La parrocchia redentorista di Baltimora aiuta i professionisti medici

0
457

La maggior parte della congregazione del Redentorista padre Bruce Lewandowski al Sacro Cuore di Gesù a Highlandtown è rimasta bloccata dentro per giorni, alcuni si sentono impotenti mentre il coronavirus si è rapidamente diffuso in tutto il paese. Sino quando ha ricevuto una telefonata per necessità mediche, padre Lewandowski sapeva di aver trovato un modo per dare uno scopo ai suoi parrocchiani.

“Dobbiamo fare qualcosa per essere in grado di aiutare i professionisti medici. Quindi, quando è successo, penso che tutti stessero aspettando di saltarci sopra”, ha detto padre Lewandowski. “Le persone vogliono sentirsi utili e vogliono sentirsi come se stessero facendo qualcosa per aiutare i malati”.

La congregazione prevalentemente ispanica, conosciuta anche come Sagrado Corazón de Jesús, è una delle quattro chiese di Baltimora che fungono da siti di riconsegna per la cooperativa di mutuo soccorso degli operatori sanitari di Baltimora ogni giorno dalle 10 alle 16, fino al 29 marzo. Il gruppo è alla ricerca di donazioni di dispositivi di protezione individuale (o DPI) come maschere N95, maschere chirurgiche, maschere facciali, occhiali protettivi, camici isolanti, salviette Clorox e disinfettante per le mani.

Le forniture saranno donate al dipartimento sanitario della città di Baltimora, dove saranno distribuite a cliniche sanitarie di primo piano come l’assistenza sanitaria per i senzatetto e altre strutture che si occupano di alcune delle popolazioni più vulnerabili della città.

Julius Ho, un medico residente presso il Johns Hopkins Hospital, è uno dei leader della cooperativa di mutuo soccorso di Baltimora di recente costituzione. Ho ha detto che gli ospedali e le altre strutture sanitarie non dispongono dell’attrezzatura necessaria a causa di una serie di fattori.

Prima di tutto, Ho ha affermato che la richiesta è ai massimi storici con quasi tutti i paesi del mondo in cerca di forniture mediche. Nel frattempo, molti di questi articoli sono fabbricati in Cina, che ha chiuso la sua economia all’inizio di quest’anno nel tentativo di fermare la diffusione del nuovo coronavirus e la malattia che causa, COVID-19.

È una situazione classica: alta domanda, a bassa offerta ma con conseguenze potenzialmente mortali, ha riferito Ho.

Senza equipaggiamento protettivo, gli operatori sanitari possono facilmente contrarre COVID-19. Nelle epidemie di altri paesi, molti operatori sanitari sono stati infettati e sono morti a causa della malattia. Ho ha detto di aver sentito notizie di carenze di forniture mediche in aree più colpite, costringendo medici e infermieri a proteggersi in modi meno efficaci, usando bandane e sciarpe.

“Fortunatamente, a Baltimora, non siamo ancora a quel punto”, ha detto Ho. “Ma molte cliniche e ospedali in cui stiamo lavorando stanno già implementando misure per cercare di conservare e razionare questi preziosi DPI il più possibile.”

Ho ha affermato che il bisogno più grande sono le maschere N95, che vengono utilizzate anche dai lavoratori di altri settori come l’edilizia.

“Quando i medici e gli infermieri si prendono cura dei pazienti con COVID, che è una malattia respiratoria, indossano maschere N95 durante le procedure a più alto rischio in modo che tutto ciò che viene aerosolizzato dalla bocca o dal naso del paziente non passi al fornitore di assistenza sanitaria”, ha detto Ho.

Fino a poche settimane fa, le persone potevano facilmente trovare maschere N95 in un negozio di ferramenta locale.

“Ci sono molte persone che potrebbero averli in giro nel loro garage. Anche i saloni per tatuaggi e i saloni di bellezza usano le normali maschere per il viso e guanti usa e getta “, ha detto Ho. “Le persone nelle arti creative indossano maschere quando si spruzzano o dipingono o lavorano il legno”.

Tim Swift

fonte: Catholic Review / Archidiocese Baltimore

Print Friendly, PDF & Email