Padre Ivel ha chiesto Santo Subito per il gesuita attivista tribale, padre Stan Swamy

0
124

(India) “Santo Subito padre Stan Swamy è il nostro appello”, ha detto padre Ivel Mendanha, Vice-provinciale della Vice-provincia di Majella, durante una messa domenicale online l’11 luglio.

Il Vice-provinciale della provincia redentorista di Majella, attualmente con sede a ‘Nostra Signora del Perpetuo Soccorso’ a Chembur, Mumbai, dice che la morte di padre Swamy il 5 luglio “ha sollevato molte domande, risposte difficili da trovare, ha causato sofferenza, angoscia e dolore”.

Padre Swamy è morto come detenuto nell’ospedale della Sacra Famiglia di Mumbai. La National Investigation Agency, l’organizzazione anti-terrorismo indiana, lo aveva arrestato l’8 ottobre 2020 nella sua residenza vicino a Ranchi, capitale dello stato di Jharkhand, circa 1.700 km a nord-est di Mumbai. Un tribunale di Mumbai ha mandato il gesuita con malattie multiple in un sovraffollato carcere di Taloja, vicino alla città. Poiché le sue condizioni di salute erano peggiorate, è stato ricoverato nell’ospedale cattolico per ordine dell’Alta Corte di Bombay.

Non appena ho ricevuto la notizia della morte di padre Stan, la mia reazione immediata è stata: “L’India ha un martire per la nostra fede”, ha detto padre Mendanha. Secondo lui, l’India ora ha “un martire che ha scelto di vivere il Vangelo e morire per il Vangelo”.

Ha esortato la provincia dei gesuiti di Jamshedpur a iniziare immediatamente il processo di beatificazione di padre Swamy, uno dei suoi membri.

L’appello di “Santo Subito” fu usato quando morì Papa Giovanni Paolo II”, ha ricordato padre Mendanha. Padre Swamy, ha affermato, è vissuto ed è morto per la missione di Gesù – la liberazione dei poveri e degli oppressi.

Secondo padre Mendanha, l’84enne gesuita aveva trascorso decenni della sua vita lavorando tra le popolazioni tribali dello stato di Jharkhand per farli sentire figli di Dio. Padre Swamy voleva che i tribali “avessero diritti come tutti gli altri nel paese” e che fossero protetti da “occulti interessi” che volevano accaparrarsi la loro terra e spostarli.

Il sacerdote redentorista ha affermato che il sacerdote gesuita ha seguito le orme di Gesù. Padre Swamy è “una vittima di un omicidio istituzionalizzato e viene chiamato santo, un profeta della giustizia, un buon pastore, un altro Cristo”, ha spiegato.

La “morte di padre Swamy prima di un’udienza per la cauzione ha scosso i difensori dei diritti umani” e ha portato ogni partito politico a denunciarla, tranne l’istituzione al potere, ha sottolineato padre Mendanha.

Secondo lui, vari gruppi umanitari e leader di tutte le denominazioni cristiane in India hanno espresso dolore, shock e rabbia, denunciando “il patetico” deterioramento del nostro sistema legale e giudiziario e delle agenzie investigative.

La domanda di padre Swamy per la cauzione per motivi di salute è stata sistematicamente bloccata dall’accusa, mettendo in discussione persino la credibilità della sua malattia.

(mattersindia.com)

Print Friendly, PDF & Email