La solidarietà della Vice-Provincia di Majella verso i migranti durante il Covid-19 a Vasai

0
162

(Maharashtra, India) – L’India è categoricamente bloccata dal 24 marzo. Il Primo Ministro ha annunciato il blocco totale a livello nazionale con effetto immediato che ha colto tutti di sorpresa. Mentre in questi casi c’è panico naturale e acquisti frenetici e la classe media e ricca riesce sempre a gestirlo in qualche modo, i poveri e i lavoratori migranti con salari quotidiani vengono colti totalmente impreparati e si sentono  persi. Senza il lavoro quotidiano e quindi senza reddito giornaliero milioni di lavoratori migranti sono bloccati in India e molti devono percorrere oltre 200 km per raggiungere i loro villaggi di origine. Alcuni sono rimasti bloccati nelle città senza un posto dove andare o rivolgersi a causa della polizia e i militari che li maltrattano.

In queste circostanze, il Centro migranti  della V. Provincia di Majella ‘Phaunch’ , che significa “sensibilizzazione”, è subito entrato in azione. Guidato da due redentoristi p. Andrew Dantis e Ivon D’Souza e accompagnati da un team dedicato di collaboratori e altri volontari della Parrocchia Redentorista, donatori privati, la Diocesi della Vasai Social Organization, i politici locali e con l’aiuto della polizia hanno avviato un programma di sensibilizzazione alimentare per il lavoratori migranti. Ogni giorno almeno da 100 a 125 famiglie ricevono cibo in diverse aree dove si trovano fuori dalla città di Mumbai. Il cibo confezionato e fornito, che dovrà durare  fino al termine del blocco il 14 aprile, è composto da riso, lenticchie, olio, sapone, detersivo, foglie di tè e altri beni necessari che vengono imballati e portati quotidianamente dal team nei bassifondi dove il i lavoratori migranti vengono lasciati in una situazione di abbandono. La municipalità  locale accompagna il team di Phaunch offrendo il necessario nulla osta della polizia per questa solidarietà.

Oltre al programma di sensibilizzazione sul cibo organizzato dal centro di Phaunch, il team fa uso anche delle telefonate, SMS a tutte le persone migranti registrate nel loro centro e nei vari centri che Phaunch raggiunge. Questi messaggi telefonici e gli SMS forniscono informazioni vitali su COVID-19 e le sue conseguenze, i metodi di sanificazione e l’igiene, incoraggiano le persone a stare in casa e a stare al sicuro, rassicurandoli che il Centro attraverso il suo team dedicato è lì per loro se avessero bisogno di assistenza.

P. Andrew Dantis, C.Ss.R. il direttore di Phaunch afferma: “Questo è il momento in cui i nostri migranti hanno più bisogno di noi, specialmente quando non c’è nessuno per loro in questa crisi orribile. Dio è con noi e sostiene il nostro impegno redentorista attraverso l’aiuto della diocesi, dei volontari che si sono fatti avanti, gli enti locali e persone generose. Sì, ci sono tanti pericoli, ma quando proclamiamo la Buona Novella, Dio veglia sempre su di noi ”. Possa Dio continuare ad essere con noi in questi tempi difficili per raggiungere i poveri e gli abbandonati.

P. Ivel Mendanha, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email