La gioia di essere un missionario

0
134

Fratello Alan Patrick Zuccherato, C.Ss.R., Missionario Redentorista della Provincia di San Paolo, parla dell’identità del Fratello Redentorista. Il presentatore e direttore della programmazione della TV Aparecida in Brasile rivela anche le sfide della comunicazione nella missione di evangelizzazione.

Intervista di Brenda Melo, pubblicata su Akikolá, luglio 2022

Qual è l’identità del Fratello Redentorista?

L’identità del Fratello Redentorista è in colui, che è un religioso, consacrato e vive questa esperienza missionaria nella Congregazione, scegliendo di essere un Fratello. Un elemento fondamentale che lo caratterizza è quello di essere memoria viva della fraternità nella comunità. Nella storia della Congregazione, fin dall’inizio con Sant’Alfonso, i Fratelli sono stati presenti. Quando Sant’Alfonso e i suoi compagni iniziarono l’Istituto nel 1732 in Italia, chi perseverò con Alfonso fu un fratello, Fra Vito Curzio. Quando i Redentoristi olandesi arrivarono in Brasile nella Provincia di Rio, i Fratelli erano con loro. Anche il gruppo di tedeschi che arrivò ad Aparecida (SP) e a Trindade (GO) era composto da Padri e Fratelli. Quindi, la figura del Fratello serve a ricordare questa presenza di fratellanza. Non possiamo dimenticare: la nostra consacrazione è per la fraternità! La Costituzione 55 della nostra Regola di Vita dice: è con la Professione Religiosa che diventiamo Missionari Redentoristi!

All’interno della Congregazione, sarebbe questa la missione principale dei Fratelli?

Senza dubbio! Generare la fraternità nel cuore della comunità, consacrarci ogni giorno alla fraternità, essere memoria vivente! Ora, se guardiamo al passato e al presente, vediamo che si stanno ampliando le possibilità per la presenza e l’attività pastorale del Fratello. Ciò che conta per un Redentorista, sia esso Padre o Fratello, non è fare ma ESSERE missionario. In passato, il Fratello era colui che serviva all’interno della comunità, cucendo l’abito, lavorando in cucina, alla porta e nell’orto. Fratelli che si santificavano in questo modo di vivere. Oggi, il Fratello ha la possibilità di studiare altri campi in base ai suoi doni e alle necessità della Congregazione, preparandosi a servire bene. Attualmente abbiamo Fratelli laureati in Infermieristica, Comunicazione, Teologia, Mariologia, Amministrazione, ecc.

Qual è la differenza tra un fratello e un sacerdote?

La differenza sta proprio nell’aspetto ministeriale. Per scelta, il Fratello non vuole essere un sacerdote. Può studiare Filosofia e Teologia e scegliere di essere un Redentorista nella Congregazione come Fratello. Ciò che conta per noi è “essere” un Missionario Redentorista; Padre o Fratello sarà la conseguenza della missione; non rende nessuno più qualificato nell’aspetto ministeriale. Ciò che ci unisce è molto di più, ma la differenza è in questo aspetto. Il Fratello non celebra la Messa né ascolta le confessioni, perché non ha ricevuto il sacramento dell’Ordine. Ma può predicare, guidare una celebrazione, visitare un malato, servire all’interno della comunità, ecc. Come missionari redentoristi, non c’è alcuna differenza.

Come San Gerardo, eccellente esempio di Fratello Redentorista, un fratello può servire nella comunità ed essere una presenza della fraternità! Ma può anche studiare e fare un bel cammino formativo. Questa è la nostra Congregazione aperta a questi tempi nuovi, che qualificano anche i Fratelli Redentoristi per la missione!

Parliamo ora un po’ di comunicazione, un settore in cui anche lei è coinvolto! Qual è il ruolo dei mezzi di comunicazione nella missione dei Missionari Redentoristi?

Fin dall’antichità, nella nostra Congregazione e guardando ai discepoli di Gesù, l’uso di tutti i mezzi possibili perché il Vangelo possa arrivare più lontano è sempre stata una pratica. Prima di ogni mezzo, ogni persona è già comunicazione. La nostra Congregazione è essenzialmente missionaria e usare i mezzi di comunicazione è fare in modo che tutti ricevano l’annuncio della redenzione abbondante, un annuncio di salvezza, una parola buona; è portare una parola di speranza! Ma non è solo parlare, come ci ha esortato Papa Francesco nel suo messaggio per la Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali di quest’anno; è saper ascoltare gli altri. E non un ascolto qualsiasi! È ascoltare con l’orecchio del cuore. In questo cammino sinodale che la nostra Chiesa sta vivendo, quanto abbiamo bisogno dei mezzi di comunicazione! Attraverso di essi, vogliamo far arrivare più lontano il messaggio del Vangelo di Gesù; questa è la nostra missione! Radio Aparecida, che esiste da 71 anni, è un grande esempio di catechesi del popolo brasiliano attraverso i mezzi di comunicazione. Vítor Coelho, che comunicava in modo semplice e missionario, aveva un’équipe di valore, un’attenzione particolare alla fede, alla catechesi, alla predicazione missionaria e anche alla salute.

Come si svolge il suo lavoro alla TV Aparecida?

Sono arrivato alla TV nel 2019, quando il Superiore Provinciale, P. Marlos, mi chiese di entrare nel Consiglio di Amministrazione, e attualmente ricopro il ruolo di Direttore della programmazione. Ho accettato la proposta perché abbiamo una fantastica squadra di laici con competenze tecniche per lavorare e imparare con loro tutto ciò che è nuovo in questo settore. Il Consiglio, formato dai fratelli redentoristi, si riunisce settimanalmente per valutare la direzione della Rete di Comunicazione di Aparecida (radio, TV e sito web A12), dove scambiamo esperienze e pianifichiamo azioni.

Il Dipartimento di Programmazione della TV Aparecida è collegato a tutto ciò che compone il palinsesto: pensare ai programmi, ricevere nuove proposte, compresi gli spot pubblicitari, la videografia, il merchandising, ecc. Tutto ciò che mandiamo in onda deve essere analizzato sotto tre aspetti: audience, fatturazione e prestigio.

È una sfida e una responsabilità enorme! TV Aparecida ha nella sua missione, nella sua visione e nei suoi valori l’aspetto di celebrare quotidianamente la fede e di avere il piacere di stare con gli spettatori. In fondo, l’impronta missionaria è una gioia! Non possiamo dimenticare che il nostro lavoro è comunitario e che abbiamo un impegno di evangelizzazione.

Brenda Melo

Per gentile concessione di Akikolá, luglio 2022

Print Friendly, PDF & Email