Sarnelli House: una pastorale redentorista per raggiungere i feriti in Thailandia

0
518

(Nongkhai, Thailandia) – Se sei mai stato a visitare i Redentoristi in Tailandia, potresti avere familiarità con la Padre Ray Foundation a Pattaya o il Mercy Center fondato da don Joe Maier negli slum di Bangkok. Queste sono alcune delle opere sociali che i Redentoristi hanno creato per i poveri e abbandonati nella società thailandese per molti anni. In passato, avevamo fatto anche altre opere sociali, ad esempio lavorando con i rifugiati nei campi negli anni ’70, con i lebbrosi nella zona dei Khonkean e molti altri piccoli progetti anche con singole famiglie per la loro salute e l’educazione dei loro figli. Penso che i missionari redentoristi mantengano sempre vivo lo spirito di Sant’Alfonso, raggiungendo, leggendo i segni dei tempi e rispondendo ai bisogni dei poveri e dei più abbandonati. Un altro buon esempio di questo è la Sarnelli House. Questa pastorale mantiene in vita il carisma di sant’Alfonso. La Sarnelli House è stata fondata per rispondere all’urgente bisogno del nostro tempo per servire e prendersi cura delle famiglie di HIV / AIDS.

Negli anni ’90, l’epidemia di HIV / AIDS ha iniziato a diffondersi in Tailandia. Molte persone rurali che sono andate a lavorare nelle principali città sono tornate a casa a causa della contrazione dell’HIV. Molti di loro erano giovani e di mezza età. I mariti hanno trasferito il virus alle loro mogli, alcune delle quali hanno dato alla luce bambini infetti da HIV. Nessun trattamento esisteva al momento. Il loro destino era morire. Alcuni abitanti del villaggio hanno appreso della loro infezione e ne hanno avuto paura. Nessuno sapeva come aiutarli, nemmeno il personale dell’ospedale. La prima persona con HIV che padre Michael Shea, un missionario americano redentorista venuto in Thailandia nel 1966, incontrò era un uomo che aveva la tubercolosi e più tardi scoprì che aveva l’AIDS. È venuto a chiedere aiuto a p. Michael nel 1998. Questo è stato il nostro primo passo nell’aiutare le persone con HIV a Nongkhai, una provincia lontana al confine con il Laos.

La risposta alle persone infette da HIV in quel momento, alla fine degli anni ’90, fu terribile. La gente li ha cacciati dai villaggi. Non esisteva nessuna medicina. Pensavano che se i genitori avessero avuto l’AIDS anche i bambini avrebbero avuto l’AIDS. Per lasciarli morire in pace, P. Michael disse loro che si sarebbe preso cura dei loro figli. P. Michael aveva solo una piccola squadra. i novizi e alcune persone locali che andavano in giro, visitavano i malati, dando loro cibo, medicine di base e altri bisogni. Non molto tempo dopo, nove bambini furono dati a padre Michael per prendersi cura. P. Michael ha cercato di trovare ogni tipo di aiuto che potesse dare a questi bambini ciò di cui avevano bisogno. Infine, nel 1999, ha raccolto fondi sufficienti per acquistare una vecchia casa a Viengkhuk per loro. La gente del posto e i funzionari del governo hanno imparato a conoscere il suo lavoro e hanno chiesto se poteva aiutare più bambini e famiglie di HIV. Sembrava impossibile dire di no. E nemmeno nella sua natura, come Redentorista. Molti di coloro che hanno visto il lavoro hanno mostrato il loro sostegno sia a livello locale che, soprattutto, dall’estero. La prima casa fu costruita in un remoto villaggio chiamato Donwai nel 2000. È anche l’area in cui abbiamo una chiesa parrocchiale. Abbiamo nominato questa casa Sarnelli House come una dedica al Beato Gennaro Sarnelli, un co-fondatore dei Redentoristi, che ha lavorato per le prostitute e i poveri a Napoli, in Italia.

La prima generazione di bambini è venuta in pessime condizioni fisiche e alcuni di loro erano vicini alla morte. Il personale si è preso cura di loro instancabilmente. Abbiamo uno staff molto cordiale. Questa è una vera benedizione. I bambini malati hanno iniziato a migliorare con una buona cura e un ambiente sereno e amorevole. Abbiamo davvero fatto del nostro meglio in quegli anni. C’era molta medicina diversa e innumerevoli viaggi negli ospedali. Tragicamente, alcuni dei nostri bambini sono morti a causa della mancanza di farmaci ARV in quel momento. Nel nostro centro ci sono sia bambini HIV che non-HIV. Non tutti i bambini delle famiglie HIV contraggono l’HIV, ma sono rimasti orfani o senzatetto. Dopo 19 anni, 97 bambini con HIV sono passati attraverso le nostre porte. I primi dieci anni hanno visto 81 di loro e la seconda decade 16. Abbiamo perso circa sei bambini, che sono morti a causa della malattia. Abbiamo salvato molte vite e speriamo che i bambini possano diventare forti e imparare come prendersi cura di se stessi e vivere le loro vite con salute, felicità e dignità.

Il nostro lavoro non copre solo gli adulti e i bambini dell’HIV. Aiutiamo anche ogni tipo di bambino bisognoso: gli orfani, i senzatetto, i poveri, i malati, le gravidanze indesiderate e gli abusati. Quasi 400 bambini hanno vissuto alla Sarnelli House. Il dipartimento governativo di welfare e l’ospedale ci chiedono sempre di aiutare alcuni bambini svantaggiati. Siamo disposti ad aiutare chiunque possiamo. E speriamo che questi bambini possano trovare una vita migliore e ottenere un’istruzione in modo che possano continuare la loro vita in un modo più significativo. Il lavoro con i bambini in casa è una grande sfida: come dar loro da mangiare, insegnare loro qualche mestiere per vivere, ecc. Abbiamo imparato a vivere con loro lungo la strada. Siamo felici e orgogliosi di loro quando hanno successo, e, naturalmente, tristi quando si perdono. Ci rende davvero come una grande famiglia.

La Sarnelli House ha anche un programma di sensibilizzazione. Questo programma è di estendere il nostro aiuto a una comunità più ampia. Abbiamo una squadra che visita le famiglie povere o malate, in particolare quelle che vivono affette da HIV. Portiamo loro alcuni aiuti, come genere alimentare di base per ridurre il peso delle famiglie. Alcuni dei loro figli sono supportati con fondi di borse di studio e un programma di latte artificiale per i bambini. Gestiamo una clinica il venerdì, che è un altro buon modo per raggiungere le persone. Siamo fortunati ad avere un’infermiera australiana che si è offerta volontaria per più di 10 anni. Le sue capacità e conoscenze hanno aiutato moltissime persone in modo straordinario. Questa clinica funge da centro per le persone con nuova diagnosi che vivono con l’HIV. Monitoriamo e aiutiamo con i loro problemi iniziali e li supportiamo ogni volta che ne hanno bisogno. L’introduzione della medicina gratuita per i malati di HIV in Thailandia è un grande sollievo. In passato, dovevamo trovare molti soldi per comprare la medicina ARV. Ora, li aiutiamo ad accedere al farmaco e al trattamento adeguato. La grande preoccupazione per l’HIV in Tailandia ora è lo stigma che le persone hanno con le persone che vivono l’HIV. Istruzione e comprensione sono ancora necessari.

Guardo indietro agli ultimi 20 anni di questo ministero. È una benedizione e opera di Dio. P. Michael Shea ha dedicato tutta la sua vita al servizio dei poveri e degli abbandonati in Thailandia e condivide lo spirito di Sant’Alfonso attraverso questo lavoro. Abbiamo incontrato molti problemi, ma Dio è stato buono con noi. Prego che Dio continuerà a prendersi cura del nostro servizio per i bambini e i poveri. Che i Redentoristi siano strumenti di Dio e rispondano al bisogno di questo tempo in modo da poter mantenere vivo il nostro carisma redentorista. Grazie per aver letto questo articolo e per il vostro interesse. Dio vi benedica tutti!

Joseph Puwanai Tantikun, CSsR

Più informazione si può vedere www.sarnelliorphanage.org

Print Friendly, PDF & Email