Mantenere viva la fede con la prima comunione durante la pandemia da Covid

0
180

Mentre segniamo questa data importante, ringraziamo i Padri e Fratelli della Chiesa del Santo Redentore, i nostri insegnanti e l’intera comunità CCD per la loro generosità, amore e sostegno che ci hanno aiutato durante i nostri preparativi per la Prima Santa Comunione fino ad oggi quando l’abbiamo ricevuta. In un modo molto speciale, ringraziamo i nostri amati genitori. (Prima Santa Comunione Classe 2020)

(Patumwan, Thailandia) Dalla fondazione della Scuola domenicale come parte del ministero della Chiesa del Santo Redentore, abbiamo visto crescere le iscrizioni nel corso degli anni poiché sempre più scuole internazionali sono state aperte a Bangkok, con un numero compreso tra 200 e 300 studenti, che vanno dalla materna al liceo. Nel 2014 abbiamo aperto il corso SPRED (Educazione religiosa speciale per bambini con differenza evolutiva), anche se il corso di Prima Comunione ha sempre ottenuto il maggior numero di iscrizioni.

Negli ultimi due anni la preparazione della Prima Comunione ha assunto un aspetto molto diverso a causa della pandemia Covid. Infatti, la celebrazione della Prima Comunione nel 2020 è stata ritardata, come tanti altri eventi, con molte chiese chiuse alle messe pubbliche per limitare la diffusione del virus. Di conseguenza, la cerimonia, che ha coinvolto 18 giovani ragazzi e ragazze, si è finalmente tenuta nella domenica delle Pentecoste (31 maggio 2020) ed ha avuto un contegno più discreto rispetto agli anni precedenti. Aderendo alle misure di sicurezza e salute relative all’uso della mascherina, all’igienizzazione delle mani e all’allontanamento sociale, i comunicandi e le loro famiglie erano seduti su banchi ampiamente distanziati in tutta la chiesa.

Nel gennaio 2021, con la ricomparsa dell’infezione da Covid e le rigide misure di salute pubblica, la riapertura delle lezioni di catechismo dopo le vacanze natalizie ha dovuto essere temporaneamente sospesa, come è avvenuto per tutte le altre scuole. Ciò significava che dovevamo adattare il processo di preparazione per la Prima Comunione della terza classe di circa 36 bambini.

La sfida di una pandemia non è un’opzione per interrompere l’educazione religiosa parrocchiale, specialmente la preparazione al Sacramento dell’Eucaristia. Dobbiamo continuare a nutrire il dono della fede e il fiorente rapporto dei nostri figli con Gesù Cristo. In verità, è un’opportunità per la chiesa per l’evangelizzazione e per la  catechesi utilizzando la tecnologia del mondo moderno per passare a un CCD su zoom.

Benedetti dalla guida del nostro pastore, il reverendo John Wirach Amonpattana, CSsR, e in consultazione con i catechisti della parrocchia, siamo passati dalle lezioni di persona alla programmazione a casa su zoom imparando tutti a navigare nella pandemia del coronavirus. È importante sottolineare che è necessario coinvolgere i genitori con informazioni e cambiamenti su come si svolge l’educazione religiosa. Di conseguenza, i catechisti comunicano settimanalmente il materiale da trattare e le opportunità di discutere sulla fede a casa con i genitori.

Continua l’importante compito di preparare i nostri figli a quella che è una pietra miliare religiosa e ad un apprezzamento per tutta la vita del sacramento dell’Eucaristia. Siamo molto grati a Dio e ai tanti responsabili catechisti della parrocchia e genitori che lo stanno realizzando, assicurando attraverso la loro generosità, amore e sostegno che la nostra fede sia trasmessa ai tanti bambini in attesa di celebrare i Sacramenti della Riconciliazione e della Santa Comunione per la prima volta. Certamente, una storia di un continuo successo.

Ruby Hoskin, Parrocchiana della Chiesa del Santo Redentore e Volontaria del CCD

Print Friendly, PDF & Email