Padre Amado Picardal CSsR riceve un premio da parte della Commissione per i diritti umani a Manila

0
1102

La Commissione Filippina per i diritti umani ha citato gli sforzi della Chiesa per fermare gli abusi. Il lavoro svolto attualmente durante la guerra contro il narcotraffico guadagna una lode speciale.

(Manila, 4 Maggio) – La Commissione per i diritti umani delle Filippine ha elogiato i gruppi religiosi e giornalisti che si occupano d’informare sulla guerra del governo contro la droga, facendo esporre violazioni dei diritti umani che ha causato la campagna.

“Sono semplici atti individuali, atti di coraggio, atti di solidarietà, esempi di giustizia, atti di bontà, quelli che ci hanno dato luce nel buio”, ha detto José Luis Gascon, presidente della Commissione per i diritti umani.

L’organizzazione per i diritti umani ha elogiato i sacerdoti ei fratelli Redentoristi per “fare molto di più che qualsiasi di noi può immaginare,” aiutando le vittime della “guerra alla droga”.

Gascon ha detto che i Redentoristi del paese hanno fornito una fonte d’ispirazione per continuare questo tipo di lavoro, un esempio da imitare nella lotta contro le uccisioni nonostante le difficoltà.

“Per molti parenti delle vittime, coloro che hanno accolto ed aiutato sono stati i sacerdoti e fratelli redentoristi che lavorano nel Santuario, dove offrono supporto psico-sociale”, ha detto Gascon.

Ha detto che l’esempio dei Redentoristi, del gruppo di difesa dei diritti umani e l’Associazione dei Superiori Maggiori delle Filippine, “ci umilia, ma ci dà coraggio.”

Il padre Redentorista Amado Picardal, secondo da destra, riceve il 4 Maggio il premio dalla Commissione dei Diritti umani a Manila, riconoscimento del lavoro della Congregazione con le famiglie delle vittime. (Foto di Vincent Go)

Il padre Redentorista Amado Picardal ha detto che il riconoscimento da parte della Commissione dei diritti umani è stata una “conferma” della missione della Chiesa per sostenere i diritti umani e “camminare con la gente.”

“Mentre i problemi [di omicidi e violazioni dei diritti umani] sono lì, saremo anche lì”, ha detto il sacerdote, aggiungendo che la sua Congregazione del Santissimo Redentore, è stata chiamata “Redemp-terroristi” durante gli anni della legge marziale per combattere la dittatura e lavorare per i diritti umani. “Questo è stato il nostro impegno costante. Questo fa parte della nostra missione, la nostra missione profetica come Redentoristi”, ha detto padre Picardal.

Ha detto che l’impegno consiste “non solo nell’aiutare a seppellire i morti e contare le vittime,” ma anche “fornire santuari (espressione che significa accogliere e proteggere) non solo le vittime ma anche i testimoni”.

P. Picardal ha poi detto che diversi gruppi religiosi, tra cui la Conferenza Episcopale hanno lavorato in difesa della vita e dei diritti umani. “Noi non siamo solo una voce nel deserto, collaboriamo con gli altri”, ha concluso.

Joe Torres, Manila
Filipinas
Http://www.ucanews.com

Print Friendly, PDF & Email