Messaggio a tutti missionari Redentoristi dell’America Latina e dei Caraibi

1
1625

Messaggio a tutti missionari Redentoristi dell’America Latina e dei Caraibi

“Perché tutti siano una sola cosa, perché il mondo creda che tu mi hai mandato”.
(Gv. 17,21)

(Atyrá, Paraguay, 12 Maggio 2016)

Saluti ai confratelli dell’America Latina e dei Caraibi!

  1. Noi, missionari redentoristi dell’America Latina e dei Caraibi, laici e laiche, fratelli e sacerdoti – in totale 69- riuniti ad Atyrá, Paraguay, sperimentiamo fortemente la bellezza e la gioia di vivere la fraternità del Vangelo per due settimane. Meditiamo su vari temi che ci offrono varie piste di riflessione e nuove sfide.
  2. Tra le gioie che abbiamo sperimentato vogliamo sottolineare: la presenza allegra, sincera e ispiratrice del nostro animatore generale, P. Michael Brehl, sempre il primo ad incoraggiarci a fare passi più audaci. Abbiamo avuto il privilegio di fare due pellegrinaggi. Abbiamo potuto celebrare la nostra fede e la fraternità nel Santuario della Madonna del Perpetuo Soccorso ad Asunción e anche nel Santuario Nazionale della Vergine di Caacupé, patrona del Paraguay. Maria ci ha accompagnato in questi giorni, nelle nostre celebrazioni e nella convivenza.
  3. Vogliamo risaltare solo alcuni temi che sfidano le nostre preghiere, riflessioni e nei dialoghi: Siamo consapevoli che dobbiamo fare ancora progressi nella nostra ristrutturazione. Questa importante proposta è volta ad una maggiore agilità pastorale e ad un impegno più esigente nella missione. Pur avendo ampliato i nostri confini con le missioni a Suriname, Uruguay e Cuba, sentiamo ancora la necessità di spingerci oltre, cercando sempre nuove iniziative missionarie.
  4. Siamo felici perché abbiamo comprovato ancora una volta l’enorme contributo dei laici nel vivere la nostra spiritualità e la missione condivisa. Questo è stato un tema sul quale abbiamo parlato molto e i laici che hanno partecipato ci hanno aiutato ad approfondire questo settore.
  5. La formazione di nuovi redentoristi è stata trattata con affetto e profondità. Formare i redentoristi per il tempo attuale e per le sfide della ristrutturazione presuppone molto impegno e coraggio per i formatori ed i tirocinanti. Per questo contiamo sulla sua apertura e partecipazione in questo nuovo processo che la Congregazione sta vivendo.
  6. Ci accompagnano anche le ansie e le preoccupazioni di molti confratelli del nostro continente che si sentono sfidati da problemi gravi e dolorosi. Facciamo riferimento alla situazione politica e sociale in Brasile, Venezuela, Haití, Cuba e Ecuador. Le loro storie hanno svegliato in noi una solidarietà sempre più grande.
  7. Come parte del nostro incontro abbiamo iniziato il processo di discernimento per eleggere il nuovo Superiore Generale e il suo Consiglio. Questo processo richiede molta apertura e la volontà di Dio, ai segni dei tempi e alla voce dello Spirito Santo. Ci auguriamo che i nuovi orientamenti da definire nella fase canonica del XXV Capitolo Generale riaffermino e rafforzino il profetismo del carisma redentorista. Questo esige che tutti noi missionari redentoristi siamo aperti alla conversione. Il rinnovamento della nostra missione è una vera chiamata alla conversione. L’esempio e gli insegnamenti di Papa Francisco ci aiuteranno in questo processo.
  8. Alla Provincia del Paraguay manifestiamo la nostra gratitudine per l’accoglienza e l’organizzazione dell’incontro. A Marianela abbiamo trovato tutte le condizioni affinché il nostro incontro si sviluppasse senza contrattempi.
  9. Ai confratelli , laici e amici che si sono uniti a noi nella preghiera inviamo un sincero grazie.
  10. Pensiamo di essere pronti per mostrare il volto latinoamericano e caribegno e il nostro impegno missionario ai membri della fase canonica del Capitolo Generale. Cerchiamo di rispondere con spirito evangelico, con fedeltà e dedizione alle voci e clamori del nostro popolo, specialmente ai più poveri ed abbandonati. Sarà importante per noi considerare le proposte presentate e implementarli nelle nostre Unità come frutto del nostro incontro.

Nella gioia e nella speranza,

I Missionari redentoristi dell’America Latina e dei Caraibi presenti nella prima fase del XXV Capitolo Generale.

(inviato da Manuel Rodríguez, C.Ss.R., Coordinatore A.L. e Caraibi)

Print Friendly, PDF & Email

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here