Libano: stiamo adempiendo alla nostra missione nel mondo ferito

0
103

Pochi giorni dopo la devastante esplosione, Beirut sta ancora valutando le perdite e organizzando la vita degli abitanti. I padri redentoristi, che prestano servizio nella capitale libanese, stanno contribuendo ad aiutare le vittime di questa esplosione. “Potremmo sentire che stando con le persone stiamo compiendo la nostra missione nel mondo ferito”, dice p. Binoy Mandapathil, superiore della missione.

– Dopo l’evento vediamo il popolo libanese organizzare alcuni gruppi per ripulire e prendere le disposizioni necessarie per l’area. La maggior parte delle vittime vive in altre case. Non ci sono elettricità e acqua. L’aiuto immediato è fornire loro cibo e acqua. Oggi potremmo dare il nostro piccolo contributo a 100 persone fornendo loro cibo e acqua. La gente l’ha ricevuto con le lacrime agli occhi. Ci hanno chiesto di aiutarli anche a dare medicine e riparare le loro case distrutte. Camminando di casa in casa abbiamo potuto sperimentare come le persone possono sopravvivere a questo trauma. Tutti dicono che è Dio che ci ha salvati. Nella società multireligiosa e multiconfessionale qui dopo che il dolore ha toccato la persona la divisione non esiste. Potremmo sentire che stando con le persone stiamo compiendo la nostra missione nel mondo ferito.

Padre Binoy Mandapathil CSsR

Print Friendly, PDF & Email