Il governo indiano distrugge statua di Gesù alta 20 piedi nel villaggio cristiano

0
480

(Mumbai, India) – I funzionari dello Stato hanno distrutto una statua di Gesù alta 20 piedi che si trova da 18 anni in un villaggio indiano. L’amministrazione locale ha affermato che la statua è stata costruita su un terreno riservato a pascolo per animali e afferma che la sua distruzione è stata ordinata dall’Alta Corte. Tuttavia, i leader cristiani della regione affermano che il caso era ancora pendente.

La statua è stata distrutta martedì 15 febbraio nel villaggio di Gokunte, nello stato di Karnataka, nell’India sudoccidentale. La statua è stata costruita accanto alla chiesa di San Francesco Saverio del villaggio di Gokunte nel 2004. Secondo gli abitanti del villaggio, alcuni membri dell’organizzazione filo-indù volevano creare tensione nella regione e hanno presentato un appello all’Alta Corte.

Il villaggio di Gokunte ha una popolazione di 500-600 persone e tutte le famiglie tranne quattro sono cattoliche.
“È davvero un momento doloroso quando una statua del Signore Gesù viene distrutta dalle autorità dell’amministrazione locale”, ha detto il Padre Redentorista Ivel Mendanha, Superiore Provinciale dei Redentoristi della ViceProvincia Majella a Mumbai.

“Questa non è una statua qualsiasi, ma una statua di Gesù. Le autorità avrebbero potuto mostrare più comprensione, rispetto, riverenza nell’avvicinarsi ai leader religiosi e chiedendo loro di compiere l’atto necessario per rimuovere la statua dalla terra se avesse avuto giustamente l’ordine del tribunale”, ha detto il sacerdote a Crux.

“Che questo avvenga in un Paese che da secoli venera ogni tradizione religiosa e i suoi fondatori è contro il tessuto della cultura indiana. È questa una nuova India a cui stiamo assistendo? Si tratta di un atto isolato? O si tratta di un atto deliberato motivato da determinati interessi acquisiti? Sono domande pertinenti che si pongono la maggior parte delle persone, in particolare la comunità cristiana che è stata e continuerà ad essere da tempo una comunità che cerca di vivere con pace e non violenza e nel rispetto della legge della terra, della diversità delle culture e delle religioni che costituiscono il tessuto della nostra nazione”, ha aggiunto.

(cruxnow.com)