“I missionari mi hanno fatto sentire utile per la Chiesa”, un giovane in Albania

0
903

(Kamëz, Albania) – Arian Maka è un giovane albanese a cui l’amicizia e la vicinanza dei missionari ha cambiato la sua vita. Ora si sente utile per la Chiesa e con altri giovani annuncia il Vangelo ai bambini nella parrocchia redentorista di Sant’Alfonso, a Kamëz, in Albania.

“Mi chiamo Arian Maka, ho 19 anni e sono uno studente all’Università di Tirana. Lavoro con mio padre in un’azienda metallurgica. Vivo a Kamëz con la mia famiglia, la nostra casa è abbastanza grande ma il mio quartiere è piuttosto modesto, le strade non sono asfaltate, ma la gente del quartiere è molto dolce e rispettabile. Molti dei miei vicini vivono su ciò che ricevono dai loro parenti all’estero, infatti i miei fratelli maggiori lavorano anche all’estero e forgiano un futuro. Questo è uno dei drammi del paese, tutti i giovani sognano di lasciare l’Albania per farsi un futuro.

Quando piccolo ero un chierichetto nella chiesa, la mia famiglia è da sempre cattolica, il 10% della popolazione albanese, soprattutto quelli provenienti da nord. Quando ho iniziato a crescere sono venuto solo a messa, non ho avuto più contatti con la comunità ecclesiale, ho passato molti anni in questa dinamica. Non ho partecipato ai gruppi perché nessuno mi ha invitato o mi ha accolto.

Quando è arrivato qui la comunità dei Missionari Redentoristi si sono resi conto che ero sempre a Messa, così sono stato avvicinato e mi hanno invitato a partecipare alle attività perché hanno visto che era interessato alle cose della chiesa. A quel tempo iniziai a partecipare a diverse attività e i missionari mi fecero sentire che era prezioso per i gruppi di giovani della nostra Chiesa. Ho iniziato ad avere sempre più interesse e partecipazione a tutte le attività pastorali. Ho iniziato a vivere la spiritualità, frequentavo la chiesa perché mi aiutava a vivere e questo ha cambiato la mia vita.

La scorsa estate i missionari mi hanno offerto di andare a Granada, a partecipare in una missione internazionale di giovani redentoristi di tutto il mondo; Lì ho avuto un incontro molto speciale con Cristo nella cattedrale di Granada che mi ha cambiato la vita. Da allora sono stato molto attivamente coinvolto nel gruppo “Chiro” della parrocchia di San Alfonso de Kamëz, dove insieme ad altri giovani trasmettiamo la fede ai bambini attraverso giochi e dinamiche.

La mia relazione personale di amicizia e vicinanza a un missionario mi ha fatto capire meglio la vicinanza di Gesù Cristo ai suoi discepoli e mi ha fatto sentire più libero di avvicinarmi al sacramento della riconciliazione.”

Arian Maka, Albania

(www.omp.es)

Print Friendly, PDF & Email