è che esse parlano anzitutto di Lui: di Gesù. Lasciano intravedere i tratti peculiari della sua personalità: la tempra d’uomo che era. I Vangeli o descrivono come persona estremamente determinata e coerente. Sarà infatti la coerenza col suo Vangelo – la sua obbedienza perfetta a Dio – a portarlo in croce come uno spregevole malfattore.

Ed è chiaro che a dividere la famiglia – in favore del “Regno di Dio” – è il Vangelo. Gesù stesso è il primo a uscirne. “I suoi” tentarolo di riportarvelo per farlo rinsavire. Dicevano infatti: “E fuori di sé” (Mc 3:21). Volevano una famiglia unita ma fuori del Vangelo. “I nemici dell’uomo saranno i suoi familiari” (Mt. 10:36). Perciò queste affermazioni di Gesù non sono una metafora o una parabola. Significano letteralmente ciò che dicono, senza altri fini o sottintesi. Per questo sono perentorie. Causano divisione, rottura, separazione, abbandono. Nel caso lo esiga il Vangelo, ognuno per la propria strada. E subito. Senza rinvii.

Ora e non domani. Come fecero Simeone e Andrea, Giacomo e Giovanni: lasciarono senza indugio il padre, la barca, le reti e “gli andarono dietro” (Mc 1:16-20) per annunciare con Lui il Regno. Nel quale non c’è famiglia: né maschi né femmine, né mariti, né mogli, né figli, né nuore, né suocere. Come saremo non è stato rivelato. Ora è il tempo solo della fede.

I grandi seguaci di Gesù di Nazaret: Francesco d’Assisi, Alfonso de Liguori, Charles de Foucault, Albert Schweitzer, Lorenzo Milani, Giuseppe Puglisi e molti altri, sono tali perché nella propria vita non fecero prevalere la famiglia, cioè i legami del sangue e della carne (Mc 3:31-35). Carne e sangue non contano nulla. Sono privi di significato o peso evangelici.

È utile riflettere sui perché i passaggi più critici del Vangelo – a parte la morte di Gesù – siano tra i più negletti e contraddetti. Pure in Sicilia. In cui all’etica ispirata al Vangelo è stata preferita (…solo in passato?) quella familistica del sangue e della carne.

Nino Fasullo, CSSR

Print Friendly, PDF & Email

10 COMMENTS

  1. I just couldn’t leave your website prior to suggesting that I really loved the standard info an individual provide in your visitors? Is going to be again incessantly in order to investigate cross-check new posts
    [url=http://www.ayacara.org/category/handyman-services/home-inspections/]Maglia Fiorentina 2017[/url]

  2. I’ve been browsing on-line greater than three hours lately, yet I by no means discovered any interesting article like yours. It is beautiful price enough for me. In my opinion, if all web owners and bloggers made excellent content as you probably did, the net will probably be much more useful than ever before.

  3. I do consider all the ideas you have introduced on your post. They’re very convincing and will certainly work. Nonetheless, the posts are very quick for beginners. Could you please prolong them a bit from next time? Thank you for the post.

  4. Thanks for the sensible critique. Me and my neighbor were just preparing to do a little research about this. We got a grab a book from our area library but I think I learned more clear from this post. I’m very glad to see such excellent information being shared freely out there.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here