Messaggio del neoeletto Superiore Generale padre Rogério Gomes, C.Ss.R.

0
364

PRIMO MESSAGGIO ALLA CONGREGAZIONE – SUPERIORE GENERALE

La pace del Signore sia con tutti voi!

Desidero rivolgermi a voi con il mio primo semplice messaggio:

A tutti i confratelli capitolari,

Ai confratelli di ogni Conferenza, in particolare a coloro che vivono in situazioni di guerra, di persecuzione e di dolore e sofferenza nella loro vita, i nostri anziani,

A tutti i nostri candidati alla formazione e a quelli in formazione: Vi voglio molto bene! Ieri abbiamo ricordato il nostro caro Beato Gaspar. Nella sua figura, ricordo tutti i nostri formatori,

Alla famiglia redentorista,

Alle suore redentoriste,

Agli Oblati, ai laici e alle donne associati alla nostra missione,

Ai nostri ex seminaristi redentoristi.

Oggi è un giorno speciale per noi: il 27 settembre 1696 nasceva a Marianella, Napoli, Sant’Alfonso M. de’ Liguori. Ieri sera, mentre scrivevo questo messaggio, pensavo al significato di questa nuova missione che coincide con la nascita del nostro santo fondatore. Dio ha il suo linguaggio!

Vi ringrazio per la vostra fiducia nel chiedermi di intraprendere questo arduo e impegnativo servizio alla Congregazione. Non sarò solo, potrò contare sul mio Consiglio e anche sui superiori maggiori della Congregazione. Sono in pace! Perché credo piamente e profondamente nello Spirito Santo, il timoniere della storia, Colui che era presente alla creazione del mondo, su Gesù nella sinagoga, nella risurrezione, nella Pentecoste, su Alfonso nella fondazione della Congregazione, nella vita dei nostri Santi, Beati, Martiri, Venerabili e in ognuno di noi presente qui oggi, in questo Capitolo. Lo Spirito Santo è qui! Oggi è la nostra Pentecoste!

Credo nel lavoro di squadra. Fin dai tempi della scuola ho sempre lavorato in gruppo. Era più facile lavorare individualmente, per ottenere voti migliori, ma mi piaceva lavorare in questo modo, dialogare, imparare insieme, condividere.

Credo nella persona umana. Ho una fede antropologica. Per me le persone sono al di sopra delle strutture. Le strutture hanno la loro importanza, ma considerate in termini di persone e di missione. E la persona umana è sempre nuova. Ogni giorno si rinnova, si sorprende con le sue potenzialità e le sue debolezze, e questo mi affascina!

Credo nel misticismo. Una leadership che non fa esperienza di Dio è vuota e non può vedere le persone. È solo un ingranaggio per far funzionare gli ingranaggi e usurpa la sua funzione di cura, di incoraggiamento per un tornaconto personale.

La sfida. Mi piace. Non ho paura. Ho un coraggio prudente.  Una volta un insegnante mi ha detto che mi piacciono le cose difficili. Non è un gusto personale, ma non vedo mai la sfida come qualcosa di negativo. Per me è qualcosa che richiede una risposta, una soluzione. E se non c’è una soluzione, almeno è stata presa in considerazione. Preferisco sbagliare che rimanere in una situazione stagnante che, a poco a poco, marcisce e muore.

Nella mia semplicità, come contadino, come agricoltore, con la pazienza necessaria, darò generosamente il meglio di me stesso in questo servizio, tutto ciò che è mio. Lavorerò per fare del Governo Generale un organismo missionario per l’animazione della vita apostolica della Congregazione. C’è molto lavoro da fare, molte sfide da superare. Vi chiedo un po’ di pazienza, soprattutto in questo primo anno. Come Congregazione dobbiamo ricordare che siamo un corpo missionario che lavora collegialmente (cfr. Cost 2) ed è questo corpo missionario che non ci permette di frammentarci! Chiederò la vostra collaborazione.

In questi giorni stiamo affrontando le sfide che toccano la nostra vita redentorista: identità, missione, vita consacrata redentorista, formazione per la missione e leadership per la missione. Si tratta di sfide. “Il termine sfida ha un carattere teologico. È un segno di Dio che chiede la nostra fedeltà. In questa prospettiva, dobbiamo scoprire e accogliere la presenza dello Spirito che, mentre ci mostra i suoi doni, ci spinge a continuare a crescere”, dice Aquilino Bocos.[1]

In questi giorni abbiamo parlato molto della crisi della leadership. Per me, la crisi della leadership inizia quando coloro che dovrebbero prendersi cura, si appropriano del loro ruolo di cura per un tornaconto personale. La funzione della leadership è kenotica e non consiste nell’opprimere gli altri, ma nell’essere un buon samaritano.

In questi ultimi tempi, a causa di tanti cambiamenti nel nostro mondo, potremmo essere come la comunità di Pentecoste con le porte chiuse per paura dei pericoli del mondo in crisi. Ma il Redentore ci prende per mano e dice a ciascuno di noi: “Nel mondo avrete tribolazioni, ma fatevi coraggio, io ho vinto il mondo” (cfr. Gv 16,33). Ci chiede: “Tu mi ami? Ci invita a nutrire le sue pecore e i suoi agnelli, a essere una cosa sola con lui e a seguirlo. Pertanto, non dobbiamo avere paura delle crisi! Dovremmo preoccuparci quando non ci sono crisi. Questo è il nostro tempo. È il dono del Signore per noi. Questo è il nostro tempo (cfr. Cost. 3), è il kairos e in esso annunceremo la copiosa apud eum redemptio. Il Signore ci chiama: seguitemi!

Coraggio, fratelli! Non abbiate paura. Il Signore Pastore e Padrone del gregge ha chiamato ciascuno di noi, siamo missionari della speranza! Ogni confratello sta dando il meglio di sé nelle diverse opere. Nelle nostre vene scorre sangue redentorista. Non siamo morti. Lo Spirito del Signore ci conferma. Cosa dice il Redentore nel cuore di ognuno di noi oggi, in questo momento storico! Non abbiate paura, non abbiate paura dei poveri! Vorrei che ogni Redentorista sentisse l’odore delle pecore ed emanasse l’odore di Cristo Redentore.

Vorrei che ogni confratello lasciasse questo capitolo gioioso ed entusiasta, come i discepoli di Gesù se ne andarono dopo la Pentecoste, con un cuore ardente e coraggioso. Quando tornerete alla vostra Unità, potrete iniziare a mettere vino nuovo in otri nuovi (cfr. Mc 2,22) e a incantare nuovamente gli altri confratelli.

Non abbiate paura della fedeltà creativa che ci rende fedeli allo Spirito, ci permette di reimmaginare cose nuove, di intuire nuove vie di evangelizzazione; di sbagliare e di imparare dai nostri errori e di non rimanere pietrificati. Lo Spirito che ha unto Gesù, Alfonso, i nostri santi, martiri, beati e venerabili, è lo stesso Spirito che è qui e ci accompagna, lo stesso Spirito che ci provoca e ci aiuta in questo tempo di ristrutturazione e che ci ama senza paura! Non abbiamo paura della ristrutturazione: sarà il nostro vino nuovo alle nozze di Cana! (La ristrutturazione è per noi la festa delle nozze di Cana; è l’ora di Gesù nella nostra Congregazione, che diventa vino nuovo! I nostri santi, beati, martiri e venerabili hanno sempre ristrutturato, hanno sempre avuto paura, ma hanno sempre creduto nello Spirito e nella loro consacrazione al Redentore. Possiamo avere la migliore struttura, una formazione con i migliori contenuti, ma se non viviamo un esodo non andremo molto lontano. La vita consacrata è esodale nella sua origine. Teologicamente è radicata nella kenosi di Cristo.

Vi ringrazio di cuore per il servizio che svolgete nell’animazione e nella cura dei confratelli. A tempo debito conterò sulla vostra solidarietà per le necessità di personale che abbiamo presso la Curia generale. I confratelli che lavorano a Roma non servono solo la loro provincia, ma tutta la Congregazione.

Infine, vorrei che il vostro rapporto con me fosse quello di un fratello, un confratello che cammina insieme, che ascolta, consola, incoraggia e ama la Congregazione e voi e chi è chiamato a un servizio di animazione in vista del bene comune della Congregazione. Niente di più!

Il Signore benedica tutti i presenti e tutti i confratelli del mondo. Infine, vorrei affidare tutta la Congregazione, ogni confratello e tutti i nostri laici, tutti coloro che hanno un’impronta redentorista nel cuore, alla Madonna del Perpetuo Soccorso. Lei è la nostra Madre Generale.

Dopo la professione di fede, vi invito a cantare insieme il canto “Anima missionaria”. Con questo canto voglio abbracciare i confratelli e i laici di tutta la Congregazione. Che lo Spirito Santo ci guidi! Non abbiate paura! Amiamoci l’un l’altro!

P. Rogério Gomes, C.Ss.R

Il Carmelo, Ciampino, 27 settembre 2022.


[1] BOCOS, Aquilino. Rethinking Restructuring. Provincial and community structures. Redemptorist Spirituality Service. Bogotá, Colombia, n. 01, p. 4-5, April 2018.

Print Friendly, PDF & Email