Solidarietà redentorista: 6.000 cesti per le famiglie in povertà nel Midwest

0
284

Oltre 6.000 cesti saranno distribuiti alle famiglie che soffrono di povertà alimentare nella città di Limerick (Irlanda) e nella regione più ampia questo Natale con il sostegno del Fondo Redentorista Perpetuo Soccorso (Redemptorist Perpetual Help Fund).

I Redentoristi hanno già ordinato più di 200.000 euro di cibo che viene confezionato in sacchi e sarà consegnato alla Società di San Vincenzo De Paoli, così come a comunità e gruppi parrocchiali in tutta la città di Limerick e in alcune parti del sud Clare e Tipperary .

Padre Seamus Enright, che dirige l’evento sociale a Limerick, ha affermato che a causa del Covid-19 ha dovuto annullare la sua uscita serale natalizia annuale, che è sempre stata un’ottima raccolta fondi per l’appello alimentare di Natale.

“Molte famiglie e pensionati soffrono di povertà alimentare, soprattutto a Natale, e prepariamo e consegniamo 6.000 cesti alimentari per aiutarli.

“Abbiamo ordinato cibo per un valore di oltre 200.000 euro che ora deve essere pagato e gestiamo anche un centro di assistenza ogni giorno in cui le persone possono fare donazioni di cibo, denaro e giocattoli.

“Abbiamo una squadra riunita presso la Limerick Enterprise Development Partnership, la LEDP, che sta organizzando i cesti, e lavoriamo con 32 gruppi di volontari e comunità per far consegnare il cibo a chi ne ha bisogno”, ha detto p. Enright.

“La preparazione di oltre 6.000 cesti è una grande sfida. Riceviamo assistenza da un certo numero di dipendenti delle aziende a Limerick che aiutano nell’ambito della loro responsabilità sociale di ogn’impresa.

“Molte comunità e gruppi di supporto hanno chiesto il nostro aiuto perché le loro stesse attività di raccolta fondi sono crollate a causa del Covid e stiamo facendo tutto il possibile per aiutarli.

“Si stima che otto persone su 100 nella regione soffrano di una qualche forma di povertà alimentare che deriva da una serie di problemi difficili e complessi vissuti dalle famiglie, come la disoccupazione e la tossicodipendenza, che sono stati considerevolmente aggravati durante la pandemia”, ha aggiunto padre Enright.

per Cathy Halloran, Mid West Correspondent
www.rte.ie

Print Friendly, PDF & Email