San Clemente il “Santo che va oltre la frontiera”: messa al confine austriaco-ceco

0
116

(Repubblica Ceca) – Un insolito segno di unità ha avuto luogo lunedì di Pentecoste. P. Martin Leitgöb CSsR, vicario provinciale della provincia di Vienna-Monaco, e parroco della parrocchia di lingua tedesca a Praga (Repubblica Ceca) hanno celebrato la messa proprio al confine. Il confine attraversa il cosiddetto “Tavolo da confine”, un progetto artistico dell’artista austriaco Peter Klug.

La messa si è svolta osservando tutte le norme richieste in merito al Coronavirus e si è svolta grazie anche alla cooperazione di soldati e polizia che hanno assicurato i confini su entrambi i lati.

Circa 50 persone, molte a piedi, si sono radunate dall’Austria e dalla Repubblica Ceca, che aveva come motto “Senza confini, nonostante i confini” (Grenzenlos Trotz Grenzen)

Nell’omelia, P. Martin ha ricordato la storia commovente del confine, che fino a poco tempo fa era la cortina di ferro. Poi dalla caduta del comunismo si sono sviluppate grande amicizia e cooperazione. “Ed è per questo che non consentiremo a nessuno di separare nuovamente le nostre nazioni. Non permettiamo il populismo o il nazionalismo, né un virus né la sua paura. Inoltre non permetteremo il peccato e l’arroganza. Il nostro quartiere è più forte di tutto. “

P. Martin ha anche ricordato che San Clemente Hofbauer, di cui commemoriamo quest’anno il 200 ° anniversario, è nato in questa regione di confine. Clemente potrebbe servire da esempio di come la fede, in particolare, può aiutarci ad attraversare i confini o a vivere con i confini in modo tale che non si separino ma si colleghino. A questo proposito, Hofbauer è un “santo che va oltre la frontiera”.

Padre Dominic O’Toole CSsR

Print Friendly, PDF & Email