La missione redentorista nella diocesi di Weetebula

0
1251

(Weetebula, Indonesia) – I missionari redentoristi sono stati invitati a condurre la missione per 3 mesi nella parrocchia di S. Immacolata Maria, Totok, nella diocesi di Weetebula, in Indonesia, a partire dal 3 giugno 2018. La gente è stata molto felice ed entusiasta di dare il benvenuto ai missionari. La stazione di Totok è una delle più antiche stazioni della diocesi di Weetebula.

Il gruppo missionario era composto da 6 redentoristi, vale a dire 4 sacerdoti, 1 fratello e 1 studente. Inoltre, il nostro gruppo è stato rafforzato dalle sorelle della congregazione ALMA. Questa congregazione è una congregazione locale di Java che lavora nel campo dell’educazione e del sociale, in particolare per i disabili. Questa è un’iniziativa presa per collaborare e cooperare con altre congregazioni nella nostra proclamazione.

Il titolo della missione è “Essere una pietra viva nella costruzione di Dio”. Lo scopo della missione era quello che “il popolo di Dio sperimenti il vero pentimento e la salvezza attraverso la realizzazione della sua vocazione che ha rafforzato l’unità, la solidarietà, l’indipendenza e lo zelo missionario”. Le visite della famiglia sono state il principale lavoro della missione. Attraverso l’incontro personale e la condivisione abbiamo potuto ascoltare e conoscere meglio la situazione vissuta dalle persone nella loro vita.

La catechesi e l’accompagnamento nella fede dei vari gruppi come bambini, giovani e coppie sposate sono state attività obbligatorie in ogni missione locale. In questa missione, vari servizi sacramentali sono stati portati avanti dalle famiglie cattoliche, dopo aver seguito la catechesi. Sono stati necessari preparativi precedenti. Mentre per i non cattolici abbiamo fornito un’adeguata assistenza prima di essere accettati nella comunione dei fedeli cattolici.

In Totok, abbiamo battezzato 205 bambini e 80 adulti. Ben 112 persone hanno ricevuto la prima comunione e 21 coppie hanno ricevuto il sacramento del matrimonio. Le celebrazioni ci hanno riempito di gioia e c’era un senso di cura e condivisione tra i fedeli. Tutto ciò è stato possibile con l’aiuto e la collaborazione dei missionari laici del posto che abbiamo chiamato Community Mobilizing Team (TPU). Sono persone locali che  si sono offerte volontariamente, dopo aver attraversato adeguati preparativi, per accompagnare i missionari redentoristi a raggiungere il popolo.

Oltre alle questioni sacramentali, abbiamo anche svolto varie attività legate allo sviluppo sociale e alla formazione. La piattaforma per lo sviluppo del talento è stata resa possibile attraverso l’arte e le esibizioni e le competizioni sportive. Si è stabilito un processo di fratellanza in varie attività che sono state sviluppate.

L’unità delle persone in ogni attività si è rivelata una buona notizia attraverso la loro partecipazione attiva. Nelle nostre attività quotidiane, abbiamo cercato di capire e assimilare la volontà di Dio e di viverla. Come gruppo di missione itinerante, abbiamo sempre portato tutto il necessario per la proclamazione. Abbiamo sempre gioito con il popolo di Dio. Ci sono state sempre storie interessanti condivise con loro. Abbiamo vissuto con loro per quasi tre mesi. Dopo un lungo periodo di preparazione, ora ci stiamo preparando per un’intensa settimana finale soprattutto di preghiera e celebrazioni.

I missionari invieranno le persone prescelte per continuare la loro missione il 9 settembre 2018. La stessa strategia deve essere seguita in un nuovo posto.

Possa l’abbondante redenzione sperimentata dai missionari redentoristi e dal popolo continuare ad essere celebrata e condivisa negli incontri successivi tra il popolo di Dio.

P. Willy Ng Pala, CSsR.