Un redentorista avvocato aiuta i poveri a trovare giustizia in Indonesia

0
333
Redemptorist Father Paulus Dwiyaminarta

Negli ultimi 20 anni, padre Paulus Dwiyaminarta, sacerdote e avvocato redentorista indonesiano, ha gestito più di 1.000 casi legali.

Fra cui casi civili e penali che si occupano di distruzione ambientale, conflitti per la terra, traffico di esseri umani, violenza domestica e matrimonio forzato, ha detto il sacerdote 52enne, che vive sull’isola di Sumba a maggioranza cristiana nella provincia di Nusa Tenggara orientale.

In media, gestisce più di 100 casi all’anno e ha un alto tasso di successo, ha detto, aggiungendo che i suoi servizi sono gratuiti e che dà la priorità alle persone che hanno un accesso limitato alla giustizia.

“La stragrande maggioranza sono persone povere ed emarginate”, ha detto a UCA News.

In tal modo ha dovuto affrontare minacce e intimidazioni da parte di persone, gruppi e organizzazioni contro cui si è scontrato o di coloro che li sostengono. Hanno usato dalle minacce fisiche alle campagne diffamatorie sui social media per screditarlo.

Padre Dwiyaminarta ha detto che percorre il territorio e lo incoraggia ad essere più coraggioso nella lotta per “verità, umanità e giustizia”.

Ha detto che sta rispondendo a una chiamata per aiutare gli emarginati a combattere l’ingiustizia e superare gli ostacoli che il sistema legale potrebbe lanciare contro di loro.

“Faccio servizio nella legge perché ho capito che il Vangelo proclama valori che dovrebbero essere osservati nella vita di tutti i giorni”, ha detto padre Dwiyaminarta, che si è unito ai Redentoristi nel 1988 ed è stato ordinato sacerdote nel 1996.

Il sacerdote, che ha studiato teologia e filosofia presso l’Università Sanata Dharma gestita dai gesuiti a Yogyakarta, ha detto di essere stato ispirato dal fondatore della sua congregazione, Sant’Alfonso di Liguori, un vescovo italiano del XVIII secolo che ha dedicato la sua vita proclamando i Vangeli agli emarginati e trascurato.

“Molte persone affrontano ingiustizie o difficoltà ad accedere alla giustizia, quindi diventare un avvocato sembrava un percorso naturale da intraprendere”, ha detto padre Dwiyaminarta, che ha continuato a studiare legge presso l’Università Cattolica Atma Jaya di Giacarta nel 1999, laureandosi nel 2001.

È qualcosa a cui si è interessato sin dai tempi del seminario e qualcosa in cui la Chiesa dovrebbe essere attivamente coinvolta se vuole promuovere i valori del Vangelo, ha aggiunto.

Ha riconosciuto che pochi sacerdoti sono coinvolti nella legge perché la maggior parte si accontenta solo di proclamare i valori del Vangelo piuttosto che vederli applicati nella vita di tutti i giorni.

“Dove c’è ingiustizia, la Chiesa è chiamata a impegnarsi e ad annunciare la Buona Novella”, ha detto il sacerdote, che è direttore dell’Istituto Sarnelli, un servizio di assistenza legale gestito dalla chiesa a Sumba fondato nel 2009.

L’istituto prende il nome dal beato Gennaro Sarnelli (1702-42), avvocato italiano e sacerdote redentorista di Napoli che difese i poveri e i senzatetto della città.

È giusto che la Chiesa sia coinvolta in questioni legali poiché l’ingiustizia si verifica ancora e fornisce il palcoscenico perfetto per essere una voce per i senza voce.

Ha indicato il matrimonio forzato come un esempio. È un problema che è diventato quasi una consuetudine nella provincia di Nusa Tenggara orientale, tanto che spesso non viene denunciato, ha detto.

Il sacerdote ha detto che la sua squadra ha gestito solo quattro casi, di cui solo uno, che coinvolge una ragazza di 18 anni, è stato condannato.

La ragazza è riuscita a scappare dopo essere stata trattenuta per tre giorni. I cinque uomini che l’hanno rapita sono stati incarcerati per tre anni.

Alla domanda su cosa lo frustra di più, ha detto: “A volte riceviamo quelle che sembrano decisioni giudiziarie ingiuste. Sono preoccupato che potrebbero esserci interessi acquisiti che assicurano che i miei clienti non ottengano giustizia, cosa che non dovrebbe essere consentita “.

Ha anche detto che ci sono molti casi in cui le persone si arrendono alla decisione del tribunale anche se non sono colpevoli, o a causa della loro ignoranza della legge o sono deluse da coloro che dovrebbero proteggerle.

Una migliore cooperazione tra tutti gli elementi coinvolti potrebbe superare tali problemi, ha detto, aggiungendo che non si tratta solo di dare voce a chi non ha voce, ma anche di assicurarsi che quella voce sia ascoltata.

(Konradus Epa, ucanews.com, 5 aprile 2021)

Print Friendly, PDF & Email