Le chiese asiatiche osservano la settimana della Laudato Sì

0
153

In vista del quinto anniversario dell’enciclica simbolo di Papa Francesco “Laudato Sí: sulla cura della nostra casa comune”, le chiese locali in India, Indonesia e Pakistan stanno osservando la settimana  del la “Laudato Sì”, dal  17 al  24 maggio.

India

Nella città di Mumbai, nell’India occidentale, l’ufficio per l’ambiente dell’Arcidiocesi di Bombay ha preparato un piccolo opuscolo che suggerisce comportamenti e iniziative di sensibilizzazione per uno stile di vita sostenibile per tutti durante tutto l’anno, in particolare genitori, giovani e studenti, anche durante il periodo di confinamento per  il Covid-19 .

Padre Joseph Gonsalves, che dirige l’Ufficio per l’ambiente, ha affermato che la comunità cattolica vuole “riflettere, pregare, discutere e agire per un domani più giusto e sostenibile”.

Nel frattempo, padre Ivel Mendanha, sacerdote redentorista, vice-provinciale della Vice-Provincia di Majella, in India, ha realizzato una serie di video sulla Laudato Sì. Oltre a fornire una riflessione quotidiana su un diverso aspetto della protezione della Creazione, i video suggeriscono anche attività che possono essere praticate ogni giorno, durante la settimana della Laudato Sì. Padre Mendanha esorta tutti gli battezzati a intraprendere seriamente un percorso di riflessione e azione, seguendo i criteri indicati nella Laudato Sì.

Tra le comunità religiose dell’India, i gesuiti hanno rilanciato un programma sull’importanza dell’enciclica per le scuole, raccomandando un’intera serie di risorse e azioni.

Gli studenti sono incoraggiati a unirsi a “Tarumitra” (“Friends of Trees”), una grande organizzazione studentesca in India, la cui missione è “proteggere e promuovere un ambiente sano sulla Terra”.

Il movimento studentesco Tarumitra è stato ideato e lanciato dai gesuiti della provincia di Patna nel 1998 ed è ora un progetto della Conferenza dei gesuiti dell’Asia meridionale.

La rete Tarumitra che riunisce centinaia di scuole superiori e college in tutta l’India è invitata a diffondere una sensibilità ecologica e promuovere una spiritualità e una visione del mondo come “amici della terra” e a non considerare la “nostra casa comune” come qualcosa da sfruttare.

Indonesia

In Indonesia, il cardinale Ignazio Suharyo di Giacarta ha dato il via alla Settimana della Laudato Sì, invitando tutti i suoi fedeli ad avere “un cuore nobile” e non sprecare le cose che possono essere utili agli altri.

“Con un cuore nobile, possiamo proteggere, preservare e fare sforzi per rendere la nostra terra un luogo prospero e pacifico per tutta la creazione”, ha detto in un videomessaggio trasmesso in diretta streaming  a tutte le parrocchie dell’arcidiocesi di Jakarta durante le messe domenicali.

Il cardinale, che è presidente della Conferenza episcopale indonesiana, ha esortato i fedeli a condividere la preoccupazione di Papa Francesco per la terra e per renderla “un luogo prospero e pacifico per noi esseri umani e tutta la creazione di Dio”.

A questo proposito, la Commissione dell’arcidiocesi di Jakarta per la giustizia e la pace ha invitato i fedeli a evitare gli sprechi, in particolare il cibo.

l presidente della Commissione, padre Agustinus Heri Wibowo, ha dichiarato: “Siamo chiamati a non comprare e quindi buttare via il cibo perché ci sono ancora molte persone che ne hanno bisogno. Inoltre, i vestiti usati non devono essere semplicemente eliminati perché possono creare un problema di spreco.”

Ha incoraggiato le famiglie a piantare alberi e sostenere gli agricoltori che sono stati messi in ginocchio a causa dell’emergenza Covid-19.

Pakistan

In Pakistan, il vescovo Indrias Rehmat di Faisalabad ha celebrato la messa domenicale con preghiere speciali offerte per il mondo creato, impegnando i cristiani a trattare e consumare le risorse e la creazione di Dio con cura e amore.

Durante un seminario che ha seguito la messa, sono state presentate le caratteristiche salienti della Laudato Sì insieme all’attuale situazione della terra e dell’ambiente. Il seminario ha avuto come tema anche la piantagione di alberi a cui molti hanno partecipato.

Il vescovo Rehmat ha esortato le persone a utilizzare prodotti locali rispettando l’ambiente contro l’uso di sacchetti di plastica dannosi per la salute e l’ambiente.

(Vatican News)

Print Friendly, PDF & Email