Le Oblate partecipano al progetto di legge anti-tratta in Uruguay

0
519

(Montevideo, Uruguay) – Il team del progetto Oblate Casabierta è stato convocato il Giovedì, 24 maggio, dalla Camera dei deputati a partecipare alla stesura della legge contro la tratta di persone, dopo che l’anno scorso hanno presentato la bozza preliminare al Senato uruguaiano.

Sandra Ortiz, sorella Oblata e parte del progetto Casabierta, spiega che “l’iniziativa del progetto di legge deriva dal Comitato Inter-Istituzionale per la lotta alla tratta di persone, che è formata da diversi ministeri dello stato e le organizzazioni della società civile, ecco perché siamo autorizzati a partecipare vista l’esperienza che abbiamo in questo campo e nel trattamento delle vittime”. Inoltre, quando necessario, questo gruppo ha anche l’aiuto di organizzazioni internazionali, nonché consulenti o esperti. “Facciamo parte di questo tavolo inter-istituzionale che ha iniziato a lavorare sul progetto di legge due anni fa”, afferma Sandra. Nel 2017 l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, insieme al Ministero degli Affari Esteri dell’Uruguay, ha assunto come consulente ad un avvocato uruguaiano specializzato nel traffico, che insieme ad altri consulenti internazionali hanno poi redatto la legge.  “Per questo hanno chiamato alle organizzazioni della società civile che si occupano del problema, e a noi per dare il nostro parere sull’assistenza alle vittime”, spiega.

Tratta di persone in Uruguay

La situazione della tratta in Uruguay comincia ad essere affrontata dalle istituzioni del paese. “Malgrado la tratta sia per sfruttamento del lavoro, la verità è che, la maggior parte di essa, è a scopo di sfruttamento sessuale”, dice Sandra. “C’è un grosso deficit nei budget, quindi non ci sono molte persone addestrate ad affrontare il problema”, dice. Ed è che la squadra statale che ci lavora è concentrata nella capitale del paese, da dove consiglia le squadre territoriali. “Fino a marzo 2018 e per tre anni abbiamo lavorato al confine con Brasile ed Argentina, formando personale da ogni luogo locale in modo che ci siano più persone in grado di affrontare il problema”, spiega Sandra.

In Uruguay il lavoro delle Suore Oblate si concentra sulla cura delle donne adulte, sebbene ci sia un gruppo governativo che si occupa di casi di sfruttamento sessuale di bambini e adolescenti, con organizzazioni della società civile assunte per affrontare questa realtà in minori. “La maggior parte del paese non è sensibilizzata e non vede il problema così chiaramente, sta solo iniziando a parlare del problema”, dice Sandra. “I media non sono esperti in materia e spesso parlano di tratta quando in realtà ci sono situazioni di traffico di migranti, quindi siamo molto all’inizio del trattamento del problema”, sottolinea.

(www.hermanasoblatas.org)

Print Friendly, PDF & Email