Festa della Pentecoste: Messaggio del Superiore Generale, padre Michael Brehl, C.Ss.R.

0
107

Roma , 30 maggio 2020
Vigilia della Pentecoste

Cari confratelli, Suore, Missionari laici e Associati,

Domenica celebriamo la grande festa di Pentecoste e l’effusione dello Spirito Santo sui seguaci di Gesù. Dopo aver assistito alla sua Ascensione, “I Dodici” tornarono a Gerusalemme e si radunarono insieme a Maria, la Madre di Gesù, e con gli altri discepoli, sia uomini che donne. Si dedicarono alla preghiera e alla comunità. Aspettarono pieni di speranza, ricordando la promessa di Gesù:

“Riceverete il potere quando lo Spirito Santo verrà su di voi; e voi sarete i miei testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria e fino ai confini della terra ”. (Atti 1: 8).

Per Sant’Alfonso, questi nove giorni tra l’Ascensione e la Pentecoste sono l’origine e la più importante di tutte le Novene, perché questa prima Novena è stata celebrata da Maria e dagli Apostoli in costante preghiera e pieni di speranza. L’effusione dello Spirito Santo ha trasformato questo piccolo gruppo di discepoli paurosi in un gruppo sempre crescente di evangelizzatori audaci e coraggiosi.

Forse quest’anno, possiamo identificarci con Maria e gli Apostoli in modo più personale e concreto del solito. Come loro, molti di noi hanno trascorso la quaresima e la Pasqua in quarantena, riuniti in piccoli gruppi insieme a Maria, nella preghiera, nel servizio e nella speranza futura. La pandemia del Coronavirus ha imposto restrizioni al nostro movimento e al nostro ministero come mai abbiamo sperimentato prima. Ma queste restrizioni non hanno “contenuto” la nostra missione! Ispirati dallo Spirito Santo, ci siamo impegnati in iniziative creative ed entusiasmanti implementando tutti i mezzi a nostra disposizione: televisione e radio, social media ed e-mail, internet e videoconferenze. Molti di noi hanno anche scritto lettere secondo il vecchio stile e fatto telefonate più frequenti ad altri che avrebbero potuto rimanere isolati.

Le nostre comunità, i nostri collaboratori laici e le nostre famiglie non sono state risparmiate dall’impatto di questa pandemia. Per quanto ne so ora, 10 confratelli sono morti a causa del Covid-19. Almeno altri 20 confratelli sono stati infettati, anche se molti si sono ripresi completamente. Ho ricevuto notizie di alcuni laici missionari, associati e molti membri della famiglia che sono morti o si stanno riprendendo dal Covid-19. Questo contagio è mondiale. Sebbene molti provinciali mi abbiano chiesto di non identificare le loro Unità o persone che sono morte o sono state infettate, posso dire che questo contagio si è diffuso in tutto il mondo e ha colpito la nostra Famiglia Redentorista in molti paesi e continenti diversi.

E questo contagio e pandemia non sono ancora superati! Sebbene le restrizioni stiano diminuendo in molti paesi, in altri stanno appena iniziando a sperimentare l’impatto di questa pandemia. Continuiamo ad approfondire la nostra solidarietà con tutte le vittime, le loro comunità e le loro famiglie. Che possiamo crescere in solidarietà con tutto il mondo ferito!

Papa Francesco ci ricorda che questo contagio dell’infezione con il Coronavirus può portare a un contagio di paura, isolamento, “autoprotezione”. Egli ci invita invece ad accogliere il “contagio” dello Spirito Santo – un contagio di preghiera e servizio, di solidarietà e d’accoglienza. Penso che Sant’Alfonso e San Clemente farebbero eco a questa chiamata.

In questa Pentecoste, riuniti in preghiera con Maria e gli Apostoli, insieme a Sant’Alfonso e San Clemente e con tutti i nostri santi, beati, martiri e santi uomini e donne, possa lo Spirito Santo darci la grazia di essere Testimoni profetici e autentici del Redentore: in solidarietà per la missione nel nostro mondo ferito!

In Cristo nostro Redentore,

Padre Michael Brehl, C.Ss.R,
Superiore Generale

Puoi scaricare la lettera in formato PDF: Pentecoste 2020
Print Friendly, PDF & Email