Per capire (เข้าใจ) bisogna aprire il cuore, padre Vélez dalla Tailandia

0
1582

(Thailandia) – Ottobre è il mese Missionario, e dal primo giorno del mese, festa di Santa Teresa del Bambino Gesù, patrona delle missioni, fino alla fine del mese, si celebrano le missioni in tutto il mondo.
Papa Francesco ha detto che il mese missionario è una nuova opportunità “per farci discepoli missionari, sempre più appassionati di Gesù e la sua missione, fino ai confini della terra.”
Padre Rodrigo Velez è un sacerdote redentorista e sta portando avanti la sua missione in Tailandia. “Sono felice di condividere questi primi passi della mia missione con voi e chiedere a Dio che ci regali sempre la capacità di meravigliarsi per la missione, come adesso ci ha affidato”, ha detto.

Ecco, il testo completo della tua testimonianza:

Dalla Tailanda, padre Rodrigo Vélez
Per capire (เข้าใจ) è necessario entrare al cuore

Scrivo dalle montagne di Doi Inthanon, dove i missionari Redentoristi lavorano da più di 40 anni con le comunità indigene di Karen. In Thailandia ci sono queste tribù di montagna che sono diversi dai thailandesi, che hanno la propria cultura, la loro lingua, i loro costumi, ma forse più interessante è che queste comunità indigene hanno un processo di conversione al cristianesimo molto apprezzato, la loro strada per vivere la fede è qualcosa di ammirevole.

In questo primo anno mi sto appassionando soprattutto alla cultura e alla lingua, ho trascorso 6 mesi a studiare Thai a Bangkok, collaborando con l’unica chiesa di Bangkok che offre diverse messe in inglese per cattolici stranieri, migranti. La Thailandia è un paese buddista al 90%, i templi buddisti sono ovunque, con una popolazione di oltre 70 milioni, il livello socio-economico di Bangkok, lontano dalla gente che vive all’interno del paese. Qui il re è la figura più rilevante della società, ei monaci godono di grande rispetto. Già al sesto mese sono in missione sulle montagne di Mae Chaem.

Qui abbiamo come missione accompagnare la pastorale in 13 comunità. I villaggi che sono sparsi sulle pendici delle montagne dove le persone lavorano la terra per avere riso, mais, zucche e una varietà di frutta e verdura. Queste comunità, organizzate con i loro costumi, inviano i loro figli a studiare nelle città più grandi dove si trovano le scuole. Nella nostra missione, abbiamo una casa d’accoglienza per ragazzi e ragazze.

Il nostro gruppo di missione è molto vario poiché è composto da 2 sacerdoti, 1 seminarista filippino nel suo anno di immersione, 3 sorelle e una famiglia che fanno parte dello staff di supporto. La missione è più di una sfida a breve termine. La missione in queste terre sono un grande dono di Dio, ma anche una sfida che coinvolge l’esercizio di lasciare alcune abitudini, ma anche la famiglia, il cibo, gli amici … un percorso dove uno si spoglia, per avere il coraggio di essere vestito dal vangelo. È un dono meraviglioso essere in grado di testimoniare la fede che si veste nel colore e nel calore di questa gente, così diversa ma così vicina allo stesso tempo.

I primi giorni di studio in questa terra, ho imparato che in Thai la parola ‘capire’ ‘kouchay “เข้าใจ, significa entrare nel cuore, così per capire, abbiamo bisogno di aprire il cuore. Questo linguaggio che ha più di 40 consonanti, 21 vocali e 5 toni, è anche semplice e ricco allo stesso tempo per esprimere la profondità del cuore. Già nelle comunità montane la sfida è duplice poiché la lingua Karen è parlata lì. Non c’è dubbio che c’è molto da imparare, ma la cosa più bella della missione ad gentes è che quando si scopre nel fratello che “toccare l’umano è invocare il divino su di noi stessi”. Sono felice di condividere questi primi passi della mia missione con voi e chiedo a Dio di darci sempre la capacità di stupirmi davanti alla missione che ci affida.

Rodrigo Vélez CSsR – Sacerdote missionario redentorista
Thailandia

Print Friendly, PDF & Email