La missione in Brasile, la seconda chiesa più grande del paese sarà costruita a Goiás

0
1161

(Goias, Brasile) – Solo la torre ospiterà 74 campane, incluso quella più grande del mondo, con 50 tonnellate.

Barro Preto, attuale Trinità, 1848. Constantino Xavier casa e Ana Rosa non poteva più accogliere il flusso di fedeli che accorrevano a vedere il medaglione d’argilla trovato da due Goias circa cinque anni prima, mentre aravano la terra, e che ritratta il Padre Eterno accanto al Figlio e allo Spirito Santo, incoronando la Vergine Maria. La coppia ha poi costruito una piccola cappella, coperta con foglie di buriti. Oggi, 170 anni e quattro templi crescenti dopo, la città Goiás ospita le opere di quello che dovrebbe essere la casa del medaglione finale e niente di meno che una delle più grandi chiese del mondo.

Il santuario attuale fu costruito tra il 1958 e il 1994, è il luogo del tradizionale pellegrinaggio e la celebrazione in onore del Divin Padre Eterno dal 1974. Le celebrazioni di quest’anno, che ha avuto luogo a fine giugno, ha rotto un altro record e ha ricevuto circa tre milioni di pellegrini durante i dieci giorni della novena e della festa, consolidando Trindad come la seconda più grande destinazione religiosa in Brasile, dietro solo Aparecida.

I numeri sono superlativi: durante i dieci giorni il santuario, guidato dai religiosi redentoristi, celebrò 121 messe, 45 novene e centinaia di battesimi e confessioni. Solo negli ultimi tre giorni della festa la basilica ha ricevuto 1,7 milioni di visitatori. Il pellegrinaggio di auto da bue, riconosciuto nel 2016 come patrimonio culturale brasiliano dall’Istituto nazionale di storia e patrimonio artistico (IPHAN), era composto da oltre 350 auto, provenienti da Goiás e da altri stati della regione – alcune di loro devono fare 20 giorni per raggiungere il santuario.

Superlativo è anche il design del nuovo santuario in costruzione dal 2012 a poco più di un chilometro dalla Basilica di corrente: il complesso avrà 145.000 metri quadri di area costruita – equivalenti allo stadio Maracana. Solo la chiesa avrà più di 12 mila metri quadrati, che la renderanno la seconda chiesa più grande del Brasile e la terza al mondo. La chiesa avrà 6.000 persone sedute o 13.000 piedi – e la piazza intorno ad essa sarà in grado di ospitare 250.000 persone. La torre, 110 metri di altezza – più alto del Palazzo del Congresso Nazionale – ospiterà 74 campane, tra cui la più grande campana a battaglio del mondo, Vox Patris, di 50 tonnellate.

In vista delle opere d’arte, il santuario ha recentemente confermato il nome di Marko Ivan Rupnik, uno degli artisti sacri di oggi. Il gesuita sloveno è il direttore del Centro Aletti di Roma, ed è responsabile per le opere nelle chiese di fama mosaico come pellegrinaggio santuario, la Basilica della Santissima Trinità a Fatima, il Santuario di San Pio da Pietrelcina, il Santo Santuario Giovanni Paolo II a Cracovia e la Cappella Redemptoris Mater in Vaticano. I mosaici Rupnik e il suo team copriranno tra i 50 ei 60 mila metri quadrati di pareti del nuovo santuario.

Per accompagnare la crescita della devozione e lo spostamento di movimento nella città di 121 mila abitanti a causa della posizione del nuovo santuario, padre Robson de Oliveira, rettore della basilica tra il 2003 e il 2015, fondatore dell’Associazione del Padre Eterno (Afipe) e attuale superiore provinciale dei Redentoristi in Goias, propose un piano di sviluppo strategico chiamato Trinity +20. “I politici volevano +10, ma ho detto che questo è un gioco politico. È inutile, abbiamo bisogno di 20 anni “, ha detto. “La Trinità crescerà e sarà una città molto importante e forte, un riferimento per cattolici e non cattolici”.

*****

Il giornalista si è recato a Trindade per accompagnare il pellegrinaggio su invito dell’Associazione dei figli del Padre Eterno (Afipe).

(da Sempre Familia)

Print Friendly, PDF & Email