COMIRE prepara Congresso di Comunicatori Redentoristi

0
662

(Recife, Brasile) – La città di Recife ha ricevuto questo fine settimana scorso i rappresentanti (vice) provinciali delle Commissione dei Media Redentorista (COMIRE) per un incontro per definire la programmazione del primo congresso dei comunicatori redentoristi in Brasile. All’incontro, che si è svolto nel convento di Madalena, hanno partecipato i rappresentanti di COMIRE e il provinciale dell’Unità di San Paolo, padre José Inácio de Medeiros.

L’obiettivo principale di questo incontro, il settimo di questa commissione, è stato quello di strutturare gli ultimi dettagli per il Congresso dei Comunicatori che dovrebbe svolgersi nel mese di giugno 2018 ad Aparecida.

Il tema dell’incontro si propone in diretta consonanza con il tema scelto per i sei anni della Congregazione dall’ultimo Capitolo Generale “Comunicazione redentorista in un mondo ferito: evangelizzare le nuove frontiere dei media”.

“Vogliamo celebrare l’anno 2018 con la discussione sulla storia dei media nell’evangelizzazione redentorista e su come potenziarli per aiutare questo mondo ferito da così tante miserie”, ha detto padre Inacio nel commentare il tema del congresso. “Dobbiamo aggiornare il nostro linguaggio e i modi in cui ci relazioniamo a così tante e così complesse modalità di comunicazione che oggi permeano la vita della società”, aggiunge.

Padre Evaldo Souza, coordinatore di COMIRE è uno dei responsabili dell’organizzazione della riunione, ritiene che il congresso dovrebbe offrire strumenti pratici per le attività quotidiane di comunicazione dei fronti pastorali redentoristi in tutto il paese. “Il gruppo ha pensato di lavorare con grandi argomenti, ma anche di organizzare workshop tematici che potrebbero fornire supporto alle comunità per creare, ad esempio, una webtv o addirittura migliorare la portata dei social network”. Unire la pratica e la riflessione è stato uno degli argomenti difesi anche da padre Rosivaldo, un missionario dell’unità di Bahia, che comprende la mancanza dei nostri laici nel fare un lavoro di comunicazione di qualità. “In questo anno dei laici sogniamo di portare al Congresso laici e laiche che lavorano nella nostra cura pastorale e rafforzano in loro l’amore per la comunicazione e il corretto uso degli strumenti”.

All’incontro ha partecipato anche il giornalista Simone Oliveira, professionista del gruppo Globo di Radio e addetto stampa del Santuario di Morro da Conceição. Ha condiviso la sua esperienza nell’aiutare a guidare le questioni religiose nei media secolari e quanto sia fragile la conoscenza dei giornalisti sulle questioni religiose. “Dobbiamo capire che le persone non sono più educate in ambienti di linguaggio religioso e quindi, quando parliamo di religione nei media, dobbiamo usare un linguaggio semplice e molto esplicativo”, dice il giornalista dicendo che nemmeno le cose più ovvie della fede sono chiare per le persone.

Infine il gruppo ha concelebrato l’Eucaristia nella chiesa di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso, chiudendo con gratitudine un altro incontro.

Padre Evaldo César de Souza, C.SS.R

Print Friendly, PDF & Email