Dare una mano al tempo di COVID 19 dai Redentoristi del santuario di Fatima, Calcutta

0
377

(Calcutta, India) – Il COVID -19 ha improvvisamente superato le nostre vite e ha cambiato tutto ciò che abbiamo considerato normale. Ha modificato la nostra prospettiva sul nostro lavoro e sulla nostra vita personale e ci sta facendo ripensare a ciò che è più importante per noi. Il blocco nazionale ci ha dato il tempo di riflettere su ciò che è una priorità nella nostra vita: famiglia, preghiera, Dio. Tuttavia, non tutti hanno il privilegio di riflettere e pensare. Non tutti hanno una bella casa in cui essere al sicuro, lavarsi costantemente le mani e rimanere al sicuro e protetti. Fotografie dopo fotografie, notizie dopo notizie hanno mostrato come i poveri e gli emarginati siano influenzati dal blocco nazionale.

Durante tutto il tempo tumultuoso, ci viene costantemente ricordato di ciò che Gesù disse in Matteo 25, 40: “Perché avevo fame e mi hai dato qualcosa da mangiare, avevo sete e mi hai dato qualcosa da bere”.

Prendendo a cuore questo, i padri redentoristi della chiesa del santuario di Fatima, Calcutta, decisero di percorrere la via del Signore. Sotto la guida di don Francis Mukul Mondal (rettore), don Amar Bagh (parroco), don Richard David, don Francis Satish Makal e fratello Sansone presero l’iniziativa per rispondere ai bisogni dei più poveri della parrocchia.

In una chiesa di circa 925 famiglie, circa 600 famiglie dipendono dai salari giornalieri per sostenere le loro famiglie. Un tipo di movimento sociale è stato galvanizzato per soddisfare le esigenze di una vasta parte dei nostri parrocchiani – i lavoratori salariati giornalieri. Sono principalmente quelli che sono occupati come braccianti quotidiani, tiratori di risciò, tassisti e cameriere. Con il sostegno dei membri di SVP, della Famiglia e delle Celle della salute, i sacerdoti hanno istituito una modalità per affrontare il problema.

L’iniziativa era di fornire razioni a tutte le 450 famiglie che avrebbero contribuito a sostenerle per qualche tempo. Attraverso la generosa raccolta di fondi da parte dei parrocchiani, sono stati acquistati pacchi dal mercato all’ingrosso e sono stati realizzati pacchetti familiari che avrebbero aiutato a superare parte del blocco. Sono stati acquistati un totale di 24 quintali di riso, 6 quintali di dal e 12 quintali di patate. È stato stimato che ciascun pacchetto familiare consisterebbe in 4 kg di riso, 1 kg di dal e 2 kg di patate.

I volontari provenivano da tutti i ceti sociali e di tutte le età della parrocchia. Trascorsero del tempo nello smistamento e nell’imballaggio dei pacchetti familiari. Durante lo smistamento e l’imballaggio sono state mantenute le distanze fisiche e gli equipaggiamenti protettivi.

Le aree in cui risiedevano le famiglie erano divise in tre aree distinte. È stato selezionato un leader locale che ha identificato i più vulnerabili e bisognosi. È stato redatto un elenco e alle famiglie identificate è stato chiesto di raccogliere le razioni familiari dalla chiesa nel giorno specificato per l’area.

La distribuzione della razione si è svolta dal 5 all’8 aprile presso la chiesa. La chiesa ha impostato i parametri richiesti per la distribuzione. Non più di 4 persone erano ammesse nei locali della chiesa e dovevano stare a 1,5 metri di distanza. Padre Mukul e Padre Amar indossavano l’equipaggiamento protettivo necessario per consegnare i pacchi a un rappresentante della famiglia. Alla fine di 4 giorni estenuanti, tutti erano felici di aver fatto la differenza nella vita di qualcuno in questo momento difficile.

Mentre la pandemia si avvicina alle nostre porte, anche l’empatia e la compassione illuminano le nostre vite. Ci rendiamo conto che siamo tutti insieme, per il lungo raggio. E quindi dobbiamo sostenerci e aiutarci a vicenda nei giorni bui e nelle notti fino all’alba di un nuovo giorno. Perché verrà una nuova alba e ciò che abbiamo considerato normale per tutte le nostre vite, non sarà più normale. E attraverso tutto ciò, interiorizziamo e dimostriamo ciò che Gesù ha detto: “Qualsiasi cosa tu fai al più piccolo dei mie fratelli, lo fai a me”.

Padre Mukul Mondal, C.Ss.R.

Print Friendly, PDF & Email