Il mondo è il nostro seminario

0
69

di Luke Gealogo

Tutto è iniziato con un solo clic.

A metà del mio ultimo anno di liceo, ho iniziato a pensare ai molti possibili scenari per la mia futura carriera o viaggio nella vita. Essendo stato un chierichetto nella nostra cappella locale per quasi nove anni a quel tempo, l’idea di entrare nel sacerdozio iniziò a sussurrarmi in testa. Inoltre, dopo due anni trascorsi come studente di scienze umane e sociali e dopo essere stato coinvolto nella leadership studentesca della nostra scuola, è nato il sogno di poter servire la società sia come insegnante legato all’HUMSS (Humanities and Social Sciences) che come organizzatore di comunità.

La domanda ha continuato a perseguitarmi fino a quando, mentre scorrevo il mio feed di Facebook, mi sono imbattuto in una scena che mi ha aperto gli occhi e risvegliato il cuore. Lì ho visto immagini e filmati di alcuni sacerdoti, suore e dei loro collaboratori laici che portavano striscioni e cartelli davanti a quella che sembrava essere la famosa chiesa di Baclaran. Mentre “gridavano le loro preghiere” per porre fine alla violenza contro i “lumad” e difendere i loro diritti alla terra e all’istruzione, c’erano dall’altra parte di quelle scene gli stessi lumad che indossavano i loro abiti e accessori nativi, accolti e abbracciati calorosamente da quella gente di Chiesa militante ma compassionevole.

Avendo visto questo “Vangelo” svelarsi dalle pagine della Bibbia, non posso fare a meno di sentire questo desiderio di far parte di un momento così storico. Sembrava che i due mondi, due “cosa succede se”, o cielo e terra, si fossero intersecati in quella scena molto concreta e reale di solidarietà cristiana e umana. Le mie dita si sono improvvisamente congelate e incapaci di scorrere sul mio telefono.

Volevo far parte di quella “Missione”, quel commovente momento biblico che ha preso vita. E così ho iniziato a indagare ed esplorare. Questi uomini della chiesa e dei poveri – i Redentoristi, come sono chiamati – in seguito, sarebbero diventati i miei compagni costanti nel mio cammino lungo la strada meno battuta. E, in effetti, per me, questo ha fatto e continua a fare la differenza.

Avendo seguito la formazione redentorista per tre anni, posso dire che non è la solita routine “monacale” del seminario di clausura. Sì, ci sono le comuni preghiere mattutine e serali che imperniano l’intera giornata. Anche noi, naturalmente, celebriamo la Messa e le devozioni pubbliche, specialmente la Novena a Nostra Madre del Perpetuo Soccorso. Dedichiamo anche molto tempo ai nostri accademici filosofici. Ma queste dinamiche tipiche del seminario, nel nostro modo redentorista, sono sempre collegate e integrate nel nostro dinamismo missionario: affinare la nostra spiritualità e pietà al di fuori dei quattro angoli del complesso del seminario e verso le realtà concrete, le lotte e le aspirazioni dei poveri urbani della porta accanto o dei semplici contadini e indigeni delle campagne.

Dormiamo sia nel comfort dei nostri dormitori sia nei semplici santuari che ci vengono offerti dalla gente comune. C’è un tempo per aprire il breviario per la recita delle preghiere temporizzate; c’è anche un momento per chiudere questo libro devozionale per immergersi nella vita e nella preghiera dei poveri. Celebriamo la solidarietà di Dio con il suo popolo, specialmente con gli emarginati e non accolti, sia nella messa nella cappella, sia nei pasti condivisi con le masse. Noi, come persone di Chiesa, formiamo comunità cristiane dalla base, poiché queste stesse basi diventano il luogo dove ci formano per diventare missionari.

Questa è la vita, la nostra vita, come seminaristi redentoristi. Il seminario è il nostro mondo; ma il mondo dove veniamo formati e plasmati diventa il nostro seminario.

Luke Gealogo, 22 anni, è un postulante della Viceprovincia di Manila, Filippine
La sua testimonianza è stata pubblicata sul Philippine Daily Inquirer (www.inquirer.net)

Print Friendly, PDF & Email