“Devi rischiare la tua vita per essere un vero discepolo”

0
73

La pandemia covid è ancora con noi. In questo momento, molti paesi asiatici, compresa la Thailandia, sono travolti da nuove ondate di coronavirus. Siamo di nuovo in un momento difficile. Ciò che è iniziato come un problema di salute è aggravato dalla difficoltà di estendersi ad altre aree della vita delle persone: economica, ansia, ecc.

Ma la missione della Chiesa – la Chiesa del Santissimo Redentore – tra le sue comunità immediate e i parrocchiani – non è cambiata. Il lavoro della chiesa è continuare ad essere una chiesa. La chiamata del Signore affinché la chiesa cresca come un granello di senape, per prendersi cura di coloro che sono già più a rischio nelle nostre comunità, e appoggiarsi alla grazia e alla misericordia del Signore rimane forte.

Sostenere la comunità parrocchiale della Chiesa del Santissimo Redentore durante il Covid 19 rappresenta un rischio elevato sia per il clero che per i fedeli laici. C’è, infatti, una tendenza in periodi di pandemie per gli stabilimenti a chiudersi e proteggersi. Questa è una realtà pandemica. La maggior parte delle chiese ha anche scoraggiato le riunioni e si è trasferita ai servizi online. Siamo una delle poche chiese, se non l’unica, a rimanere aperta e ad offrire servizi online per il culto e per mantenere la comunità connessa.

Ma come veri discepoli di Gesù e nell’amicizia cristiana con la comunità prevalentemente buddista, dobbiamo anche raggiungere gli altri e condividere le loro speranze e sofferenze.

Come comunità ecclesiale, c’è molto che possiamo e dobbiamo fare per essere un vero discepolo nonostante i rischi e le restrizioni covid. Non ci fermiamo nel bel mezzo di una pandemia.

Il 17 aprile, su richiesta delle autorità governative, i locali della Chiesa del Santissimo Redentore sono diventati da diversi giorni il centro di vaccinazione per il quartiere circostante. Un bel gesto del nostro sostegno spirituale. Forse alcuni dei nostri parrocchiani lo considerano una mossa pericolosa per l’esposizione.

In solidarietà con la comunità, i Redentoristi ricevono anche uno dei vaccini contro il coronavirus per incoraggiarsi a vicenda che le persone hanno l’obbligo morale non solo di salvare la propria vita ma anche quella degli altri. “Credo che moralmente tutti debbano prendere il vaccino”, ha detto il pontefice in un’intervista del 10 gennaio, a indicare che il Vaticano sostiene fortemente lo sforzo della vaccinazione globale.

In verità, la pandemia ha cambiato le nostre vite. È quindi importante affrontare questa situazione attuale con la speranza della grazia e della resilienza di Dio. Con queste misure, un vero discepolo si adopera per garantire che siano disponibili vie di crescita spirituale, per mostrare la compassione di Dio alle persone colpite nelle nostre comunità e per essere in comunione con le persone che cercano di trovare Dio in tempi molto difficili. In questi tempi difficili, un vero discepolo che accetta i rischi è particolarmente lodevole agli occhi del Signore, della nostra vicina comunità buddista e oltre.

di Ruby Hoskin,
un fedele della Chiesa del Santissimo Redentore e collaboratore laico

Print Friendly, PDF & Email