Il Perpetuo Soccorso è nel cuore del popolo di Nicaragua

0
81

Il Nicaragua sta vivendo momenti di forte tensione. La chiesa è controllata e perseguitata. Secondo le ultime notizie delle agenzie internazionali, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha affermato che il governo di Daniel Ortega in Nicaragua sta ulteriormente accentuando la repressione della società civile, iniziata con la forza nel 2018, e che ultimamente anche la chiesa cattolica e i sacerdoti sono vittime della persecuzione.

Padre Carlos Avilés, Vicario generale dell’arcidiocesi di Managua, ha commentato alla stampa internazionale: “L’attuale situazione in Nicaragua è senza precedenti. Non abbiamo mai visto un simile abuso di potere. I diritti di qualsiasi persona sono violati impunemente. Di tutti. C’è una totale incostituzionalità e un’assoluta mancanza di istituzionalità. Ci puniscono per farci stare zitti e smettere di camminare con il popolo, ma non dire quello che sta succedendo ci renderebbe complici. Vogliono una Chiesa muta, ma non parlare sarebbe peccato”.

Tuttavia, le persone con grande fede preparano la festa del Perpetuo Soccorso. Così ci racconta padre Darwin Espinal, C.Ss.R. che lavora nella parrocchia di Santísimo Redentor a Managua:

“La storia ci mostra che il popolo del Nicaragua, fin dai tempi della colonia spagnola, professa un grande amore per la Madre del Redentore. Questo grande amore per la Vergine Maria si è manifestato nei secoli attraverso pellegrinaggi, pellegrinaggi ai santuari, processioni, preghiere del Santo Rosario in famiglia e comunità parrocchiali, novene, congressi mariani, tra gli altri.

C’è ancora la tradizione di intronizzare l’immagine della Madonna del Perpetuo Soccorso nelle case e di apporre sulle porte d’ingresso un cartello che dice: “In questa casa siamo cattolici, amiamo e veneriamo la Beata Vergine Maria”. La Madre del Redentore, è venerata sotto diverse invocazioni, una delle più forti è quella di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso.

Il popolo del Nicaragua celebra la solennità della Madre del Perpetuo Soccorso, il 27 giugno, ma si prepara con la novena di preghiera e la predicazione catechistica, che insegna l’icona d’amore della Nostra Madre.

In Nicaragua, l’icona della Vergine ha preceduto i missionari Redentoristi, secondo il libro Santa María del Perpetuo Socorro, Madre de Misericordia (2015), del confratello Bosco Rodríguez Alvarado, nicaraguense, c’è un olio su tela, risalente al anno millenovecentoquattordici e che è intronizzato nella parrocchia del Calvario, nel dipartimento di Chinandega, anno in cui i figli di San Alfonso non avevano ancora raggiunto queste terre di laghi e di vulcani.

In Nicaragua, l’amore per questa devozione è così grande che molti genitori hanno deciso di chiamare le loro figlie con il nome di Socorro, ci sono anche molte cappelle e parrocchie, il cui titolo è Nostra Signora del Perpetuo Soccorso e nella diocesi di Jinotega, è co-patrona . In molte parrocchie del paese un’immagine della Vergine è esposta alla pubblica venerazione e il giorno a Lei dedicato viene celebrato con solennità. È anche visibile in molti quartieri, le preghiere familiari in onore di questa Signora dalla dedizione quasi universale.

Nella nostra parrocchia del Santissimo Redentore a Managua, capitale del Nicaragua, abbiamo la gioia di possedere una replica dell’icona originale della Madonna del Perpetuo Soccorso, richiesta al Padre Rettore del Santuario di Roma, nella contesto dell’anno giubilare (2015-2016), in occasione della celebrazione del centocinquantesimo anniversario della restaurazione del culto pubblico della Madre del Perpetuo Soccorso, benedetto e intronizzato dall’Arcivescovo Metropolita di Managua, Cardinale Leopoldo Brenes, il 27 giugno 2016. Sono molti i fedeli, che visitano questa parrocchia, per venerare l’icona della Madonna del Perpetuo Soccorso.

Papa Francesco benedice le repliche dell’icona originale della Madonna del Perpetuo Soccorso (2016)

Questo popolo, nonostante le limitazioni economiche che attraversa attualmente il paese, è un popolo mariano e si prepara alla celebrazione della Solennità di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso; così la giornata stessa inizia con il canto delle mattine, la preghiera delle Lodi e l’icona passa di quartiere a quartiere per la pubblica venerazione, fino alla celebrazione liturgica, che è preparata da tutti i gruppi pastorali parrocchiali.

Senza dubbio, l’invocazione di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso è nel cuore del popolo nicaraguense ed è per questo che gridiamo: Nicaragua de María, María de Nicaragua!

Padre Darwin Espinal, C.Ss.R. – ScalaNews

Print Friendly, PDF & Email