Quando diciamo “mondo ferito”, ci riferiamo alla creazione di Dio che è oppressa ed incrinata

0
646
Photo by Martine Perret/UN

Giornata mondiale della terra

Il calendario internazionale segna il 22 aprile come Giornata della Terra. Questo è un evento che viene celebrato in più di 190 paesi e rappresenta per noi Redentoristi un’opportunità per promuovere la protezione della nostra Casa Comune. Già il Capitolo Generale, nel suo ultimo messaggio alla Congregazione, ci invita ad affrontare la sfida di vivere e costruire solidarietà, non solo con il mondo, con gli uomini e le donne più svantaggiati del nostro tempo, ma anche con la creazione. Infatti, nel paragrafo 12 delle decisioni, il Capitolo incoraggia “le Conferenze, le Unità e le Comunità a promuovere attività di sviluppo ecologico e celebrazioni liturgiche nelle nostre varie opere apostoliche”. Pertanto, questa data costituisce un’opportunità per promuovere queste attività. Come figli di Sant’Alfonso, questo argomento non ci è indifferente, poiché al centro della questione ambientale c’è anche la questione morale e pastorale.

Negli ultimi anni, le istituzioni pubbliche e private hanno compiuto progressi nel rafforzare la consapevolezza ecologica, identificando i pericoli dell’uso irresponsabile delle risorse naturali del pianeta. Come cristiani, stiamo anche diventando sempre più consapevoli della nostra condizione di creature, vedendoci parte di questa creazione e dei suoi custodi. Riconoscendoci come creature riconosciamo anche il valore di altre forme di vita esistenti, degne del nostro rispetto e cura, perché non possiamo esprimere riverenza per il nostro Creatore degradando le altre specie create.

Ecco perché è necessario continuare a rafforzare la consapevolezza nelle nostre comunità, istituzioni e famiglie sulla necessità di adottare stili di vita, produzione e consumo sostenibile. Seguendo lo spirito della Laudato Sí (LS), dobbiamo intraprendere azioni concrete di fronte alle emergenze causate dai cambiamenti climatici e dal riscaldamento globale.

Il concetto di inter-connettività nel mondo della comunicazione si adatta molto bene all’approccio ecologico. Vale a dire, questo concetto indica che i “problemi” del pianeta sono anche i “nostri” problemi, perché ci riguardano direttamente. L’acqua inquinata proveniente da fiumi o mari non conosce i limiti di popoli, nazioni o culture; I gas serra colpiscono tutti, indipendentemente da dove o da chi. Come su Internet, la vita costituisce una rete di interconnessioni, in cui il tutto e le parti sono strettamente comunicati. Quindi, ci vediamo come parte della creazione e non come entità aliene ad essa; e ciò che facciamo o non facciamo alla Terra, nel bene o nel male, lo facciamo o smettiamo di farlo a noi stessi.

Quando noi Redentoristi ci riferiamo al “mondo ferito”, non stiamo semplicemente usando uno strumento linguistico, ma ci riferiamo alla creazione di Dio che è oppressa e fratturata: uomini e donne impoveriti, ma anche altre specie viventi ferite dall’irresponsabilità umana. In questo senso, la Laudato Si afferma l’interdipendenza globale e il bene comune quando afferma che “non ci sono due crisi separate, una ambientale e una sociale, ma una singola e complessa crisi socio-ambientale” (LS 139); e quindi “un vero approccio ecologico diventa sempre un approccio sociale, che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull’ambiente, per ascoltare sia il clamore della terra che il clamore dei poveri” (LS 49).

Il problema ecologico è intimamente connesso con i poveri e la giustizia, perché sono i poveri che subiscono prima e direttamente le conseguenze del degrado ecologico e che ricevono il minimo aiuto quando scoppiano i disastri naturali. Inoltre, poiché le politiche di sviluppo economico sono spesso collegate simultaneamente al degrado dei più vulnerabili: i poveri e l’ambiente. Papa Francesco ci parla di una “ecologia integrale” che ha bisogno di “ascoltare sia il clamore della terra che il grido dei poveri” (LS 49).

Ecco come la soluzione ai problemi della terra coinvolge tutti noi: governatori, scienziati, intellettuali, uomini d’affari, educatori, ecc., e ciascuno dei credenti. Ci sono soluzioni che devono emergere a livello di governi e istituzioni, ma a livello individuale abbiamo anche una responsabilità. Potremmo iniziare esaminando i nostri stili di vita, come ad esempio il nostro stile di consumo.

Indubbiamente il tema ecologico è presente nella nostra attività missionaria come Redentoristi, ma in questa occasione varrebbe la pena considerare le seguenti domande:

Come possiamo collegare il nostro impegno cristiano alla giustizia con i nostri obblighi riguardo l’ambiente?

Come possiamo promuovere nelle nostre comunità un dialogo serio sulla realtà del deterioramento ecologico nel nostro ambiente e sulle dimensioni etiche significative della crisi ambientale? In che modo questa realtà è presente nei nostri piani apostolici?

Come possiamo unire le forze con altre istituzioni e persone di buona volontà che lavorano per questo scopo?

Come Redentoristi, cosa possiamo offrire al movimento ambientalista e cosa possiamo imparare da esso?

Come possiamo contribuire al raggiungimento degli obiettivi globali di sviluppo sostenibile, in particolare quelli relativi al cambiamento climatico, alla conservazione delle risorse marine e alla vita degli ecosistemi terrestri?

CSsR – Segretariato Generale per l’Evangelizzazione

Preghiera per la nostra terra

Dio Onnipotente,
che sei presente in tutto l’universo
e nella più piccola delle tue creature,
Tu che circondi con la tua tenerezza
tutto quanto esiste,
riversa in noi la forza del tuo amore
affinché ci prendiamo cura
della vita e della bellezza.
Inondaci di pace, perché viviamo come fratelli e sorelle
senza nuocere a nessuno.
O Dio dei poveri,
aiutaci a riscattare gli abbandonati
e i dimenticati di questa terra
che tanto valgono ai tuoi occhi.
Risana la nostra vita,
affinché proteggiamo il mondo e non lo deprediamo,
affinché seminiamo bellezza
e non inquinamento e distruzione.
Tocca i cuori
di quanti cercano solo vantaggi
a spese dei poveri e della terra.
Insegnaci a scoprire il valore di ogni cosa,
a contemplare con stupore,
a riconoscere che siamo profondamente uniti
con tutte le creature
nel nostro cammino verso la tua luce infinita.
Grazie perché sei con noi tutti i giorni.
Sostienici, per favore, nella nostra lotta
per la giustizia, l’amore e la pace.

Print Friendly, PDF & Email