La terra continua a tremare…, notizie sul terremoto del Ecuador

1
3251

Una forza devastante, quella provocata dal terremoto di magnitudo 7.8 della scala Richter, ha colpito la costa settentrionale dell’Ecuador (tra le località costiere di Cojimies e Pedernales nella provincia di Manabi, al confine con la provincia di Esmeraldas) il Sabato 16 aprile a 18:58 ora locale.

terremoto-ecuador01

Da quel giorno fino alla data di oggi (Giovedì 21 aprile) ci sono stati più di 500 scosse di assestamento. E questo continua a spaventare la popolazione e genera un profondo senso di ansia, angoscia e insicurezza costante in questi giorni. In realtà, questo Giovedì 21 aprile c’è stata una nuova replica di magnitudo 6.0. La cosa peggiore è che le scosse di assestamento possono continuare per giorni, settimane o addirittura mesi. Nessuno è al sicuro. Indubbiamente, questo è il peggior terremoto in Ecuador in quasi quattro decenni. Nel paese è stata dichiarata emergenza nazionale.

ecuador_esmeraldas02Si parla già di circa 600 morti; circa 5.735 feriti e 163 dispersi. Si calcola 581 morti solo nella provincia di Manabi, che è certamente la più colpita dal sisma. Si dice anche che ci sono 29 stranieri tra i morti identificati (10 colombiani, 6 cubani, 2 canadesi, 2 della Repubblica Dominicana, 2 inglese, un italiano, un tedesco, un francese, un irlandese e altri la cui nazionalità non è stata confermata ). La città di Manta ha registrato il più alto numero di morti. Ma ci sono anche molti morti in Pedernales e Portoviejo. Quindi, ci sono morti anche in Canoa, Calceta, Bahia Caraquez e altrove.

La gente ha bisogno di aiuto e di sostegno. Ci sono molte perdite materiali. I più poveri sono sempre i più colpiti in questi casi. C’è solidarietà tra le persone. Gli aiuti cercano di coprire le esigenze di base e le più urgenti. La Chiesa è tra i gruppi più impegnati ed è molto vicino ai gruppi di sostegno e di assistenza. Naturalmente, per il momento non vi è ancora alcuna intenzione di ricostruire case, quartieri o città. Ci sono circa 1.600 vigili del fuoco provenienti da diversi paesi che collaborano con il corpo di pompieri del Ecuador. Sono principalmente da Spagna, Colombia, Perù, Messico, Cile e Bolivia. Essi continuano a rimuovere i detriti alla ricerca di persone. Hanno usato macchinari pesanti, ma lo fanno con molta attenzione, lentamente e con molta attenzione.

Siamo solidali con il gran numero di immigrati ecuadoriani dispersi in molte parti del mondo. Nella lontananza, situazioni e problemi di questo tipo sono vissuti con una grande sensazione di impotenza e preoccupazione per i propri cari. Ci uniamo il loro dolore, forniamo il nostro sostegno e le nostre preghiere.

La situazione dei Redentoristi

cssr_Ecuador02
Redentoristi in Ecuador (foto 2014)

Nessun confratello Redentorista è morto o gravemente ferito. Sembra che né i parenti stretti di confratelli sono stati direttamente colpiti. I nostri confratelli, più vicini alle zone più colpite stanno lavorando a stretto contatto con la popolazione locale e la Chiesa locale. La nostra Chiesa nella città di Manta è stato abbastanza martoriata. Ancora non sono stati in grado di quantificare il danno. L’enorme vitral (Vetri Colorati) del presbiterio è distrutto. Alcune pareti sono incrinate. Resta da vedere come si trovano le colonne. Si sta studiando e analizzando il danno della l’intera situazione.

Qualsiasi supporto, preghiere e ogni aiuto è apprezzato. Per aiutare, contattare il Superiore della Provincia Redentorista di Quito, P. Sixto Guerrero. Il suo indirizzo e-mail è: sguerrerovasquez@yahoo.com

P. Enrique López

 

 

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here