Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato

0
468

(1 settembre)

Alla festa della Trasfigurazione del Signore del 2015, Papa Francesco ha comunicato alla Chiesa universale l’istituzione della Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, che da allora viene celebrata il primo giorno di settembre di ogni anno. Nella sua lettera, in occasione dell’istituzione, il Papa esprime il suo desiderio di offrire un contributo “per superare la crisi ecologica che l’umanità sta vivendo” e che ci chiama a una profonda conversione ecologica (Cf. LS 217).

Il XXV Capitolo Generale, nella decisione 12, ci ha anche chiamato a “promuovere attività di sviluppo ecologico e celebrazioni liturgiche nelle nostre varie opere apostoliche”. Pertanto, il prossimo 1 ° settembre  è l’occasione per rafforzare questa coscienza ecologica all’interno della Congregazione. che fa parte dell’annuncio della Copiosa Redenzione di Cristo.

Nell’udienza generale dell’Accademia Alfonsiana a febbraio di quest’anno, Papa Francesco ha ricordato a noi Redentoristi che “la teologia morale deve sostenere l’urgente necessità di partecipare in modo decisivo a uno sforzo congiunto per prendersi cura della casa comune attraverso le forme a disposizione per lo sviluppo integrale. ”Ecco come il tema ecologico non diventa un argomento al di fuori della nostra missione, ma parte integrante di essa. Se prendiamo sul serio l’attuale crisi ecologica e l’appello del Papa soprattutto nella sua enciclica Laudato Si, ci renderemo conto che i beni dell’abbondante redenzione vengono offerti anche alla nostra Casa Comune; osiamo affermare che rientra nella categoria dei “più abbandonati”, perché questa casa comune vive attualmente in condizioni ecologiche inaccettabili. Tutto questo ha molto a che fare con il nostro carisma redentorista, come possiamo integrarlo nella nostra realtà concreta?

Molti paesi hanno riferito di aver raggiunto nuovi record nel mese di luglio di quest’anno; questo è un chiaro segno che la nostra casa comune non è solo ferita, ma anche abbandonata; molti sembrano non curarsi di questa realtà; e, anche per coloro per cui è motivo di preoccupazione, sembra anche che le loro azioni non generino un grande impatto. Realtà come il  cambiamento climatico non sono solo una questione scientifica o politica, hanno anche molto a che fare con la giustizia che viene fatta ai poveri, poiché sono loro che per primi ne subiscono gravemente le conseguenze. Ma è anche una questione di fede, di spiritualità che richiede la conversione.

Per realizzare la nostra conversione ecologica all’interno della Congregazione e favorire la conversione delle persone tra le quali mostriamo il nostro carisma, è necessario essere coinvolti nelle attività di formazione, consapevolezza e profezia in base alle circostanze di ciascuna unità e conferenza. Intorno alla celebrazione della Giornata di preghiera per la cura del creato, all’interno di alcune comunità religiose, ad esempio, un digiuno di carne e olio di palma viene promosso come espressione del desiderio di proteggere le foreste tropicali e quanto esse contengono . Altri celebreranno questo giorno riducendo l’uso della plastica nelle loro comunità. Molti altri prepareranno servizi liturgici e di preghiera, pubblicità e materiali di formazione. In realtà, non esiste una formula unica per festeggiare questa giornata; ogni comunità troverà il modo più appropriato per farlo. Ciò che è vero è che condividiamo un’unica preoccupazione e un’unica missione: quella di essere testimoni della redenzione in solidarietà con il mondo ferito.

Segretariato Generale per l’Evangelizzazione

I seguenti link offrono risorse e materiali che possono ispirarci e che possiamo usare in base alle circostanze particolari:

http://seasonofcreation.org/es/resources-es/denominational-resources-es/

https://www.un.org/es/climatechange/

https://www.enlazateporlajusticia.org/recursos/

https://www.worldmeeting2018.ie/es/Resources

Print Friendly, PDF & Email