Non è più obbligatorio indicare la religione sulla carte di identità

6
281

Non è più obbligatorio in Indonesia indicare la religione sulla carta di identità. I cittadini indonesiani, alla voce “religione” del documento, potranno lasciare uno spazio in bianco oppure indicare una fede anche al di fuori delle sei riconosciute ufficialmente dallo stato. Lo ha annunciato il ministro dell’Interno Tjahjo Kumolo, affermando che la disposizione è stata inoltrata a tutti i capi distretto. Secondo la Costituzione indonesiana, sono solo sei le religioni ufficialmente riconosciute dal governo: Islam, Protestantesimo, Cattolicesimo, Induismo, Buddismo e Confucianesimo. Finora i cittadini indonesiani hanno dovuto obbligatoriamente indicare sulla propria carta di identità uno di questi sei culti, indipendentemente dalle loro effettive convinzioni (come per gli atei, gli animisti, etc).

indonesian-id-card

Tjahjo, membro dell’esecutivo del Presidente Joko Widodo, ha riferito che uno dei motivi principali per il cambio della regola è avere la precisa informazione dei riti funerari da osservare in caso di morte di una persona.

“Non bisogna forzare le persone, ad esempio, a scegliere l’Islam se la loro fede assomiglia insegnamenti islamici ma non è la stessa”, ha detto Tjahjo, spiegando che il suo ministero ha vagliato consigli e input da diversi leader, forum e enti religiosi, come Consiglio degli Ulema indonesiani e il Ministero degli affari religiosi, prima di giungere a questa decisione.

Pur se presentata come una “mossa amministrativa”, si tratta di un grande passo avanti in nome della libertà religiosa per gli indonesiani di tutte le fedi. Alfiere di tale modifica è stato Basuki Tjahaja Purnama, politico cristiano, governatore del distretto della capitale Giacarta. Fra l’altro, notano alcuni studiosi, l’obbligo di scelta fra le sei religioni riconosciute ha indotto milioni di cittadini indonesiani a definirsi ufficialmente “musulmani”, mentre, di fatto, seguono e praticano culti tradizionali indigeni. Eliminare l’obbligatorietà, dunque, potrebbe ridefinire il volto religioso della nazione indonesiana oggi.

“Per la crescita futura dell’Indonesia occorre avere il coraggio di modificare una norma ormai desueta” ha detto Purnama, ricordando che in tal modo si potranno eliminare le discriminazioni che spesso subiscono i cittadini non musulmani, anche in scuole e posti di lavoro pubblici.  (Agenzia Fides, 22/05/2015)

La CSsR in Indonesia:

La presenza Redentorista in Indonesia risale a quasi 58 anni fa. La Provincia si estende ora su cinque differenti isole: Sumba, Giava, Flores, Lembata e Kalimantan. In Indonesia risiede una popolazione in prevalenza musulmana e i Cristiani rappresentano approssimativamente il 7% di essa. Vi sono 33 Diocesi, in Indonesia, e la Chiesa sta ancora crescendo.

CSsR The Province of Indonesia:

https://www.youtube.com/watch?v=_MhMiBMiYi4

Vedi anche

Indonesia una unita piena di vita che da speranza alla congregazione:
http://ihubdemo.com/cssritalian/scalanews/indonesia-una-unita-piena-di-vita-che-da-speranza-alla-congregazione/

Print Friendly, PDF & Email

6 COMMENTS

  1. Hi! I know this is kind of off topic but I was wondering which blog platform are you using for this website? I’m getting tired of WordPress because I’ve had problems with hackers and I’m looking at alternatives for another platform. I would be awesome if you could point me in the direction of a good platform.

  2. Good revise on the infographic, Donald! Your quest is definitely significantly appreciated and provide us SEMs a fighting chance up against the improper facts throughout the net which will get sucked directly into Gp.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here