Un soffio di primavera nella vita della nostra Chiesa in Amazzonia

0
631

Intervista a mons. Marek Piątek C.Ss.R., vescovo della diocesi di Coari in Amazzonia, che ha preso parte al Sinodo dei vescovi per l’Amazzonia, tenutosi a Roma dal 6 al 27 ottobre 2019.

Eccellenza, quali notizie porterà alla sua gente nella diocesi di Coari?

Prima di tutto, trasmetterò loro la benedizione del Santo Padre Francesco. Nei nostri incontri durante il sinodo dei vescovi, gli ho chiesto una benedizione per la nostra diocesi, sacerdoti, consacrati, seminaristi e laici. Gli ho anche assicurato la nostra preghiera. Ho ricordato al Papa che lui aveva elevato la prelatura di Coari al rango di diocesi nel 2013. Porto anche nel mio cuore l’universalità della Chiesa cattolica, che ho potuto sperimentare qui nella Città Eterna dove si trova la tomba di San Pietro e la sede dei suoi successori. Porto anche con me l’intero patrimonio del Sinodo dei vescovi in ​​Amazzonia!

Il tempo del sinodo è un momento speciale della grazia di Dio non solo per il nostro continente, le nostre diocesi locali ma anche per l’intera Chiesa. Il sinodo è diventato per noi il tempo di Pentecoste. È lo Spirito Santo che è stato l’attore principale del sinodo dei vescovi. Abbiamo provato ad ascoltare ciò che lo Spirito Santo dice alla Chiesa nella Pan-Amazzonia. Abbiamo cercato di ascoltare ciò che dice il Santo Padre, ciò che dicono i padri sinodali, ciò che dicono i laici e i religiosi, abbiamo ascoltato soprattutto i rappresentanti delle popolazioni indigene dell’Amazzonia.

Dopo che sarò tornato a Coari, parlerò anche alla nostra collega diocesana, della canonizzazione della sorella brasiliana Dulce dei poveri di Salvador, dello stato di Bahia, a cui ho partecipato qui a Roma. Racconterò loro anche della mia visita al Santuario di Nostra Signora del Perpetuo Soccorso e di un piacevole incontro con p. Michael Brehl, Superiore Generale e la comunità Redentorista nella Casa Generalizia. Ho pregato davanti all’icona della Madonna del Perpetuo Soccorso per la nostra diocesi. Ogni settimana nella nostra parrocchia c’è una costante Novena. Questa è una bellissima eredità lasciata dai Redentoristi!

  

In che situazione si trova la diocesi di Coari? Quali sono le sue caratteristiche? Quali  problemi deve affrontare?

La diocesi di Coari, nello stato dell’Amazzonia, è giovane, missionaria e dinamica! E’ stata eretta da Papa Francesco il 9 ottobre 2013. Il patrono della diocesi è Sant’Anna, madre della Madre di Dio e nonna di Gesù Cristo. L’area della diocesi è di circa 120.000 km² con meno di 300000 residenti. Ha 10 grandi parrocchie con oltre 500 comunità. Due parrocchie sono gestite da Redentoristi.

Nella diocesi vi sono oltre 20 sacerdoti e 4 ordini religiosi femminili, oltre a centinaia di laici: ministri straordinari della parola di Dio, dell’Eucaristia, testimoni autorizzati ai sacramenti del matrimonio e del battesimo; ci sono oltre 800 catechisti laici e circa 30 diversi agenti di pastorale. Usiamo i media per l’evangelizzazione. I redentoristi di Coari gestiscono una stazione radio da oltre 50 anni.

Le nostre parrocchie e comunità vivono sulle rive di fiumi e laghi meravigliosi, ma anche pericolosi. La nostra gente è buona, nobile e credente, nonostante alcune debolezze. Conduciamo le nostre vite e la nostra cura pastorale secondo il ritmo dei fiumi e dei laghi: il periodo estivo è il periodo delle alluvioni.

Il trasporto viene effettuato solo da navi e imbarcazioni. Le distanze tra le parrocchie sono molto grandi. Dalla sede della diocesi di Coari alla parrocchia più vicina è necessario navigare per 10 ore in barca.

Com’è la vita delle persone? Vi è una mancanza di vocazioni?

Viviamo modestamente e male. Ci preoccupiamo dell’autosufficienza, ma non possiamo permetterci investimenti più grandi. Nel 2000, abbiamo aperto il Seminario teologico di Sant’Anna, dove ospitiamo giovani diplomati e sottoposti al cosiddetto anno propedeutico. A Manaus, la capitale dello stato, dieci dei nostri candidati al sacerdozio studiano filosofia e teologia.

Il sacerdozio locale e le vocazioni religiose sono la gioia della nostra diocesi. Abbiamo sacerdoti buoni e zelanti della popolazione locale! Anche i laici stanno dando un grande contributo al ministero pastorale e all’evangelizzazione. Con un numero limitato di sacerdoti, ci sono soprattutto laici che trasmettono l’eredità della fede alle nuove generazioni. Il ministero sacerdotale ed episcopale scaturisce dal sacramento del sacerdozio, mentre il ministero dei laici si basa sul sacramento del battesimo.

In una situazione di elevata attività delle sette protestanti, sono necessari un addestramento e una formazione continua, specialmente per i laici. È per questo che, superando molte difficoltà lungo il cammino, abbiamo costruito una “Casa di ritiro di S. Alfonso e il Centro di formazione per le missioni. ” Dal 2017 ci sono stati corsi per pastori e laici di tutta la diocesi.

 

 Parliamo dei Redentoristi. Come sono stati coinvolti nel ministero nella diocesi di Coari?

Il nostro stato attuale nasce dalla meravigliosa opera di molti missionari. Siamo stati una prelatura territoriale per 50 anni. Fu Papa Paolo VI a ereggerla nel 1963 e la affidò alla cura pastorale dei Redentoristi di Manaus. Per quasi 40 anni, la prelatura è stata guidata dal saggio e devoto vescovo Gutemberg Freire Régis CSsR, che proveniva dalle aree locali.

Dobbiamo al lavoro eroico dei Redentoristi in Brasile della Vice-Provincia di Manaus e degli americani della ex Provincia di St. Louis (ora incorporata nella Provincia di Denver) che le strutture pastorali e materiali della nostra diocesi sono sviluppate. Oggi non ci sarebbe alcuna diocesi a Coari senza questi oltre 70 anni di meraviglioso, ma molto impegnativo lavoro missionario! Sin dall’inizio, le Suore dell’Adorazione del Sangue del Signore hanno collaborato con i Redentoristi nella diocesi. Ora lodiamo il Signore per tutto questo e siamo anche molto grati a loro!

Sono anche convinto che grazie alla loro sincera preghiera e cura per le vocazioni sacerdotali, oggi tutti i nostri sacerdoti diocesani provengono dalla gente locale. Questo è molto importante! La missione porta frutto e può crescere solo quando compaiono le vocazioni locali! Il nostro compito è ora quello di sostenere e sviluppare il patrimonio ricevuto.

Cosa possiamo aspettarci dopo il Sinodo per Amazon? Come proseguirà la riflessione sinodale?

Il Santo Padre, all’inizio del Sinodo, ha sottolineato la nostra riflessione e preghiera su quattro questioni riguardanti la regione amazzonica. La cura pastorale, la diversità delle culture, la dimensione socio-ecologica e la realtà sinodale della Chiesa. Le aspettative riguardo al Sinodo sono quindi molto aumentate, anche a causa del notevole interesse da parte dei mass media.

Vorrei sottolineare che il Sinodo è un soffio di primavera nella vita della nostra Chiesa. Contribuirà all’approfondimento della fede, allo sviluppo dell’opera di evangelizzazione, al rafforzamento della cooperazione nella costruzione del Regno di Dio basato sulla giustizia e sulla verità e alla maggiore preoccupazione per la “Casa Comune”, cioè per l’intera opera di Dio di creare e redimere le persone e il mondo. L’ecologia integrale, che enfatizza il valore e la dignità della vita umana, è una parte importante dell’evangelizzazione.

Il sinodo ci mostra la necessità di una maggiore preoccupazione per le popolazioni indigene, per il rispetto della loro cultura, tradizione e spiritualità. Durante l’incontro, abbiamo parlato di un possibile nuovo rito per la Chiesa in Amazzonia e di possibili modi per rimediare alla presunta mancanza di sacerdoti. Siamo stati invitati ad acrescere il valore dei laici e il loro ministero che fluisce dal sacramento del battesimo. Hanno anche parlato della necessità di un maggiore apprezzamento del ruolo delle donne nella Chiesa. È stato sottolineato il ruolo della testimonianza personale e dell’amore fraterno, specialmente nei confronti dei poveri e degli abbandonati.

 Quale sarà la continuazione? La conclusione ufficiale del Sinodo dei vescovi a Roma non è certamente la fine della riflessione sulle questioni affrontate dal Sinodo. Ora è, soprattutto dopo la rapida uscita dell’esortazione annunciata da Papa Francesco, quando inizia la fase molto importante, quella di attuare le risoluzioni del Sinodo per l’intera Pan-Amazzonia, che copre 9 paesi. Dobbiamo portare lo spirito del Sinodo nelle nostre chiese locali, nelle nostre diocesi, comunità e cuori umani! Ciò richiederà l’impegno di tutti, la responsabilità condivisa, la saggezza e l’intuizione spirituale, lo zelo missionario e il grande sostegno dello Spirito Santo.

Eccellenza, lei è  uno dei cinque vescovi redentoristi che prestano servizio nella Pan-Amazzonia. Quali elementi della pratica missionaria redentorista sono utili per il suo lavoro  diocesi?

Nel mio motto episcopale ho scritto “DISCIPULUS MISSIONARIUS REDEMPTORIS”. Quindi cerco di rendere il mio discepolato un missionario nonostante i limiti umani. Personalmente, i Redentoristi e la loro spiritualità sono molto preziosi e contribuiscono molto al lavoro missionario del vescovo. Qui, in Amazzonia, il nostro carisma redentorista è molto attuale! Citerò solo gli elementi più importanti: l’amore per Cristo Redentore, l’evangelizzazione, specialmente per i poveri, l’amore per la Chiesa e il nostro popolo, la perseveranza nella missione affidata, lo spirito di preghiera, la semplicità nel modo di vivere, la capacità di essere sempre in movimento, accessibile, la pietà mariana, la ricerca della santità … La mancanza che posso sentire è la scarsità della vita comunitaria, sebbene, d’altra parte, una certa “solitudine” appartenga all’esistenza umana, compreso il ministero missionario del vescovo.

Quando di recente ho visitato l’Accademia Alfonsiana, Padre Alfonso Amarante, Preside di questa università, mi ha dato un libro intitolato: “Approfondimenti: fondamenti e luoghi di attuazione”. Sant’Alfonso Maria de Liguori, nostro fondatore e Dottore della Chiesa, ha parlato molto del ruolo della coscienza nella vita cristiana. Questa missione di formazione della coscienza e del giusto discernimento è di grande attualità e molto necessaria nella società pluralistica di oggi, ma spesso disorientata e persa. Questo è un altro elemento caratteristico della nostra tradizione, importante per il missionario e il vescovo.

Il Sinodo si è svolto ad ottobre, il mese della missione. Come si può sostenere la Chiesa nella regione amazzonica?

E’ stata la volontà del Santo Padre, che noi vivessimo per la prima volta ottobre come “Mese Missionario Straordinario”. In Brasile, ottobre è anche il Mese del Rosario, ma soprattutto è il Mese Missionario. La chiesa è per sua natura missionaria! La forza della testimonianza missionaria viene dalla contemplazione, dalle mani complesse, dall’Eucaristia, dall’ascolto della parola di Dio, dal contatto con persone particolarmente bisognose …

Esistono molte forme di aiuto per le missioni. La preghiera è insostituibile nel lavoro di supporto alla missione! E questo è ciò che ognuno di noi può fare, pregando per le missioni e per specifici missionari. Possiamo sostenere la Chiesa in Amazzonia andando in missione come sacerdoti, religiosi e volontari laici. Possiamo sostenere le missioni con la nostra sofferenza mentre offriamo le nostre varie difficoltà di vita a Dio.

Possiamo anche sostenere la Chiesa in Amazon attraverso un aiuto materiale specifico. I costi di evangelizzazione: sosteniamo spese per l’acquisto e il rinnovamento delle navi, per il carburante per lunghi viaggi missionari, per la costruzione di nuove chiese e centri pastorali, per la costosa formazione di seminaristi, per la gestione di stazioni radio, per varie opere di beneficenza e pastorali … La Chiesa in Amazzonia è povera e richiede un sostegno materiale per evangelizzare e per farlo in modo più efficace! Quindi siamo molto grati a coloro che ci aiutano e preghiamo costantemente per loro.

La ringrazio molto per l’intervista

P. Grzegorz Ruszaj CSsR, Scala News

 

Print Friendly, PDF & Email